Messaggio pubblicitario Master DA 2020

Drunkoressia: tra binge drinking e restrizioni alimentari

La drunkoressia consiste nel ridurre la quantità di cibo assunto per poter aumentare l'assunzione di alcol senza aumentare il peso corporeo.

ID Articolo: 141317 - Pubblicato il: 21 novembre 2016
Drunkoressia: tra binge drinking e restrizioni alimentari
Messaggio pubblicitario SFU 2020
Condividi

Nel 2008 è stato coniato dai media popolari del “New York Times”, il termine drunkoressia per descrivere con tale termine, la pratica della restrizione delle calorie in modo da poter consumare più alcol e non aumentare di peso (CBS News, 2008; Kershaw, 2008; Smith, 2008; Stoppler, 2008).
Ciò che attrae gli adolescenti e i giovani adulti è la tendenza a continuare a consumare grandi quantità di alcol, pur mantenendo, o forse diminuendo, il peso corporeo.

Maria Carlucci, OPEN SCHOOL SAN BENEDETTO DEL TRONTO

Il binge drinking

L’abuso di alcol e i disturbi alimentari rappresentano due fenomeni popolari in tutto il mondo. Negli ultimi anni, diverse ricerche scientifiche hanno dimostrato un’associazione tra abuso di alcol e abitudini alimentari non salutari, soprattutto tra i giovani. La globalizzazione dei modelli di consumo alcolico ha causato l’ingresso in Italia di abitudini proprie degli Stati Uniti e dell’Europa del Nord, come il binge drinking (Lupi et al. 2013).

Il binge drinking consiste nell’assunzione di 5 o più bevande alcoliche in successione per gli uomini e 4 o più bevande alcoliche in successione per le donne in un’unica o più occasioni nel corso delle ultime 2 settimane. In questa definizione non è importante il tipo di sostanza che viene ingerita né l’eventuale dipendenza alcolica: lo scopo principale di queste “abbuffate alcoliche” è l’ubriacatura immediata nonché la perdita di controllo (Wechsler H & Nelson TF 2001).

Numerosi studi evidenziano che, la popolazione maggiormente suscettibile a comportamenti binge drinking, sono i giovani studenti iscritti al primo anno di college (Larimer & Cronce, 2002).

Secondo diversi autori, tra i fattori che sembrano contribuire all’aumento delle “abbuffate alcoliche” vi sono: le norme sociali dei campus universitari che promuovono l’uso di alcol e il drastico calo della supervisione dei genitori durante il passaggio alla vita del college (Baer, 2002; Baer & Bray, 1999; Baer, Kivlahan, e Marlatt, 1995; Schulenburg & Maggs, 2002; Schulenburg et al, 2001).

Inoltre, secondo la National Eating Disorder Association (2006), circa il 20% degli studenti universitari, sia maschi che femmine, hanno riferito di aver avuto almeno un disturbo del comportamento alimentare (Forman-Hoffman, 2004; Mints & Betz, 1988; Tylka & Subich, 2002.).

Potrebbe quindi esserci una co-occorrenza tra abuso di alcol e disturbi del comportamento alimentare?

 

Binge drinking e disturbi del comportamento alimentare

Messaggio pubblicitario Da un rapporto del Centro Nazionale sulle Dipendenze e Abuso di Sostanze della Columbia University (CASA) 2001, si è stimato che circa il 30-50% degli individui con bulimia e il 12-18% degli individui con anoressia abusano di alcol o ne sono dipendenti. Peraltro, i risultati hanno indicato una comorbidità netta tra la dipendenza da sostanze e i disturbi del comportamento alimentare a favore del fatto che circa il 35% di persone tossicodipendenti o che fanno abuso di alcol, manifestano un disturbo alimentare (Cooley & Toray, 1996; Krahn, Kurth, Gomberg, & Drewnowski, 2004; Anderson, Simmons, Martens, Ferrier, & Sheehy, 2006; Krahn, Kurth, Demitrack, & Drewnowski, 1992).

Krahn et al. (1992) hanno osservato una relazione positiva tra la gravità dello stare a dieta, la frequenza con cui si consuma alcol ed il binge drinking. Stewart et al. (2000) hanno trovato risultati simili, indicando che i livelli più elevati di restrizione alimentare sono associati ad un aumento di episodi legati al bere eccessivo e alla probabilità di essere classificato come un “bevitore binge”. Gli studi hanno avvalorato un’associazione tra uso di alcol e abitudini alimentari insalubri tra gli studenti universitari (Krahn et al. 2004).

