Messaggio pubblicitario ISC Congresso 2019

I giovani adulti con disturbi infiammatori potrebbero essere più sensibili ai disturbi d’ansia e depressivi

Secondo un recente studio il rischio di soffrire di ansia e depressione in pazienti con disturbi infiammatori cronici è maggiore in caso di esordio precoce.

ID Articolo: 163901 - Pubblicato il: 09 aprile 2019
I giovani adulti con disturbi infiammatori potrebbero essere più sensibili ai disturbi d’ansia e depressivi
Messaggio pubblicitario SFU Presentazioni Settembre 2019
Condividi

Non sempre è chiaro se ansia e depressione siano una conseguenza allo stress psicologico dato dal vivere con disturbi infiammatori cronici oppure una reazione derivante da un’alterazione funzionale e/o strutturale del cervello. Alcuni ricercatori hanno cercato di rispondere a questo dubbio arrivando ad alcuni risultati molto interessanti.

Lorenzo Mattioni

 

Messaggio pubblicitario San Giorgio fino al 15 Luglio Sentiamo parlare spesso della correlazione fra disturbi infiammatori cronici e disturbi mentali, ma le evidenze in merito a questa associazione sono ancora inconsistenti. Il dubbio che accomuna i ricercatori è se disturbi mentali, quali in particolare disturbi dansia o depressione, possano essere una conseguenza allo stress psicologico dato dal vivere con un’infiammazione cronica, piuttosto che una reazione derivante da un’alterazione funzionale e/o strutturale del cervello.

In letteratura vi sono vari esempi di come una disregolazione della risposta infiammatoria si traduca in un cambiamento a livello neuroendocrino, legato a disturbi psichiatrici. Alexandru Dregan e colleghi (2019) hanno contribuito a rispondere a questa annosa questione analizzando come ansia e depressione si manifestino, nell’ambito di sette diversi disturbi infiammatori (artrite reumatoide, psoriasi, spondilite anchilosante, colite ulcerosa, morbo di Crohn, vasculite sistematica e lupus eritematoso sistemico), in un ampio campione di persone 538,707 fra pazienti e controlli.

Risultati dello studio e prospettive future

Messaggio pubblicitario NETWORK CLINICA I risultati mostrano un aumento generale del rischio di soffrire di ansia e depressione del 16% nei pazienti che soffrono di disturbi infiammatori cronici rispetto ai controlli ma, quando l’onset del disturbo infiammatorio è collocabile prima dei 40 anni, il tasso di comorbilità sale al 71%. Vi sarebbe quindi una stretta relazione fra l’età in cui si è contratta l’infezione e l’incidenza di ansia e depressione.

Questi risultati, benché non dimostrino definitivamente una relazione causale fra queste due classi di disturbi, suggeriscono sicuramente la necessità di porre un’attenzione particolare a queste categorie diagnostiche. L’incidenza maggiore è stata osservata nei casi più gravi di psoriasi, seguiti dal morbo di Crohn e poi dalla spondilite anchilosante.

Questa ricerca potrebbe dunque porre le basi per l’inserimento di nuovi approcci preventivi e terapeutici mirati a quei pazienti che, in particolare, abbiano avuto una storia di malattie infettive con insorgenza precoce, ponendo l’accento ancora una volta sull’importanza di una presa in carico multidisciplinare del paziente.

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 1, media: 5,00 su 5)

Consigliato dalla redazione

Trattamento del dolore cronico con la CBT quando il corpo incontra la mente (razionale)

Trattamento del dolore cronico con la CBT: quando il corpo incontra la mente (razionale)

Aspetti cognitivi ed emotivi sono coinvolti nel dolore, la CBT risulta pertanto l'orientamento terapeutico più efficace nel trattamento del dolore cronico

Bibliografia

State of Mind © 2011-2019 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario DEFAULT SU NETWORK FORMAZIONE
Messaggio pubblicitario DEFAULT SU NETWORK FORMAZIONE

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Sono citati nel testo

Categorie