inTherapy

Una proposta euristica sul Disturbo di Panico – Video-intervista al Professor Giampaolo Perna

In una video-intervista il Professor Perna presenta una nuova proposta teorica del Disturbo di Panico basata su alcuni studi scientifici.

ID Articolo: 175406 - Pubblicato il: 08 giugno 2020
Una proposta euristica sul Disturbo di Panico – Video-intervista al Professor Giampaolo Perna
Messaggio pubblicitario SFU 2020
Condividi

Una prospettiva alternativa sul Disturbo di Panico suggerisce che i pazienti con PD abbiano un funzionamento anormale del corpo, che coinvolge principalmente i sistemi cardiorespiratorio e di equilibrio, portando a un declino della forma fisica globale.

Martina Spelta e Valentina Pozzesi – OPEN SCHOOL, Psicoterapia Cognitiva e Ricerca Milano

 

Messaggio pubblicitario Nel video abbiamo intervistato il Professor Giampaolo Perna su una nuova proposta teorica sul Disturbo di Panico che si basa su alcuni studi scientifici (per approfondimenti si veda in Bibliografia). Il professore è al primo posto tra gli esperti per il Disturbo di Panico in Italia e in Europa e tra i primi tre nel Mondo.

Attualmente, il disturbo di panico (PD) è considerato un disturbo mentale basato sull’ipotesi che gli attacchi di panico (PA) siano “falsi allarmi” che derivano da sistemi di difesa anormalmente sensibili nel sistema nervoso centrale e che il PD viene trattato con terapie che agiscono specificamente sull’ansia o sui meccanismi della paura. Il professore presenta una prospettiva alternativa basata sui risultati di alcuni studi sperimentali. La proposta euristica suggerisce non solo che il Disturbo di Panico possa essere un disturbo mentale, ma anche che i pazienti con PD abbiano un funzionamento anormale del corpo, che coinvolge principalmente i sistemi cardiorespiratorio e di equilibrio, portando a un declino della forma fisica globale.

Messaggio pubblicitario Gli attacchi di panico, così come i sintomi fisici o il disagio in alcune situazioni ambientali, possono essere “allarmi reali” che indicano che le risorse di adattamento di un organismo sono insufficienti per rispondere appropriatamente ad alcuni cambiamenti interni o esterni, rappresentando così la consapevolezza cosciente transitoria di uno squilibrio del funzionamento del corpo. I diversi trattamenti odierni per il Disturbo di Panico includono, tra i loro effetti, benefici sulle funzioni corporee.

Sebbene i meccanismi di ansia o paura siano evidentemente coinvolti nel Disturbo di Panico, questa teoria ipotizza che anomalie della forma fisica siano il “primum movens” del PD. L’ansia o la paura sono, invece, indotte e sostenute dai ripetuti segnali del funzionamento alterato del corpo. Questa teoria pertanto si propone di considerare il panico in una prospettiva più ampia dove il trattamento sia multidisciplinare e personalizzato, che comprenda la psicoterapia cognitivo-comportamentale, la terapia farmacologica e trattamenti somatici.

 

DISTURBO DI PANICO – GUARDA L’INTERVISTA INTEGRALE AL PROF. GIAMPAOLO PERNA:

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 49, media: 4,51 su 5)

Consigliato dalla redazione

Cavarsela nell'epoca degli attacchi di panico senza Pan

L'epoca degli attacchi di panico

Possiamo gestire e controllare il panico razionalmente, accettando l'ansia saggiamente, oppure subirlo in uno stato di completa impotenza emotiva. Impotenza che è diminuita nel corso delle epoche storiche, ma che

Bibliografia

  • Perna G, Caldirola D, Is panic disorder a disorder of physical fitness? A heuristic proposal.
  • Caldirola D, Namia C, Micieli W, Carminati C, Bellodi L, Perna G. Cardiorespiratory response to physical exercise and psychological variables in panic disorder. Rev Bras Psiquiatr. 2011;33:385–9.
  • Caldirola D, Bellodi L, Caumo A, Migliarese G, Perna G. Approximate entropy of respiratory patterns in panic disorder. Am J Psychiatry. 2004;161:79–87.
  • Niccolai V, van Duinen MA, Griez EJ. Respiratory patterns in panic disorder reviewed: a focus on biological challenge tests. Acta Psychiatr Scand. 2009;120:167–77.
  • Grassi M, Caldirola D, Vanni G, Guerriero G, Piccinni M, Valchera A, Perna G. Baseline respiratory parameters in panic disorder: a meta-analysis. J Affect Disord. 2013;146:158–73.
  • Grassi M, Caldirola D, Di Chiaro NV, Riva A, Daccò S, Pompili M, Perna G. Are respiratory abnormalities specific for panic disorder? A meta-analysis. Neuropsychobiology. 2014;70:52–60.
  • Caldirola D, Bellodi L, Cammino S, Perna G. Smoking and respiratory irregularity in panic disorder. Biological Psychiatry. 2004;56:393–8.
  • Caldirola D, Schruers KR, Nardi AE, Berardis D de, Fornaro M, Perna G. Is there cardiac risk in panic disorder? An updated systematic review. J Affect Disord. 2016;194:38–49.
  • Perna G, Dario A, Caldirola D, Stefania B, Cesarani A, Bellodi L. Panic disorder: the role of the balance system. J Psychiatr Res. 2001;35:279–86.
  • Teggi R, Caldirola D, Bondi S, Perna G, Bellodi L, Bussi M. Vestibular testing in patients with panic disorder and chronic dizziness. Acta Otorhinolaryngol Ital. 2007;27:243–7.
  • Perna G, Alpini D, Caldirola D, Raponi G, Cesarani A, Bellodi L. Serotonergic modulation of the balance system in panic disorder: an open study. Depress Anxiety. 2003;17:101–6.
  • Perna G, Ieva A, Caldirola D, Bertani A, Bellodi L. Respiration in children at risk for panic disorder. Arch Gen Psychiatry. 2002;59:185–6.
  • Perna G, Caldirola D, Bellodi L. Panic disorder: from respiration to the homeostatic brain. Acta Neuropsychiatr. 2004;16:57–67.
  • Perna G, Barbini B, Cocchi S, Bertani A, Gasperini M. 35% CO2 challenge in panic and mood disorders. J Affect Disord. 1995;33:189–94.
  • Perna G, Cocchi S, Bertani A, Arancio C, Bellodi L. Sensitivity to 35% CO2 in healthy first-degree relatives of patients with panic disorder. Am J Psychiatry. 1995;152:623–5.
State of Mind © 2011-2021 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario