EFT-NOVEMBRE-2022

Trauma e memoria: il misinformation effect (2)

L'emozione può influenzare i ricordi della memoria autobiografica e può interferire con la vividezza degli stessi generando falsi ricordi

ID Articolo: 112735 - Pubblicato il: 02 settembre 2015
Trauma e memoria: il misinformation effect
Messaggio pubblicitario SFU 2022

Studi pioneristici condotti da Loftus (Burns, Loftus e Miller, 1978) hanno messo in luce come i ricordi riportati dai testimoni oculari siano facilmente modificabili ed influenzati dall’esposizione, in seguito all’evento, ad informazioni scorrette (post – event misinformation effect). In un classico studio condotto da Burns, Loftus e Miller (1978), ai partecipanti veniva mostrato un filmato che riguardava un incidente stradale avvenuto nei pressi di un segnale di stop, in seguito venivano poste diverse domande sull’evento. Tra queste, una si riferiva erroneamente ad un segnale di precedenza anziché al segnale di stop (leading questions). Quando successivamente veniva chiesto ai partecipanti se avessero visto un segnale di stop o un segnale di precedenza nei pressi dell’incidente stradale, quelli che avevano ricevuto l’informazione scorretta tendevano a rispondere in maniera sbagliata più frequentemente dei partecipanti del gruppo di controllo. A partire da questo paradigma, una serie di studi ha dimostrato come le informazioni a cui l’individuo inevitabilmente è esposto dopo aver vissuto un evento emozionale possono modificare il ricordo rendendolo meno accurato e, di conseguenza, meno attendibile (Loftus, 1980).

Diversi studi di laboratorio hanno cercato di analizzare i meccanismi che portano a modificare i ricordi. Un interessante studio è stato condotto da Crombag, Van Koppen e Wagenaar (1996) in merito allo scontro avvenuto tra un Boeing 747 e un palazzo di undici piani, ad Amsterdam nell’ottobre del 1992. La televisione olandese riportò tutti i momenti dell’evento ma non trasmise alcuna immagine del momento dello schianto. I telegiornali riportarono la notizia del disastro per alcuni giorni. La ricerca, tesa a sondare il ricordo del terribile evento, evidenziò che 61 dei 93 studenti che parteciparono all’esperimento risposero in modo affermativo alla domanda: “Hai visto in televisione il filmato del momento in cui l’aereo ha colpito il palazzo?”. Tale domanda in realtà conteneva una falsa informazione, ovvero che il filmato dello schianto fosse stato mostrato in televisione; inoltre, molti testimoni fornirono numerosi dettagli dell’inesistente video dell’impatto dell’aereo.

Messaggio pubblicitario MASTER DSA Sono state elaborate numerose teorie sugli effetti del misinformation, basate sul ricordo di stimoli neutri o lievemente stressanti. Quando un evento è molto stressante l’aspetto principalmente stressante (stressor) è quello più ricordato a causa dei processi e degli innalzati processi di attenzione e della più rilevante prova e ampio consolidamento. Molti studi teorici ed empirici confermano che l’informazione centrale che elicita reazioni emozionali fortemente negative tendono a essere conservate con particolare accuratezza (Bahrick, Fivush, Goldberg, Parker e Sales, 2004; Berntsen e Thomsen, 2005; Christianson e Hubinette, 1993).

Gli studi sull’attivazione dell’amigdala supportano alcuni di questi risultati (Cahill e McGaugh, 2003; LeDoux, 2000; Phelps, 2006). Al contrario, relativamente a eventi non stressanti, i dettagli periferici dello stressor sono ricordati spesso in modo meno accurato rispetto ai dettagli degli eventi neutrali (Burke, Heuer e Reisberg, 1992; Burns e Loftus, 1982; Brown, 2003; Goodman e Paz-Alonso, 2006). Comunque, Bornstein, Deffenbacher, McGorty e Penrod (2004) sostengono che questi studi non hanno incluso eventi traumatici tali da produrre una reazione difensiva per poter interferire con la memoria (ad esempio un pericolo di vita).

Pertanto un ricordo particolarmente accurato dell’informazione centrale rispetto a quella periferica priva di eventi stressanti non è necessariamente un fenomeno stabile o generalmente accettato (Merckelbach, Van der Kooy e Wessel, 2000). Oltretutto, la valenza e la stimolazione possono corrispondere a diversi processi neurali distinti tra loro. Ciononostante, informazioni con valenza negativa anche se non stimolanti (emotivamente), sono ricordati meglio di quelle neutrali (Corkin e Kensinger, 2004a, 2004b).

