Empatia e riconoscimento del dolore negli autori di reato

Il presente studio indaga eventuali deficit nelle capacità, in autori di reato contro le persone, di provare empatia e di riconoscimento del dolore fisico.

ID Articolo: 106080 - Pubblicato il: 31 marzo 2015
Empatia e riconoscimento del dolore negli autori di reato
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

Questo articolo ha partecipato al Premio State of Mind 2014 Sezione Junior

Empatia e Riconoscimento del dolore negli autori di reato

 Autrice: Paterlini Chiara – Università degli Studi di Milano Bicocca

 

Abstract

L’empatia e il riconoscimento del dolore fisico sono aspetti importanti delle relazioni interpersonali. Questa tesi indaga l’ipotesi che i deficit di queste funzioni possano contribuire a causare le azioni aggressive compiute dagli autori di reato contro la persona. Sono stati confrontati 65 soggetti autori di reato contro la persona (n=33) o reato di altro tipo (n=32) e 26 soggetti di controllo. L’empatia, il riconoscimento del dolore fisico e il riconoscimento di emozioni sono stati valutati mediante il Quoziente Empatico e due test sperimentali impliciti che hanno utilizzato stimoli evocativi del dolore e di emozioni facciali. L’analisi dei dati ha evidenziato che gli autori di reato contro la persona hanno meno empatia rispetto agli autori di reato di altro tipo e ai controlli. Il riconoscimento del dolore è deficitario negli autori di reato rispetto ai controlli, maggiormente nei soggetti con diagnosi psichiatrica. Il livello di empatia contribuisce a predire la gravità del reato. È a sua volta predetto dal tipo di reato. I comportamenti criminali potrebbero portare a una perdita di empatia e di capacità di riconoscere il dolore fisico. A loro volta, i deficit di empatia e di riconoscimento del dolore fisico potrebbero favorire l’evenienza di comportamenti antisociali. La conoscenza di questi aspetti e delle loro complesse interazioni ha potenziali implicazioni nell’interpretazione e nel trattamento dei comportamenti antisociali.

 

English Abstract

Empathy and the recognition of physical pain are important to interpersonal relations. This work investigated the hypothesis that impairment of these functions could contribute in causing aggressive behaviour in authors of crime against person. Sixty-five subjects who committed crimes against person (n=33) or other crimes (n=32) and 26 control subjects were evaluated. The Empathy Questionnaire and two experimental implicit tests assessed empathy and the recognition of physical pain and facial emotions. The authors of crimes against person were impaired in empathy compared with authors of other crimes and controls. Both experimental subgroups were impaired in the recognition of physical pain compared with controls, with the worst deficits in subjects with psychiatric diagnosis. The level of empathy contributed in predicting the severity of the crime. Empathy, in turn, was predicted by the type of crime. Criminal behaviour could contribute in impairing empathy and the recognition of physical pain. Deficits of empathy and recognition of physical pain might favour the occurrence of antisocial behaviours. Knowing these aspects and their complex interactions has potential implications for the understanding and treatment of antisocial behaviour.

 

KEY WORDS

Empathy, Pain, Offense, Emotions, Psychopathology.

ALLEGATO 1ALLEGATO 2ALLEGATO 3

 

 

 

ARTICOLO CONSIGLIATO:

Pazzia o delinquenza: cosa si nasconde dietro a un crimine?

 

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 1, media: 5,00 su 5)
State of Mind © 2011-2019 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Categorie

Messaggio pubblicitario