expand_lessAPRI WIDGET

Ipercontrollo nei disturbi di personalità: perfezionismo e inibizione emotiva

Perfezionismo e inibizione emotiva sono tratti rintracciabili in gran parte dei disturbi di personalità e correlano in diverso modo con la gravità di tali disturbi. Troppo spesso dimenticati, sono aspetti che è invece necessario considerare sia in fase di assessment sia di pianificazione del trattamento.

Di Giancarlo Dimaggio

Pubblicato il 05 Apr. 2018

Aggiornato il 17 Apr. 2018 15:23

Sia perfezionismo che inibizione emotiva sembrano essere in grado di predire la gravità del Disturbo di Personalità. Tali aspetti correlano inoltre l’uno con l’altra, suggerendo forse che persone con alti standard e preoccupazione degli errori possano tendere a inibire l’espressione emotiva per timore che gli altri li trovino imperfetti e li critichino. 

 

I disturbi di personalità (DP) con caratteristiche di ipercontrollo e inibizione sono stati negli anni molto meno investigati del necessario, laddove l’attenzione si è rivolta in prevalenza alla disregolazione emotiva.
In uno studio appena pubblicato su Comprehensive Psychiatry, abbiamo esplorato la presenza e i correlati di perfezionismo (misurato con il Frust-Multidimensional Perfectionism Scale) e inibizione emotiva in un ampio campione di pazienti ambulatoriali.
È emerso che il perfezionismo era correlato fortemente alla maggior parte dei DP e alla gravità complessiva del DP, al di là della singola diagnosi. Anche l’ inibizione emotiva era presente in modo significativo in disturbi specifici, ovvero evitante, dipendente, depressivo e paranoide a anch’essa correlava con la gravità complessiva del DP.
È interessante che perfezionismo e inibizione correlassero l’uno con l’altra. Il dato induce a pensare che persone con alti standard e preoccupazione degli errori possano tendere a inibire l’espressione emotiva per timore che gli altri li trovino imperfetti e li critichino. Sia perfezionismo che inibizione emotiva erano in grado di predire la gravità del DP.
Un altro aspetto interessante della ricerca è che si conferma il ruolo del perfezionismo come aspetto transdiagnostico della psicopatologia, e in questo caso della patologia di personalità.
Questi dati hanno una rilevanza in Terapia Metacognitiva Interpersonale, perché vanno a corroborare il modello di patologia di DP inibiti/sovraregolati sulla quale si basava il manuale di intervento “Terapia Metacognitiva Interpersonale dei disturbi di personalità” (2013).
Per il campo generale dei DP, i risultati invitano clinici e ricercatori a prestare attenzione a fattori che spesso ricevono scarsa considerazione nell’assessment e nel pianificare il trattamento. Inoltre, nel modello rivisto dei DP che a partire dal DSM 5 si tende a utilizzare, il perfezionismo potrebbe essere tra gli elementi da includere nel valutare i livelli di funzionamento. Pazienti con DP più grave è probabile che siano mossi da livelli estremamente alti di perfezionismo critico, e alcuni di essi dalla tendenza a sovra-regolare le emozioni.

Si parla di:
Categorie
SCRITTO DA
Giancarlo Dimaggio
Giancarlo Dimaggio

Psichiatra e Psicoterapeuta - Socio Fondatore del Centro di Terapia Metacognitiva-Interpersonale

Tutti gli articoli
RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI
  • Dimaggio, G., MacBeth, A., Popolo, R., Salvatore, G., Perrini, F., Raouna, A., Osam, C.S., Buonocore, L., Bandiera, A. & Montano, A. (2018). The problem of overcontrol: perfectionism and emotional inhibition as predictors of personality disorder. Comprehensive Psychiatry https://doi.org/10.1016/j.comppsych.2018.03.005
  • Dimaggio, G., Montano, A., Popolo, R. & Salvatore, G. (2015). Terapia Metacognitiva Interpersonale per i disturbi di personalità. Milano: Raffaello Cortina, 2013.
CONSIGLIATO DALLA REDAZIONE
La terapia metacognitiva interpersonale dei disturbi di personalità - Recensione
Curare i casi complessi. La terapia metacognitiva interpersonale dei disturbi di personalità – Recensione

Il libro propone un modello di terapia dei disturbi di personalità che integra la prospettiva cognitivista con lo sviluppo della metacognizione.

ARTICOLI CORRELATI
La psicoterapia è efficace come i farmaci?

L'efficacia della psicoterapia viene spesso confrontata con l'efficacia dei trattamenti farmacologici in ambito psichiatrico e non. Cosa ne esce?

Le linee guida internazionali per la salute mentale

Le linee guida identificano le più recenti e solide evidenze scientifiche relativamente a diagnosi e trattamento in tema di salute mentale

cancel