expand_lessAPRI WIDGET

Soddisfazione coniugale: impatto dei tratti di personalità, ansia e depressione nelle donne in gravidanza

Sembra che la presenza di nevroticismo, ansia e depressione durante la gravidanza possano essere fattori di rischio per l’insoddisfazione coniugale.

Di Virginia Armellini

Pubblicato il 27 Gen. 2020

Un recente studio ha indagato i fattori che contribuiscono alla soddisfazione coniugale, prendendo in considerazione come ansia, depressione e profili di personalità possano influenzare questo aspetto durante la gravidanza.

 

L’importanza della valutazione della soddisfazione coniugale e dei fattori associati non può essere trascurata. La soddisfazione coniugale, infatti, determina la felicità personale e l’autorealizzazione in una relazione coniugale e ciò influisce notevolmente sul benessere di bambini e donne, specialmente durante la gravidanza, e sul benessere dell’intera famiglia e società in generale.

Il presente studio (Ezeme, Ohayi, &Mba, 2019) mira ad indagare i fattori che contribuiscono alla soddisfazione coniugale, rendendo una relazione di coppia più o meno stabile. Inoltre, sottolinea l’importanza di valutare lo stato di salute mentale delle donne in gravidanza, in modo tale che, in presenza di insoddisfazione coniugale, ansia o depressione, i profili di personalità possano essere adeguatamente valutati e le donne efficacemente sostenute. Nello specifico, gli studiosi hanno analizzato il modo in cui le persone interagiscono durante le loro relazioni e, soprattutto, hanno prestato particolare attenzione all’influenza dei tratti di personalità sulla soddisfazione coniugale. La letteratura passata, infatti, conferma che la compatibilità coniugale è influenzata dalle caratteristiche di personalità delle due persone che contraggono matrimonio. In generale, studi recenti hanno dimostrato che le caratteristiche di personalità riscontrate nelle coppie soddisfatte sono diverse da quelle riscontrate tra le coppie insoddisfatte; i comportamenti associati a specifiche caratteristiche della personalità possono contribuire alla serenità o al conflitto nella relazione (Sousou, 2004).

Uno degli strumenti più validi per la misura della personalità è il modello a cinque fattori (FiveFactors Model, FFM) che identifica cinque aspetti rilevanti della personalità, chiamati Big Five: nevroticismo, estroversione, coscienziosità, apertura all’esperienza e amicalità. I risultati delle ricerche mostrano che il nevroticismo, l’estroversione e la coscienziosità sembrano essere i fattori più importanti nel determinare come le coppie vivono e si adattano alle situazioni e alle condizioni nelle relazioni coniugali.

Il campione finale dello studio comprendeva 200 donne in gravidanza. L’obiettivo era dimostrare se e come l’ansia, la depressione e i tratti di personalità influiscono sul benessere personale e coniugale. Gli strumenti utilizzati sono:

  • Hospital Anxiety and Depression Scale (HADS): è una scala composta da 14 item, 7 si riferiscono all’ansia e 7 alla depressione.
  • Index of MaritalSatisfaction (IMS) (Hundson, 1982): è un questionario self-report costituito da 25 item i quali misurano i problemi attuali che hanno ridotto la soddisfazione coniugale.
  • Big Five Inventory (BFI): è un questionario di 44 item che valutano la personalità sulla base di cinque dimensioni (nevroticismo, estroversione, coscienziosità, apertura all’esperienza e gradevolezza).

I risultati mostrano delle correlazioni positive tra l’insoddisfazione coniugale e il nevroticismo, ansia e depressione; mentre estroversione, amicalità, coscienziosità e apertura mentale sarebbero negativamente correlate all’insoddisfazione coniugale. Tuttavia, entrambe le correlazioni di amicalità e coscienziosità non sembrano statisticamente significative; al contrario, apertura all’esperienza, nevroticismo e ansia sarebbero predittori significativi dell’insoddisfazione coniugale. In altre parole, il nevroticismo, l’ansia e la depressione possono essere fattori di rischio per l’insoddisfazione coniugale; mentre tratti della personalità come l’apertura all’esperienza e l’estroversione possono essere fattori facilitanti per la soddisfazione coniugale.

Questi risultati potrebbero derivare dal fatto che l’estroversione è maggiormente associata ad emozioni positive, mentre il nevroticismo è legato all’instabilità affettiva e alle emozioni negative come paura, dolore, rabbia, senso di colpa e imbarazzo. Altri studi hanno sottolineato che l’apertura all’esperienza è una delle caratteristiche più apprezzate della personalità selezionate dal compagno, ma che non migliorano la soddisfazione coniugale se i soggetti soffrono di ansia o depressione (Botwin, Buss, &Schackelford, 1997; Schaffhuser, Allemand, & Martin, 2014).

 

Si parla di:
Categorie
RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI
  • Botwin, M. D., Buss, D. M., &Shackelford, T. K. (1997). Personality and mate preferences: Fivefactors in mate selection and maritalsatisfaction. Journal of personality, 65(1), 107-136.
  • Ezeme, M.S., Ohayi, R., Mba, S. (2019). Marital Satisfaction: Impact of Personality Traits and Anxiety/Depression in Pregnant Women. IOSR Journal of Dental and Medical Sciences (IOSR-JDMS), pp 63-67.
  • Hundson, W.W. (1982). Index of marital satisfaction. The Clinical Measurement Package: A field Manual. Chicago Dorsey Press.
  • Schaffhuser, K., Allemand, M., & Martin, M. (2014). Personality traits and relationshipsatisfaction in intimate couples: Three perspectives on personality. European Journal of Personality, 28(2), 120-133.
  • Sousou, S. D. (2004). The role of agreeableness and neuroticism in maritalsatisfaction: Actor and partner contributions (Doctoraldissertation, State University of New York at Albany).
CONSIGLIATO DALLA REDAZIONE
La relazione di coppia nella transizione alla genitorialità. -Immagine: © drubig-photo - Fotolia.com
La relazione di coppia nella transizione alla genitorialita’

Psicologia dalla Coppia alla Genitorialita': diversi fattori costituiscono una rete protettiva consentendo un passaggio non particolarmente critico...

ARTICOLI CORRELATI
Uso problematico dello smartphone in adolescenza: che ruolo possono avere i genitori nella gestione di questo fenomeno?

Cosa si intende con uso problematico dello smartphone negli adolescenti? Scopriamo come lo stile genitoriale può influenzarlo

Gli esiti psicosociali della genitorialità in età avanzata

Negli ultimi decenni si è assistito a una tendenza globale ad avere figli sempre più tardi. Quali sono le conseguenze psicosociali sulle famiglie?

cancel