expand_lessAPRI WIDGET

Depressione e alimentazione: mangiare meglio fa stare meglio?

Depressione e alimentazione: molti studi hanno cercato di capire se una dieta sana può ridurre o prevenire i sintomi depressivi, ma non è ancora chiaro

Di Enrica Gaetano

Pubblicato il 27 Mar. 2019

Come altri studi epidemiologici, longitudinali e cross-sectional (Jacka, Pasco, Mykletun, 2010) anche diverse meta-analisi come quella recente di Wang, Zhou, Chen e colleghi (2018) hanno evidenziato l’associazione tra la qualità del proprio piano nutrizionale e la salute mentale.

 

In particolare vi sarebbe un’associazione con i sintomi ansiosi e depressivi. Di conseguenza hanno supportato numerosi interventi e trial preliminari incentrati sul miglioramento della dieta alimentare per il trattamento della sintomatologia psicopatologica (Berk & Jacka, 2019).

Depressione e alimentazione: gli studi fatti

Una recente meta-analisi di Firth, Marx e colleghi (2019) del dipartimento di psicologia dell’Università di Manchester, dell’Unità di Psichiatria dell’ospedale di Padova, e del NICM Health Research Institute di Sydney, Australia, ha confermato la significativa efficacia degli interventi alimentari nella riduzione dei sintomi depressivi, nonostante la maggior parte degli studi presi in considerazione abbiano riscontrato questi effetti su popolazioni generali, subcliniche e non patologiche.

Questa importante limitazione metodologica, e cioè l’utilizzo di un campione poco idoneo, spesso selezionato attraverso criteri di inclusione ed esclusione poco rigorosi, ha spinto altri ricercatori a effettuare ricerche cliniche randomizzate sul tema. Il recente studio europeo MooDFOOD, pubblicato su Jama Psychiatry, da Bot, Brouwer e colleghi (2019) dell’Amsterdam Public Health Research Institute e del dipartimento di psichiatria e psicoterapia dell’Università di Leipzig, in Germania, ne è un esempio.

Lo studio longitudinale ha avuto lo scopo di investigare con una più precisa e scrupolosa metodologia gli effetti di specifici interventi nutrizionali nella prevenzione di disturbi depressivi in un gruppo di adulti sovrappeso ad alto rischio (BMI da 25 a 40) con elevati punteggi nella scala della depressione del Patient Health Questionnaire-9 (PHQ-9), confrontato con un gruppo non clinico e di controllo che non ha presentato episodi depressivi per almeno sei mesi, composto da individui provenienti da quattro diverse nazioni europee.

Bot e colleghi (2019) hanno sviluppato trial longitudinali confrontando pazienti nella condizione placebo, con e senza alcuna terapia in corso, con soggetti con e senza terapia che avevano ricevuto piani alimentari multi nutrizionali.

Depressione e alimentazione: il progetto MooFOOD per la riduzione dei sintomi

Il progetto, definito MooDFOOD, ha mostrato come le due diverse strategie alimentari adottate, e cioè l’intervento multi nutrizionale implicante un maggiore apporto di omega 3, acidi grassi, selenio, acido folico, calcio e vitamine e la promozione della dieta mediterranea nel piano alimentare, inserite nei piani terapeutici non abbiano apportato una significativa riduzione dei sintomi depressivi né aumentato i punteggi relativi alla qualità di vita percepita rispetto le stime fatte a priori. Tuttavia è stata rilevata una tendenza lieve verso una maggiore efficacia degli interventi di promozione della dieta mediterranea (Bot, Brouwer, Roca, Kohl set al., 2019).

A parere dei ricercatori, gli scarsi risultati ottenuti potrebbero essere dovuti al fatto che l’inserimento di studi nutrizionali in un ambito come quello della prevenzione della sintomatologia depressiva abbia ulteriormente aggiunto sfide metodologiche e difficoltà legate soprattutto all’aderenza dei gruppi sperimentali alle indicazioni nutrizionali dettate e al controllo della stessa da un punto di vista sperimentale-metodologico.

Un altro report, legato al progetto RAINBOW di Ma e colleghi (2019) riguardante la combinazione di interventi alimentari e psicoterapeutici su gruppi clinici con obesità e sintomi depressivi, ha evidenziato al contrario come il gruppo che aveva ottenuto l’intervento psiconutrizionale completo rispetto al trattamento standard aveva prodotto un miglioramento significativo dei sintomi a distanza di un anno, tanto da essere inserito tra gli interventi di prima linea per i pazienti obesi con alti punteggi nelle scale relative alla depressione.

In conclusione, nonostante i pareri sui potenziali benefici dell’alimentazione sui sintomi depressivi siano in alcuni casi discordi, non unanimi e provenienti da ricerche con una bassa potenza, mettono comunque in luce come l’inserimento all’interno di un trattamento psicoterapeutico di un piano alimentare possa condurre a dei risultati più robusti nella riduzione della sintomatologia psicopatologica nel lungo termine, tanto da poter essere inseriti in alcuni casi nei piani di intervento (Berk & Jacka, 2019).

 

Si parla di:
Categorie
RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI
CONSIGLIATO DALLA REDAZIONE
Depressione conseguenze economiche e sociali del disturbo - Psicologia
I costi di una società depressa: gli aspetti socio-economici della depressione

I costi della depressione non sono solo quelli più immediati da intuire, vale a dire ricoveri e terapie, vi sono anche costi sommersi, più nascosti..

ARTICOLI CORRELATI
Differenza tra tristezza e depressione

Depressione e tristezza possono essere confuse, ma non sono la stessa cosa. Scopriamo cosa le accumuna e cosa le differenzia

Esercizio fisico e depressione

L’esercizio fisico può essere un fattore di aiuto e di supporto nel trattamento della depressione e per promuovere il benessere mentale

cancel