expand_lessAPRI WIDGET

Molestie sessuali sul luogo di lavoro: analisi e misure preventive

Anni di ricerche sul tema, hanno indagato le cause delle molestie sessuali sul posto di lavoro, individuando delle strategie utili a prevenirle o ridurle.

Di Carmen Campana

Pubblicato il 14 Dic. 2017

Aggiornato il 03 Ott. 2018 09:51

Il fenomeno delle molestie sessuali sul luogo di lavoro è diventato un problema pervasivo e cronico che causa danni psicologici nelle vittime. Le ricerche sul tema hanno indagato le cause delle molestie sul posto di lavoro e hanno individuato delle strategie per prevenirle o ridurle.

 

Tra i limiti delle ricerche sulle molestie sessuali sul luogo di lavoro, però, si riscontra la mancata identificazione delle caratteristiche dei molestatori, rendendo difficile il lavoro di prevenzione.

La letteratura evidenzia che le molestie sessuali si rivolgono principalmente alle donne, da parte non solo di chi ha un ruolo lavorativo superiore a loro, ma anche da colleghi, subordinati e clienti.

Un articolo scientifico pubblicato recentemente da Quick e McFadyen (2017) su Journal of Occupational Health Psychology ha analizzato gli studi sulle molestie sessuali condotti negli anni, tentando di individuare aspetti significativi tralasciati dalle indagini. Inoltre, ha considerato fattori contestuali e organizzativi che potrebbero influenzare la probabilità che le molestie si verifichino.

Dai dati emerge che le donne vittime di molestie sessuali sul luogo di lavoro manifestano diverse conseguenze negative: ansia, depressione, disturbi alimentari, stress post-traumatico, abuso di droghe e alcol. Inoltre, nonostante le donne abbiano maggiori probabilità di riportare molestie sessuali, gli studi indicano che anche gli uomini non sono immuni. In particolare, gli uomini nell’esercito hanno una probabilità 10 volte maggiore di subire molestie sessuali rispetto agli uomini civili, anche se l’81% dei molestati non lo denuncia.

Molestie sessuali sul luogo di lavoro: il ruolo dell’organizzazione e dei giochi di potere

Dalla rassegna di ricerche si evince che il fattore predittivo più forte di molestie sessuali sul posto di lavoro è il clima organizzativo e le relative dinamiche di potere. Si tratta, per esempio, di contesti in cui gli uomini sono più numerosi delle donne o i supervisori sono prevalentemente di sesso maschile.

L’analisi del fenomeno ha evidenziato la necessità di un’azione su più fronti per combattere il problema. Il primo passo da compiere è sicuramente l’adozione di politiche proattive che proibiscano le molestie sessuali, sensibilizzando i dipendenti e stabilendo procedure di segnalazione del problema.

A fronte di ciò, si può concludere che negli anni ci sono stati progressi su alcuni fronti ma non su altri e che il problema si è trasformato, diventando più complicato per una serie di motivi. Per quanto riguarda gli sviluppi futuri, dunque, è necessario sapere di più su molestatori, sugli aggressori, sugli abusi e sul ruolo delle dinamiche di potere nel determinare il problema. In questo modo sarebbe possibile sensibilizzare dipendenti e manager per attuare strategie di prevenzione adeguate.

Si parla di:
Categorie
RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI
CONSIGLIATO DALLA REDAZIONE
Molestie sessuali e giochi di potere usare il prestigio per ottenere vantaggi sessuali - Fotolia
Il potere dopo l’ininfluenza: predittore di molestie sessuali?

Dopo un periodo prolungato di ininfluenza, quando si sperimenta potere e autorità, alcune persone sarebbero più propense a commettere molestie sessuali

ARTICOLI CORRELATI
Violenza di Genere e Dipendenze Affettive – Editoriale Cognitivismo Clinico

L'editoriale di Cognitivismo Clinico propone una nuova prospettiva per la comprensione del fenomeno della violenza di genere

Baby Reindeer (2024) – Recensione della serie

Baby Reindeer: una lettura psicologica di alcuni complessi fenomeni trattati nella miniserie

cancel