Il dibattito sul distress (angoscia, pena) e sulla memoria è rilevante nel momento in cui ci si chiede se eventi traumatici e stressanti sono immuni da effetti di misinformation. In particolare, se caratteristiche focali di eventi altamente negativi sono ricordate con particolare accuratezza potrebbero essere resistenti al misinformation effect post – evento specialmente dopo un intervallo temporale breve dall’evento al momento della sollecitazione del ricordo (ad esempio con un test). I pochi studi che hanno esaminato gli effetti del misinformation sulla memoria di alcuni eventi hanno preso in considerazione “incidenti pubblici” che poi sono diventati oggetto di principale discussione e dibattito dei media.

Ad esempio, Bernstein, Loftus e Nourkova (2004) hanno sperimentato se sia possibile contaminare, a livello sperimentale, il ricordo di eventi traumatici. Nel loro studio, degli adulti russi hanno riportato il loro ricordo sia sui bombardamenti terroristici del 1999 alle costruzioni di Mosca sia sugli attacchi del World Trade Center (WTC) di New York del 2001. Dopo sei mesi hanno ricordato separatamente gli eventi sopra descritti. Sul secondo evento ricordato i ricercatori hanno fornito delle informazioni sbagliate indicando che i partecipanti avevano visto un animale ferito negli attacchi al WTC e l’ hanno menzionato nei loro report iniziali. Circa il 13% di coloro che erano stati testati sull’episodio di Mosca avevano accettato l’informazione fuorviante. Questo gruppo ha soppesato la significatività personale dei bombardamenti terroristici di Mosca come più rispetto a coloro che avevano resistito alla suggestione. Al contrario, nessuno di quelli che fu interrogato sull’evento al WTC fu suggestionato dall’influenza ricevuta (probabilmente era meno plausibile immaginare un animale ferito durante gli attacchi al WTC rispetto al bombardamento di Mosca), (Hodge e Pezdek, 1999; Kirsch, Mazzoni, Relyea e Scoboria, 2004).

Sebbene queste ricerche supportino l’idea che il ricordo di eventi traumatici sia a volte malleabile e influenzabile, la domanda sulla misinformation (il ricordo di informazioni sbagliate) post – evento traumatica fu sicuramente più focalizzata sul ricordo precedente all’evento dei partecipanti al test piuttosto che all’evento traumatico di per sé. In un altro studio relativo agli effetti della misinformation, Birt, Porter e Spencer (2003) hanno presentato fotografie raffiguranti adulti che esprimevano emozioni altamente positive o negative o neutrali seguiti da un test di memoria dopo un intervallo temporale di un’ora. Non furono evidenziate significative differenze tra le varie condizioni emotive sul ricordo corretto nonostante la misinformation. La misinformation ha mostrato un effetto negativo sulla memoria di dettagli periferici fuorvianti rispetto ai dettagli centrali. Comunque, per quanto riguarda la falsa informazione sul ricordo della presenza di un animale ferito nella scena (incidente a WTC o attacco a Mosca) l’emozione negativa fu associata con suscettibilità più frequente/più crescente alla informazione fuorviante. Questi studi indicano che la memoria di eventi stressanti può essere contaminata dalla misinformation. Ciononostante, la maggior parte degli studi ha enfatizzato come non ci siano differenze tra le informazioni centrali e periferiche.

 

ARTICOLO CONSIGLIATO:

Memorie traumatiche – EMDR  e strategie avanzate in psicoterapia e psicotraumatologia

 

BIBLIOGRAFIA:

