Messaggio pubblicitario Master DA 2020

Videointervista a pazienti con disturbi alimentari in cura presso il Centro Disturbi dell’Alimentazione di Milano – Quarantena dentro la quarantena: quando la possibilità della cura diventa risorsa

Una videointervista in cui viene data voce ai pazienti con disturbi alimentari, alle prese con il loro delicato percorso di cura durante la quarantena

ID Articolo: 174781 - Pubblicato il: 19 maggio 2020
Videointervista a pazienti con disturbi alimentari in cura presso il Centro Disturbi dell’Alimentazione di Milano – Quarantena dentro la quarantena: quando la possibilità della cura diventa risorsa
Messaggio pubblicitario SFU 2020
Condividi

Per gestire la sensazione di incertezza, annullare ogni forma di sofferenza e sentirsi soddisfatti di sé, le persone con Disturbi alimentari aumentano il controllo del proprio peso (Sassaroli, Ruggero e Fiore, 2016). Quindi, la situazione attuale può aggravare questi comportamenti sintomatici, in quanto innesca diversi meccanismi di mantenimento.

 

Messaggio pubblicitario In quest’ultimo periodo in Italia, come in molte altre nazioni, si sta vivendo uno stato di emergenza sanitaria legata all’infezione da Coronavirus.Il governo, per limitarne la diffusione e il contagio, ha adottato delle misure restrittive, come la chiusura delle attività non essenziali, la limitazione della circolazione e la cosiddetta quarantena.

Questa situazione di crisi improvvisa si sta rivelando, giorno dopo giorno, sempre più difficile e impegnativa da affrontare. Le regolari abitudini hanno dovuto subire un netto cambiamento: non è più possibile incontrare i propri cari, abbracciarsi, rimanere a contatto con la natura, viaggiare e tante altre attività che coinvolgono la sfera sociale. La vita è limitata all’interno di quattro mura e dietro uno schermo, alimentata dalla paura del contagio e dall’incertezza.

Questi elementi possono compromettere il benessere psico-fisico delle persone e rischiare di aggravare coloro che già vivono serie problematiche psicologiche, come le persone con Disturbi Alimentari che manifestano un forte bisogno di sentirsi in controllo.

Secondo la dott.ssa R. Nocita, direttore operativo del CIP Centro Disturbi dell’Alimentazione, la quarantena e la paura del contagio aumentano la sensazione di incertezza e questa rappresenta un fattore di rischio per lo sviluppo e il peggioramento di un disturbo alimentare (ANSA, 2020).

Per gestire la sensazione di incertezza, annullare ogni forma di sofferenza e sentirsi soddisfatti di sé, le persone con disturbi dell’alimentazione aumentano il controllo del proprio peso (Sassaroli, Ruggero e Fiore, 2016).

Messaggio pubblicitario Quindi, la situazione attuale può aggravare questi comportamenti sintomatici, in quanto innesca diversi meccanismi di mantenimento. Ad esempio, non poter muoversi può aumentare la paura dell’aumento di peso, che potrà essere affrontata accentuando la restrizione dietetica. Inoltre, anche l’isolamento non aiuta, perché riduce le occasioni sociali e conviviali che favoriscono il “mettersi alla prova” e la riduzione dell’eccessiva valutazione del peso, della forma del corpo e del loro controllo (Dalle Grave, 2020).

Attraverso questa videointervista, la dott.ssa R. Nocita, sensibile alle correnti difficoltà, ha voluto chiedere direttamente a persone con problematiche alimentari la loro personale esperienza. Sono state intervistate due ragazze, che attualmente seguono un percorso ambulatoriale intensivo presso il CIPda.

Le loro affermazioni appaiano estremamente interessanti. Entrambe, all’inizio dell’emergenza, avvertivano la sensazione che il controllo stesse progressivamente sfuggendo e che erano maggiormente a rischio per la propria condizione fisica legata al sottopeso, con la conseguenza di provare più paura e preoccupazione. A fronte di ciò, le pazienti sostengono di sentirsi più sicure e positive nell’affrontare situazioni problematiche come quelle che si stanno vivendo attualmente, grazie al fatto di essere in un ambiente protetto, come il CIPda.

In conclusione, si osserva che il trattamento ha un effetto positivo nella gestione dell’incertezza, dovuta all’isolamento e alla paura del contagio. Infatti, il percorso di cura sembra favorire una maggiore flessibilità psicologica che permette di tollerare un minore controllo e di aprirsi alla fiducia.

QUARANTENA DENTRO LA QUARANTENA – GUARDA LE INTERVISTE:

 

 

 


CONTATTI

– Indirizzo: Ripa di Porta Ticinese 79, Milano
Come raggiungere il CIPda: La sede è a pochi passi dalla fermata di Porta Genova, sulla linea verde della metropolitana, ed è facilmente raggiungibile con le linee tram 2 e 10.
– Telefono: 02 36725912
E-mail: info@milano.clinichepsicoterapia.it
Orari della segreteria: lunedì-venerdì, 10-19 (In ottemperanza alla legge per la tutela dei dati personali le informazioni di tipo sanitario non vengono fornite al telefono e la consegna di certificati e copie della documentazione clinica sono rilasciate unicamente all’interessato o a persona da lui delegata per iscritto).

 

CIPda MILANO – VAI AL SITO

CIPda MILANO – MODULO CONTATTI

SEI INTERESSATO A INIZIARE UN PERCORSO? – SCARICA LA BROCHURE

SEI UN OPERATORE? – SCARICA LA BROCHURE

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 2, media: 5,00 su 5)

Consigliato dalla redazione

Disturbi alimentari e problematiche legate al Covid19 -Intervista agli esperti

Curare i Disturbi dell’Alimentazione al tempo del Coronavirus: intervista agli esperti

Illustri esperti nel trattamento dei Disturbi Alimentari spiegano in una videointervista le difficoltà più frequenti per i pazienti legate al Covid-19

Bibliografia

 

State of Mind © 2011-2020 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Categorie

Messaggio pubblicitario