Pazienti psicotici e condotte aggressive: le correlazioni

Le condotte aggressive nei pazienti psicotici sono più frequenti in presenza di spiccata impulsività, ideazione suicidaria e qualità della vita scadente.

ID Articolo: 183601 - Pubblicato il: 30 marzo 2021
Pazienti psicotici e condotte aggressive: le correlazioni
Messaggio pubblicitario SFU 2020
Condividi

Solitamente i pazienti affetti da psicosi non sono violenti, ma se si confrontano con la popolazione generale hanno una maggiore probabilità di manifestare condotte aggressive (Volavka, 2008).

 

Messaggio pubblicitario Laddove si evidenziano le condotte violente, esse sono dirette prevalentemente verso i propri familiari e verso gli operatori sanitari (Faay e al., 2020). I comportamenti ostili nei confronti dell’alterità sono inversamente proporzionali alla percezione della qualità della vita. In pratica, essi decrescono man mano che migliora la qualità della vita dei pazienti psichiatrici.

Le condotte violente sono state correlate con l’impoverimento dei rapporti sociali, che sovente si instaura nei pazienti affetti da psicosi (Lahera e al., 2015). In aggiunta, alcune peculiarità quali il sesso maschile, le condizioni economiche disagiate, l’uso della cannabis (Witt e al., 2013; Moulin e al., 2018), che caratterizzano alcuni pazienti psicotici, predispongono all’incremento delle condotte violente. Inoltre, alcuni soggetti psicotici, che manifestano tendenze suicide, un’impulsività marcata e fasi di eccitazione maniacale, hanno maggiori probabilità di sviluppare comportamenti violenti (Witt e al., 2014).

Alcune criticità, che si sono verificate durante il periodo infantile, possono incrementare nell’età adulta i comportamenti aggressivi e violenti nelle persone a cui è stata diagnosticata una sindrome schizofrenica. Infatti, l’aver subito abusi fisici e sessuali nell’età evolutiva può implementare la tendenza alla violenza (Swanson e al., 2006; Bosqui e al., 2014). In aggiunta, difficoltà nelle relazioni sociali con deficit delle abilità sociali durante l’infanzia e l’adolescenza possono aumentare le condotte violente negli adulti psicotici (Fresán e al., 2004).

Nei pazienti psicotici, che hanno dei comportamenti aggressivi nei confronti dell’alterità, si trovano con una certa costanza una serie di tentativi di suicidio. Questa constatazione conduce all’ipotesi che esiste una stretta correlazione fra aggressività verso se stessi e aggressività verso gli altri (Witt e al., 2013; Witt e al., 2014). Alla base di questa aggressività ci sarebbe, probabilmente, una spiccata tendenza all’impulsività.

Messaggio pubblicitario Una recente ricerca (Faay e al., 2020) ha seguito per 6 anni 1119 pazienti ai quali era stata diagnosticata una sindrome psicotica. Solo il 2,8% dei soggetti monitorati ha messo in evidenza dei comportamenti aggressivi. Di questa percentuale, lo 0,8% si è reso responsabile di azioni che hanno messo in pericolo l’incolumità altrui e l’1,8% è stato protagonista di maltrattamenti verso persone del proprio entourage. I comportamenti violenti nei confronti dell’alterità sono stati più frequenti nei soggetti che hanno manifestato un’ideazione suicidaria e sono di sesso maschile. Si sono resi responsabili di maltrattamenti gli individui che nella loro infanzia hanno subito un abuso o sono stati oggetto di trascuratezza genitoriale.

In conclusione, i pazienti psicotici hanno una bassa probabilità di sviluppare comportamenti violenti. Tale condotte appaiono più frequenti nei soggetti che manifestano una spiccata impulsività, presentano un’ideazione suicidaria, hanno una qualità della vita scadente con scarse frequentazioni sociali e mostrano una tendenza alla maniacalità. Inoltre, la tendenza all’aggressività viene implementata da alcune caratteristiche socio – demografiche, quali il sesso maschile e le condizioni economiche disagiate. Frequente è l’associazione dei comportamenti violenti con alcune peculiarità presenti nella storia di vita, quali l’essere stati oggetto di abuso durante l’infanzia, l’aver avuto difficoltà sociali nel periodo adolescenziale e il provenire da una famiglia inadeguata.

 

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 4, media: 5,00 su 5)

Consigliato dalla redazione

Psicosi ed esordio psicotico: nuove concettualizzazioni cliniche e diagnostiche

Rischio psicosi ed esordio psicotico: stato dell'arte e review delle nuove concettualizzazioni cliniche e diagnostiche relative agli stati mentali high risk

In tema psicosi, negli ultimi anni vi è stato uno sviluppo di nuovi modelli di riconoscimento dell' esordio psicotico, focalizzati sulle fasi prodromiche

Bibliografia

  • Bosqui, T., J., Shannon, C., Tiernan, B., Beattie, N., Ferguson, J., Mulholland, C. (2014). Childhood trauma and the risk of violence in adulthood in a population with a psychotic illness. J Psychiatr Res, 54:121–25.
  • Faay, M., D., M., van Os, J., the Genetic Risk and Outcome of Psychosis (GROUP) Investigators (2020). Aggressive Behavior, Hostility, and Associated Care Needs in Patients With Psychotic Disorders: A 6-Year Follow-Up Study. Front. Psychiatry, 10:934.
  • Fresán, A., Apiquian, R., de la Fuente-Sandoval, C., Garćıa-Anaya, M., Loyzaga, C., Nicolini, H. (2004).  Premorbid adjustment and violent behavior in schizophrenic patients. Schizophr Res, 69 (2-3):143–48.
  • Lahera, G., Herrera, S., Reinares, M., Benito, A., Rullas, M., Gonzalez-Cases, J. (2015). Hostile attributions in bipolar disorder and schizophrenia contribute to poor social functioning. Acta Psychiatr Scand, 131(6):472–82.
  • Moulin, V., Baumann, P., Gholamrezaee, M., Alameda, L., Palix, J., Gasser, J. (2018). Cannabis, a significant risk factor for violent behavior in the early phase psychosis. two patterns of interaction of factors increase the risk of violent behavior: Cannabis use disorder and impulsivity; cannabis use disorder, lack of insight and treatment adherence. Front Psychiatry, 9:294.
  • Swanson, J., W., Swartz, M., S., Van Dorn, R., A., Elbogen, E., B., Wagner, H., R., Rosenheck, R., A. (2006). A national study of violent behavior in persons with schizophrenia. Arch Gen Psychiatry,  63(5):490–99.
  • Volavka, J. (2008). Neurobiology of violence. Washington, DC, USA: American Psychiatric Pub.
  • Witt, K., van Dorn, R., Fazel, S. (2013).  Risk factors for violence in psychosis: systematic review and meta-regression analysis of 110 studies. PloS One, 8(2): e55942.
  • Witt, K., Hawton, K., Fazel, S. (2014).  The relationship between suicide and violence in schizophrenia: analysis of the Clinical Antipsychotic Trials of Intervention Effectiveness (CATIE) dataset. Schizophr Res, 154 (1-3):61–7.
State of Mind © 2011-2021 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Si parla di

Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario