Quanto conta un tocco delicato per non sentirsi esclusi?

Secondo un recente studio un tocco lento e delicato sul braccio di una persona, ridurrebbe la negatività generata dal sentirsi socialmente esclusi

ID Articolo: 149503 - Pubblicato il: 02 novembre 2017
Quanto conta un tocco delicato per non sentirsi esclusi?
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

Uno studio pubblicato recentemente su Scientific Reports da un gruppo di ricercatori dell’ University College di Londra, indaga il diverso impatto di un tocco affettuoso o di uno neutro nel ridurre l’ esclusione sociale.

 

Messaggio pubblicitario Tutti i mammiferi presentano il bisogno innato di prossimità, di attaccamento e di appartenenza che garantisce loro la sopravvivenza. Nonostante il nostro mondo sociale stia diventando sempre più visivo e digitale, il potere delle relazioni e del contatto umano resta di capitale importanza. Le esperienze di vita che conducono alla rottura di legami sociali, infatti, si configurano tra le più dolorose.

Uno studio pubblicato recentemente su Scientific Reports da un gruppo di ricercatori dell’ University College di Londra, indaga il diverso impatto di un tocco affettuoso o di uno neutro nel ridurre l’ esclusione sociale. In letteratura si riscontrano solo altre tre ricerche sul tema, anche se esse considerano come fattori cuscinetto dell’ esclusione sociale la presenza di un amico, di un peluche o di messaggi di testo supportivi.

Nello studio sopracitato il paradigma sperimentale, invece, era costituito dal cosiddetto “Cyberball task” (Williams, Cheung,  & Choi, W,  2000), con cui in precedenza erano già state registrate reazioni negative in risposta all’ostracismo a livello affettivo, cognitivo e fisiologico (Williams, 2009). Il compito prevedeva che il campione di 84 donne in salute giocassero a palla virtualmente con altri due giocatori.

Messaggio pubblicitario Le partecipanti lanciavano e ricevevano la palla più volte e poi dovevano compilare un questionario che conteneva domande riguardanti i bisogni di appartenenza, l’ autostima e il controllo.

In una seconda fase di gioco, dopo aver eseguito un paio di passaggi, inaspettatamente non ricevevano più la palla determinando in loro un senso di esclusione sociale. A questo punto venivano bendate e il loro braccio sinistro era toccato con una spazzola morbida e setosa in due modalità: lenta o veloce. Infine, completavano lo stesso questionario fornito loro in precedenza per confrontare i risultati con la propria baseline.

I risultati mostravano che solo il tocco lento riduceva la negatività generata dall’ esclusione sociale indotta dal gioco, anche se nessun tipo di tocco era sufficiente ad eliminare del tutto gli effetti negativi dovuti all’ esclusione.

Tale studio di rivela particolarmente interessante perché per la prima volta dimostra come il supporto sociale passi semplicemente attraverso un minimo instante di contatto affettivo. Ricerche future dovrebbero indagare il meccanismo neurofisiologico alla base, per esempio considerando una specifica codifica cerebrale del contatto pelle a pelle, e come questi effetti emersi possano variare in funzione della temperatura corporea.

 

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 3, media: 3,67 su 5)

Consigliato dalla redazione

Dolore Fisico & Dolore Sociale: Quando il Cuore Ci Prende a Calci. - Immagine: © creative soul - Fotolia.com

Dolore Sociale & Fisico: Quando il Cuore Ci Prende a Calci

Gli studi di neuroimaging mostrano come le regioni cerebrali coinvolte nell'elaborazione del dolore fisico si sovrappongano a quelle legate al dolore sociale

Bibliografia

State of Mind © 2011-2020 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Si parla di

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Università e centri di ricerca

Riviste scientifiche

Categorie

Messaggio pubblicitario