Il digiunare volontariamente, allo scopo di consumare alcol successivamente, risulta nocivo e pericoloso soprattutto per le donne; a differenza dei maschi, queste ultime, generalmente pesano di meno, hanno meno enzimi che metabolizzano l’alcol (alcol deidrogenasi), e in genere hanno meno acqua corporea totale per diluire l’alcol nel sangue. Indipendentemente dal genere, maschio o femmina, bere a stomaco vuoto favorisce all’alcol di entrare nel corpo più velocemente, il che aumenta il livello alcolemico portando un aumentato rischio di disturbi cerebrali (black-out) e conseguenze negative sulla salute e sul comportamento (White, 2004).

 

La drunkoressia

Nel 2008 è stato coniato dai media popolari del “New York Times”, il termine drunkoressia per descrivere con tale termine, la pratica della restrizione delle calorie in modo da poter consumare più alcol e non aumentare di peso (CBS News, 2008; Kershaw, 2008; Smith, 2008; Stoppler, 2008).
Ciò che attrae gli adolescenti e i giovani adulti è la tendenza a continuare a consumare grandi quantità di alcol, pur mantenendo, o forse diminuendo, il peso corporeo.

Anche se non c’è una definizione sistematica e non sia riconosciuto dalla medicina ufficiale, la drunkoressia è comunemente caratterizzata dai seguenti comportamenti: a) saltare i pasti, al fine di “evitare” le calorie o compensare l’aumentato apporto calorico dal consumo di bevande alcoliche, b) eccessivo esercizio fisico al fine di compensare le calorie consumate dal bere, e / o c) bere quantità eccessive di alcol al fine di avere la nausea e vomitare (Chambers 2008). Come risulta dalle caratteristiche comportamentali sopra elencate, il concetto di drunkoressia è quindi composto da tre dimensioni distinte: l’uso o abuso di alcol, disturbi alimentari e attività fisica.

Questa abitudine potrebbe quindi essere influenzata dalla pressione sociale per cui si tende a ricorrere a comportamenti estremi?

Messaggio pubblicitario Le pressioni sociali rispetto alla perfetta forma fisica e al controllo del peso corporeo o quelle legate al consumo di alcolici, possono esercitare una forte influenza sugli adolescenti e sui giovani adulti; in particolare sulle ragazze, che rischiano così di ricorrere sempre più frequentemente a misure estreme quali drunkoressia ed eccessiva attività sportiva (Mond et al. 2008). Si pratica esercizio fisico allo scopo di modificare il peso, la forma o il tono muscolare e si associano sensi di colpa nel caso in cui l’esercizio viene posticipato o cancellato (Mond et al. 2008). Le donne, spesso, cercano di bruciare drasticamente quantità eccessive di calorie, per ridurre il peso corporeo e la percentuale di grasso (Johnstone and Rickard 2006).

La drunkoressia è ormai approdata anche in Italia, infatti, uno studio italiano del 2014, su un campione di circa 3000 soggetti, dimostra come questo sia un fenomeno comune anche tra i giovani adulti italiani con una prevalenza del 32.2% e riguarda anche la popolazione maschile, non solo quella femminile, come quanto riportato dai media (Lupi et al. 2014).

Allo scopo di fornire benefici per la diagnosi, il trattamento e il recupero, sarebbe auspicabile approfondire maggiormente tale fenomeno e capire quali siano i fattori psicologici che muovono i giovani in questa nuova tendenza. Potrebbe quindi, essere utile individuare i soggetti più a rischio ed attuare adeguati e mirati programmi di educazione e prevenzione.

Drunkoressia: quando si mangia di meno e si beve di più

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 5, media: 5,00 su 5)

Consigliato dalla redazione

Cosa ci spinge a bere un drink dopo l'altro? La risposta nei nostri neuroni - Immagine: 91875876

Cosa ci spinge a bere un drink dopo l'altro? La risposta nei nostri neuroni

L'alcol modifica struttura e funzionalità di alcuni neuroni della regione del cervello che regola le nostre azioni: questo spiegherebbe il binge drinking.

