expand_lessAPRI WIDGET

ADHD e disturbi psichiatrici: quale associazione?

Sembra che i bambini con ADHD mostrino una comorbidità molto alta con alcuni disturbi psichiatrici, come disturbi d'ansia, dell'umore o comportamentali.

Di Ilaria De Mola

Pubblicato il 28 Set. 2020

L’ADHD o disturbo da deficit di attenzione/iperattività è un disturbo i cui sintomi compaiono prima dei 12 anni, durano almeno sei mesi, e causano problemi in almeno due contesti di vita.

 

Sono generalmente presenti problematiche nel mantenere l’attenzione ed eccessiva attività e/o difficoltà nel controllare il proprio comportamento, interfererendo con il buon funzionamento dell’individuo e compromettendo la qualità della sua vita (American Psychiatric Association [APA], 2013). Infatti, possono presentarsi problemi scolastici, difficoltà relazionali e complicanze in ambito lavorativo (Massetti et al., 2008; Strine et al., 2006), oltre che comorbidità con altri disturbi.

Una datata meta-analisi ha messo a confronto la presenza di comorbidità con disturbi psichiatrici in bambini con e senza ADHD ed ha rilevato nei soggetti con ADHD una comorbidità del 10.7 % per i disturbi di condotta, del 5.5 % per i disturbi depressivi, del 3.0 % per i disturbi d’ansia (Angold, Costello, &Erkanli, 1999). Un recente studio (Larson et al., 2011) ha confermato i risultati precedentemente ottenuti, trovando che nei bambini tra i 6 i 17 anni con ADHD, il 33% ha una comorbidità con un altro disturbo psichiatrico, il 16% con due disturbi, e il 18% con tre o più disturbi psichiatrici.

A partire da queste premesse e volendo estendere i dati fino ad ora ottenuti, il presente studio (Cuffe et al., 2020) vuole indagare se i bambini con disturbo da deficit di attenzione/iperattività hanno più probabilità di avere una comorbidità con un altro disturbo psichiatrico in confronto a bambini senza ADHD, se coloro che presentano una comorbidità avranno maggiori problematiche rispetto a coloro che non presentano tale comorbidità o non hanno ADHD e, infine, se i bambini con ADHD e disturbo oppositivo provocatorio avranno maggiori problemi di condotta rispetto a coloro che hanno solo il disturbo di attenzione/iperattività.

Dopo aver individuato i bambini con ADHD nelle scuole del Sud Carolina e dell’Oklahoma, i loro genitori sono stati sottoposti al Diagnostic Interview Schedule for Children 4° versione (DISC; Shaffer, Fisher, Lucas, Dulcan, &Schwab-Stone, 2000), per valutare la presenza di disturbo di ansia generalizzata (GAD), di disturbo ossessivo compulsivo (OCD), di disturbo da stress post-traumatico (PTSD), di depressione maggiore o disturbo distimico, di mania/ipomania, di disturbo oppositivo provocatorio (ODD), di disturbo di condotta (CD), disturbo di ansia di separazione e fobia sociale in bambini con diagnosi di ADHD.

I risultati hanno rilevato che i disturbi psichiatrici sono prevalenti nei bambini con disturbo da deficit di attenzione/iperattività e che la probabilità della presenza di più di una comorbidità è molto alta, confermando le ipotesi iniziali. Tuttavia, si è trovato una differenza non significativa nelle performance scolastiche nei bambini diagnosticati con ADHD con o senza ODD e CD, disconfermando l’ipotesi secondo cui la presenza di un disturbo di condotta o di un disturbo oppositivo provocatorio possa compromettere il funzionamento dell’individuo in ambito accademico, relazione che è stata invece rilevata tra ADHD e disturbi d’ansia e/o dell’umore (Larson et al., 2011).

Alla luce di questi risultati, è opportuno incrementare il numero degli interventi di assessment e psico-educativi, per migliorare i risultati scolastici di coloro che presentano ADHD in comorbidità con disturbi d’ansia e/o dell’umore, e interventi preventivi per i bambini con ADHD e disturbo di condotta o disturbo oppositivo provocatorio, per evitare atti di delinquenza o problemi comportamentali in ambito scolastico, che i dati hanno evidenziato essere frequenti (Thomas, 2010).

 

Si parla di:
Categorie
RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI
  • American Psychiatric Association. (2013). Diagnostic and statistical manual of mental disorders (5th ed.). Arlington, VA: American Psychiatric Publishing.
  • Angold, A., Costello, E. J., &Erkanli, A. (1999). Comorbidity. Journal of Child Psychology and Psychiatry, 40, 57-87.
  • Cuffe, S. P., Visser, S. N., Holbrook, J. R., Danielson, M. L., Geryk, L. L., Wolraich, M. L. (2020). ADHD and Psychiatric Comorbidity: Functional Outcomes in a School-Based Sample of Children. Journal of Attention Disorders, 24(9), 1345-1354.
  • Larson, K., Russ, S. A., Kahn, R. S., &Halfon, N. (2011). Patterns of comorbidity, functioning, and service use for US children with ADHD, 2007. Pediatrics, 127, 462-470.
  • Massetti, G. M., Lahey, B. B., Pelham, W. E., Loney, J., Ehrhardt, A., Lee, S. S., &Kipp, H. (2008). Academic achievement over 8 years among children who met modified criteria for attention-deficit/hyperactivity disorder at 4-6 years of age. Journal of Abnormal Child Psychology, 36, 399-410.
  • Shaffer, D., Fisher, P., Lucas, C. P., Dulcan, M. K., & Schwab-Stone, M. E. (2000). NIMH Diagnostic Interview Schedule for Children Version IV (NIMH DISC-IV): Description, differences from previous versions, and reliability of some common diagnoses. Journal of the American Academy of Child & Adolescent Psychiatry, 39, 28-38.
  • Strine, T. W., Lesesne, C. A., Okoro, C. A., McGuire, L. C., Chapman, D. P., Balluz, L. S., et al. (2006). Emotional and behavioral difficulties and impairments in everyday functioning among children with a history of attention-deficit/hyperactivity disorder. Preventing Chronic Disease, 3, A52.
  • Thomas, C. R. (2010). Oppositional defiant disorder and conduct disorder. In M. K. Dulcan (Ed.), Dulcan’s textbook of child and adolescent psychiatry (pp. 223-239). Washington, DC: American Psychiatric Publishing.
CONSIGLIATO DALLA REDAZIONE
MIndfulness per il trattamento dellADHD in bambini e adolescenti
La Mindfulness nel trattamento dell’ADHD: recenti ricerche e adattamenti italiani

Mindfulness e meditazione si stanno rivelando efficaci nel regolare alcuni meccanismi (come l'attenzione) alla base dell'ADHD in bambini e adolescenti

ARTICOLI CORRELATI
Il declino dell’attenzione nelle nuove generazioni

Quali sono le conseguenze di un uso massiccio dei dispositivi digitali sull’attenzione nelle nuove generazioni?

L’effetto Stroop

La scoperta dell’effetto Stroop ha condotto allo sviluppo dell'omonimo test usato per valutare la capacità di inibire l’interferenza cognitiva

cancel