  • Berntsen, D. e Thomsen, D. K. (2005). Personal memories for remote historical events: Accuracy and clarity of flashbulb memories related to World War II. Journal of Experimental Psychology: General, 134, 242-257.
  • Brown, J. M. (2003). Eyewitness memory for arousing events: Putting things into context. Applied Cognitive Psychology, 17, 93-106.
  • Brown, R. e Kulik, J. (1977). Flashbulb memories. Cognition, 5, 73-99.
  • Burke, A., Heuer, F. e Reisberg, D. (1992). Remembering emotional events. Memory and Cognition, 20, 277-290.
  • Christianson, S. A. e Hubinette, B. (1993). Hands up! A study of witnesses’ emotional reactions and memories associated with bank robberies. Applied Cognitive Psychology, 1, 225-239.
  • Crombag, H. F. M., Wagenaar,W. A. e van Koppen, P. J. (1996). Crashing memories and the problem of ‘‘source monitoring’’. Applied Cognitive Psychology, 10, 95-104.
  • Deffenbacher, K. A., Bornstein, B. H., Penrod, S. D. e McGorty, E. K. (2004). A meta-analytic review of the effects of high stress on eyewitness memory. Law and Human Behavior, 28, 687-706.  DOWNLOAD
  • Fivush, R., Sales, J. M., Goldberg, A., Bahrick, L. e Parker, J. (2004). Weathering the storm: Children’s long-term recall of hurricane Andrew. Memory, 12, 104-118.
  • Gallo, D. A. (2006). Associative illusions of memory: False memory research in DRM and related tasks. New York: Psychology Press.
  • Gulotta, G. e Ercolin, D. (2004), La suggestionabilità dei bambini: uno studio empirico, Psicologia e Giustizia, 5, 1-19.  DOWNLOAD
  • Kensinger, E. A. e Corkin, S. (2004a). Two routes to emotional memory: Distinct neural processes for valence and arousal. Proceedings of the National Academy of Sciences, 101, 3310-3315.
  • LeDoux, J. (2000). Emotion circuits in the brain. Annual Review of Neuroscience, 23, 155-184.  DOWNLOAD
  • Loftus, E. F. (2003). Make-believe memories. American Psychologist, 5, 864-873.
  • Loftus, E. F. (2005). Searching for the neurobiology of the misinformation effect. Learning and Memory, 12, 1-2.  DOWNLOAD
  • Loftus, E. F e Burns, T. (1982). Mental shock can produce retrograde amnesia. Memory and Cognition, 10, 318-323.
  • Loftus, E. F. e Cahill, L. (2007). Memory distortion: From misinformation to rich false memory. In J. S. Narine (a cura di), The foundations of remembering: Essays in honor of Henry L. Roediger III (pp. 413-425). New York: Psychology Press.
  • Loftus, E. F., Miller, D. G. e Burns, H. J. (1978). Semantic integration of verbal information into visual memory. Journal of Experimental Psychology: Human Learning and Memory, 4, 19–31.
  • Loftus, E. F. e Palmer, J. E. (1974). Reconstruction of automobile destruction: An example of the interaction between language and memory. Journal of Verbal Learning and Verbal Behavior, 13, 585–589.
  • McGaugh, J. L. e Cahill, L. (2003). Emotion and memory: Central and peripheral contributions. In R. J. Davidson, K. R. Scherer e H. H. Goldsmith (A cura di.), Handbook of affective sciences (pp. 93-116). New York: Oxford University Press.
  • Merckelbach, H., Muris, P., Rassin, E. e Horselenberg, R. (2000). Dissociative experiences and interrogative suggestibility in college students. Personality and Individual Differences, 29, 1133-1140.
  • Nourkova, V., Bernstein, D. M. e Loftus, E. F. (2004). Altering traumatic memory. Cognition and Emotion, 18, 575-585.  DOWNLOAD
  • Pezdek, K. e Hodge, D. (1999). Planting false childhood memories in children: The role of event plausibility. Child Development, 70, 887-895.
  • Phelps, E. (2006). Emotion and cognition: Insights from studies of the human amygdala. Annual Review of Psychology, 57, 27-53.
  • Porter, S., Spencer, L. e Birt, A. R. (2003). Blinded by emotion? Effect of the emotionality of a scene on susceptibility to false memories. Canadian Journal of Behavioral Science, 35, 165-175.
  • Roediger, H. L. e Gallo, D. A. (2004). Associative memory illusions. In R. F. Pohl (Ed.), Cognitive illusions: A handbook on fallacies and biases in thinking, judgment and memory (pp. 309-326). Oxford: Oxford University Press.
  • Roediger, H. L. e McDaniel, M. A. (2007). Illusory recollections in older adults: Testing Mark Twain’s conjecture. In M. Garry e H. Hayne (A cura di.), Do justice and let the sky fall: Elizabeth F. Loftus and her contributions to science, law, and academic freedom (pp. 105-136). Hillsdale, NJ: Lawrence Erlbaum Associates Inc.
  • Roediger, H. L. e McDermott, K. B. (1995). Creating false memories: Remembering words not presented in lists. Journal of Experimental Psychology: Learning, Memory, and Cognition, 21, 803-814.  DOWNLOAD
  • Rubin, D. C. e Kozin, M. (1984). Vivid memories. Cognition, 16, 81-95.
  • Schacter, D. L. e Scarry, E. (2000). Memory, brain and belief. Cambridge, MA: Harvard University Press.
  • Scoboria, A., Mazzoni, G., Kirsch, I. e Relyea, M. (2004). Plausibility and belief in autobiographical memory. Applied Cognitive Psychology, 18, 791-807.
  • Steffens, M. C. e Mecklenbrauker, S. (2007). False memories: Phenomena, theories and implications. Journal of Psychology, 215(1), 12-24.
  • Wade, K. A., Sharman, S. J., Garry, M., Memon, A., Mazzoni, G., Merckelbach, H., et al. (2007). False claims about false memory research. Consciousness and Cognition, 16(1), 18-28.  DOWNLOAD

L'articolo continua nelle pagine seguenti : 1 2

State of Mind © 2011-2022 Riproduzione riservata.