Chiudi la porta a depressione e stress! L’effetto benefico delle passeggiate all’aperto

Può sembrare una banalità, ma è un dato di fatto: farsi una passeggiata all’aperto, magari insieme ad altre persone, aiuta a superare depressione e stress.

ID Articolo: 103384 - Pubblicato il: 17 ottobre 2014
Chiudi la porta a depressione e stress! L’effetto benefico delle passeggiate all’aperto
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

FLASH NEWS

Può sembrare una banalità, ma è un dato di fatto: uscire e farsi una passeggiata all’aperto, in mezzo alla natura e stuzzicati dall’aria fresca, magari insieme ad altre persone, aiuta a superare la depressione ed a combattere lo stress.

Lo studio condotto dall’Università del Michigan, con la collaborazione dell’Università di De Montfort, dell’Istituto James Hutton e dell’Università inglese Edge Hill, dimostra che un fatto semplice come la partecipazione ad un gruppo di cammino incrementa la percezione positiva del proprio vissuto quotidiano.

Messaggio pubblicitario I vantaggi di praticare tale tipo di attività vanno ben oltre: è infatti dimostrato che partecipare ad un gruppo di cammino è di grande supporto ad un approccio non farmacologico a patologie anche gravi, come la depressione.

In tale studio, i ricercatori hanno valutato 1.991 partecipanti al programma Walking for Health in Inghilterra, rilevando in loro maggiori emozioni positive ed una maggiore sensazione di benessere, rispetto alla popolazione media. E’ stato altresì dimostrato che le camminate all’aria aperta favoriscono il superamento di alcuni eventi stressanti, quali ad esempio una seria malattia, la separazione dal proprio partner o, ancora, un recente licenziamento oppure una condizione di disoccupazione.

Insomma, camminare è una forma di esercizio fisico accessibile a tutti, per nulla pericolosa ed a costo zero; se combinata alla buona compagnia e ad una sana immersione nella natura, poi, può avere effetti veramente benefici ed a lungo termine, che potrebbero seriamente migliorare la qualità della vita delle persone. Allora, perché non approfittarne?

 

ARTICOLO CONSIGLIATO: 

Dolore cronico, qualità del sonno e attività fisica – Psicologia

 

BIBLIOGRAFIA:

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 5, media: 3,40 su 5)
State of Mind © 2011-2020 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Categorie

Messaggio pubblicitario