Bibliografia

  • Anderson, D. A., Simmons, A. M., Martens, M. P., Ferrier, A. G., & Sheehy, M. J. (2006). The relationship between disordered eating behavior and drinking motives in college-age women. Eating Behaviors, 7, 419-422.
  • Baer, J. S. (2002). Student factors: Understanding individual variation in college drinking. Journal of Studies on Alcohol, 63(Suppl. 14), 40-53.
  • Baer, J. S., Kivlahan, D. R., & Marlatt, G. A. (1995). High-risk drinking across the transition from high school to college. Alcoholism: Clinical and Experimental Research, 19(1): 54-61.
  • Baer, P. E., & Bray, J. H. (1999). Adolescent individuation and alcohol use. Journal of Studies on Alcohol, 60(Suppl. 13), 52-62.
    CBS News (2008). Drunkorexia: Health dangers for women. Retrieved on May 25, 2009, from
    http://www.cbsnews.com/stories/2008/01/23/entertainment/main3744289.shtml.
  • Cooley, R., & Toray, T. (1996). Disordered eating in college freshman women: A prospective study. Journal of American College Health, 44, 229-235.
  • Chambers, R. (2008) Drunkorexia. Journal Of Dual Diagnosis 4, 414-416.
  • Forman-Hoffman, V. (2004). High prevalence of abnormal eating and weight control practices among U.S. high-school students. Eating Behaviors, 5, 325-336.
  • Johnstone, J.R. and K.M. Rickard (2006) Perceptions of college women with disordered eating and exercise patterns. Social Behavior & Personality: An International Journal 34, 1035-1050.
  • Kershaw, S. (2008, March 2). Starving themselves, cocktail in hand. New York Times. Retrieved from http://www.nytimes.com
  • Krahn, D., Kurth, C., Demitrack, M., & Drewnowksi, A. (1992). The relationship of dieting severity and bulimic behaviors to alcohol and other drug use in young women. Journal of Substance Abuse, 4, 341-353.
  • Krahn, D.D., C.L. Kurth, E. Gomberg and A. Drewnowski (2004) Pathological dieting and alcohol use in college women – a continuum of behaviors. Eating Behaviors 6, 43-52.
  • Larimer, M. E., & Cronce, J. M. (2002). Identification, prevention, and treatment: A review of individual-focused strategies to reduce problematic alcohol consumption by college students. Journal of Studies on Alcohol, 63(Suppl.14), 148-163.
  • Lupi M., Cinosi E., Corbo M., Fiori F., Sarchione F., Tudisco I., Lo Monaco M., di Giannantonio M. I nuovi disturbi alcol correlati: Binge Drinking e Drunkoressia. Dip. Patol. 2013; 2-3: 23-24.
  • Lupi M., Acciavatti T., Santacroce R., Cinosi E., Martinotti G., di Giannantonio M. (2014). Drunkorexia: a pilot study in an Italian sample. Research and Advances in Psychiatry 2015; 2(1):28-32.
  • Mond, J., T. Meyers, R. Crosby, P. Hay and J. Mitchell (2008) Excessive exercise and eating-disordered behaviour in young adult women: further evidence from a primary care sample. European Eating Disorders Review 16, 215-221.
  • Mintz, L. B., & Betz, N. E. (1988). Prevalence and correlates of eating disordered behaviors among undergraduate women. Journal of Counseling Psychology, 35, 463-471.
  • Schulenburg, J. E., & Maggs, J. L. (2002). A developmental perspective on alcohol use and heavy drinking during adolescence and the transition to adulthood. Journal of Studies on Alcohol, 63(Suppl. 14), 54-70.
  • Schulenburg, J. E., Maggs, J. L., Long, S., Sher, K., Gotham, H., Baer, J., et al. (2001). The problem of college drinking: Insights from a developmental perspective. Alcoholism: Clinical and Experimental Research, 25, 473-477.
  • Smith, R. (2008). Drunkorexia slimmers skip means for alcohol. Daily Telegraph. Retrieved on May 25, 2009 from
    http://www.telegraph.co.uk/news/uknews/1582071/Drunkorexia-slimmers-skip-meals for-alcohol.html
  • Stewart, S. H., Angelopoulous, M., Baker, J. M., & Boland, F. J., (2000). Relations between dietary restraint and patterns of alcohol use in young adult women. Psychology of Addictive Behaviors, 14, 77-82.
  • Stoppler, M.C. (2008). Drunkorexia, manorexia, diabulimia: New eating disorders? MedicineNet. Retrieved on May 25, 2009 from
    http://www.medicinenet.com/script/main/art.asp?articlekey=88014.
  • Tylka, T. L., & Subich, L. M., (2002). Exploring young women’s perceptions of the effectiveness and safety of maladaptive weight control techniques. Journal of Counseling and Development, 80, 101-110.
  • Wechsler H, Nelson TF. Binge drinking and the American college student: What’s five drinks? Psychology of Addictive Behaviors. 2001;15:287–291.
  • White, A. (2004). What happened? Alcohol, memory blackouts, and the brain. National Institute on Alcohol Abuse and Alcoholism. Retrieved on January 10, 2010 from
    http://pubs.niaaa.nih.gov/publications/arh27-2/186-196.htm
State of Mind © 2011-2020 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Scritto da

Sono citati nel testo

Università e centri di ricerca

Categorie

Messaggio pubblicitario