Centri Clinici

Divenire anche mamma – Moms, una nuova serie su maternità e genitorialità

"Moms", una rubrica sulla maternità e sulla genitorialità che mira a rendere consapevole ogni donna del proprio diritto ad essere madre a modo proprio

ID Articolo: 179301 - Pubblicato il: 04 novembre 2020
Divenire anche mamma – Moms, una nuova serie su maternità e genitorialità
Messaggio pubblicitario SFU 2020
Condividi

Nel seguente articolo, il primo della serie, verrà affrontato il tema della nascita di una madre e della sua autoconsapevolezza, che spesso è minata dall’introiezione di regole e di aspettative altrui

Moms – (Nr.1) Divenire anche mamma

Introduzione

Messaggio pubblicitario La serie tv canadese Workin’ Moms, presente nella piattaforma Netflix, nonostante il titolo all’apparenza selettivo, si focalizza sull’unicità e la diversità di ogni donna: mamma e non mamma, lavoratrice e non lavoratrice.

Il telefilm affronta il tema della maternità a 360 gradi, includendo anche coloro che non vogliono divenire madri. Viene anche “normalizzata” la figura del papà che sceglie di prendersi cura del figlio appieno, valorizzando l’equiparazione dei sessi e liberando la donna da convinzioni culturali che a lungo hanno assegnato ruoli impedenti la libera scelta.

La rubrica si focalizza sui temi riportati negli episodi della serie tv sopra citata, selezionandone gli argomenti. L’analisi di ogni tema avviene attraverso la lente dell’approccio psicologico sistemico – relazionale – simbolico – esperienziale.

La finalità principale della rubrica è quella di rendere consapevole ogni donna del proprio diritto ad essere madre a modo proprio o di non esserlo affatto, senza per questo sentirsi “sbagliata”, ma sempre più incentivata a trovare la propria strada dentro di sé.

Essendo il tema principale la maternità, il titolo scelto per la rubrica è Moms.

Diventare anche mamma

“E’ difficile pensare che sei la mamma di qualcuno.”
“Non ne hai idea.”

Nella prima puntata della prima stagione di Workin’ Moms questo è uno dei primi scambi tra Kate Foster, la protagonista, e il suo capo, poco dopo il suo ritorno al lavoro dal periodo di maternità.

Si dice che quando nasce un bambino, nasce anche una mamma e mai affermazione sembra più empatica. Alcune donne iniziano ad intessere la relazione più significativa della vita del proprio bambino sin dalla gestazione, altre dopo il parto, altre ancora dopo averne ottenuto l’adozione.

Messaggio pubblicitario E proprio come quando un essere umano nel momento in cui nasce riesce naturalmente a trovare il seno materno per nutrirsi e dorme al bisogno, così una donna quando diviene anche madre è capace di esserlo in modo spontaneo. Una madre infatti riconosce dentro di sé i bisogni del proprio figlio, così come la donna che è in lei riconosce i propri bisogni.

Possono nascere delle difficoltà quando la donna che è appena divenuta mamma inizia a credere che l’esperienza altrui possa essere più rilevante del proprio “sesto senso” materno. In tal modo mette in discussione se stessa e le proprie capacità innate, proprio come un bambino quando inizia a sollevarsi da solo e per elementi come l’ansia genitoriale rischia di ritardare il proprio sviluppo.

L’accettazione di se stessa in quanto essere umano tra altri esseri umani, aiuta la madre che nasce a sentirsi capace di capire proprio figlio.

I bambini spesso non si agitano solo per i propri bisogni, ma anche perché sentono l’ansia materna di non riuscire ad ottemperare ad introiezioni di aspettative altrui o di regole scritte sui manuali.

Purtroppo non esiste alcun libro che possa spiegare come comportarsi con il proprio figlio, poiché ogni essere umano è differente e così lo è ogni situazione familiare in cui si viene a trovare. Eppure ancora oggi alcune donne credono che possa esserci qualcuno che ne sa più di loro rispetto all’essere umano di cui è lei ad occuparsi e che spesso è uscito proprio da lei.

Il rischio che ne consegue è una donna che va in tilt, compressa tra come si muoverebbe naturalmente e ciò che crede di dover seguire per essere una buona mamma.

Uno dei pochi autori che una madre dovrebbe leggere è Winnicott, il quale sosteneva che la madre migliore non fosse quella perfetta, ma quella sufficientemente buona.

La maternità è un cambiamento emotivo, ormonale e fisico, dove il corpo della donna è in continua rapida evoluzione. È importante, dunque, affinché la donna non resti schiacciata da un forte Super Io, che impari ad ascoltarsi, perché solo lei può sapere cosa è meglio per sé e per il suo bambino. Nessun libro può avere la presunzione di sapere come funzionano due esseri umani che l’autore non ha mai incontrato.

Ebbene, come dice Kate Foster nello scambio con il proprio capo, è un passaggio complesso quello da donna a donna e madre ed è difficile riconoscere questo ruolo come una parte di sé. È  fondamentale durante il transito non perdere se stesse e la consapevolezza che il proprio modo di ragionare e di agire sia il migliore per sé e per la creatura di cui si è responsabili.

 

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 6, media: 4,83 su 5)

Consigliato dalla redazione

https://www.stateofmind.it/wpMaternita: responsabilita e problematiche da affrontare per le neo mamme

La “buona madre” e il mal-essere materno. Una riflessione sugli aspetti negativi della maternità

Capita spesso con l'avvento della maternità si assista anche all'esordio di una patologia clinicamente rilevante per la neo mamma.
State of Mind © 2011-2021 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Messaggio pubblicitario