Le distorsioni cognitive nel gioco d’azzardo patologico: quali sono e come agiscono

Gioco d'Azzardo: occorre distinguere tra chi gioca in modo non patologico e chi manifesta perdita di controllo, disagio emotivo, compulsività, dipendenza...

ID Articolo: 41186 - Pubblicato il: 20 marzo 2014
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

 

 

 

Distorsioni cognitive nel gioco d'azzardo patologico. - Immagine: ©-Alex-Tihonov-Fotolia.comPer ciò che riguarda la salute occorre distinguere tra chi gioca in modo adeguato (tipicamente per un periodo di tempo breve, con perdite accettabili e in un certo senso calcolate), e coloro che manifestano nel gioco perdita di controllo sulla condotta, disagio emotivo, compulsività e dipendenza.

Oggi tutti sappiamo che ci si può ammalare a causa del gioco. La campagna di sensibilizzazione sociale sui rischi che vi sono connessi ha influito positivamente sulla percezione comune che il gioco, tra rischio sociale ed opportunità economica per lo Stato, rappresenta un fenomeno di rilevanza eccezionale da qualsiasi punto di vista, non ultimo quello sanitario.

Per ciò che riguarda la salute occorre distinguere tra chi gioca in modo adeguato (tipicamente per un periodo di tempo breve, con perdite accettabili e in un certo senso calcolate), e coloro che manifestano nel gioco perdita di controllo sulla condotta, disagio emotivo, compulsività e dipendenza.

Per questo tipo di soggetti trova applicazione la categoria diagnostica di “Gioco d’Azzardo Patologico” (GAP), malattia mentale che rientra tra i disturbi del controllo degli impulsi (APA, 2000). Coloro che ne soffrono divengono progressivamente incapaci di smettere di giocare; i tentativi di controllare o ridurre l’attività di gioco falliscono. In più, l’impegno, il tempo e il denaro spesi nel gioco tendono ad aumentare. A ciò possono associarsi disturbi dell’umore, abuso di sostanze, ideazione suicidaria, tentativi di suicidio. Il decorso è generalmente cronico.

Le terapie per il Gioco d’Azzardo Patologico esistono. Tuttavia, solo il 10% dei giocatori in difficoltà richiede un intervento specifico; molto spesso il giocatore d’azzardo giunge alla richiesta d’aiuto per tentare di risolvere i problemi che scaturiscono secondariamente alle perdite economiche, e non perché desideroso di smettere di giocare o perché cosciente di essersi ammalato.    

Gli approcci di derivazione cognitivo-comportamentale (TCC) hanno dimostrato di essere utili nel gestire il desiderio di giocare e nel prevenire le ricadute. In molti casi oggetti di studio, per mezzo della Ristrutturazione Cognitiva e spesso sfruttando le potenzialità del cosiddetto “thinking-aloud-method”, i terapeuti hanno cercato di aiutare i pazienti a realizzare che le loro verbalizzazioni legate al gioco possono essere basate su pensieri irrazionali. Infatti, i giocatori patologici mostrano di intrattenere un rapporto particolare con la categoria della “sorte”: il loro pensiero risulta determinato da euristiche e pregiudizi che influiscono in maniera determinante sulla valutazione della realtà, aumentando la probabilità che il comportamento dannoso venga ripetuto.

Messaggio pubblicitario Quelle che seguono sono le distorsioni cognitive che tipicamente affliggono il pensiero del Giocatore d’Azzardo Patologico:

Gambler’s fallacy: quando un evento generato dal caso devia dalla media, l’evento opposto viene giudicato più probabile (ad es. “se per 4 volte è uscito il nero, allora è più probabile che esca il rosso”);

Overconfidence: gli individui esprimono una aumentata fiducia nelle proprie capacità che non è giustificata da dati reali (ad es. ritenersi più bravi di altri nell’indovinare i numeri, nel capire i meccanismi sottesi al gioco, nell’implementazione di strategie di gioco efficaci).

Trends in number picking (Tendenze nei numeri): vengono individuate tendenze e “leggi” relativamente a distribuzioni casuali (errore tipico di chi pensa che i numeri “ritardatari” abbiano più probabilità di essere estratti, oppure che un numero appena estratto non sia probabile nelle estrazioni successive).

Illusory correlations (Correlazioni illusorie): si rileva quando due eventi appartenenti a differenti domini della realtà vengono giudicati interdipendenti se si presentano in concomitanza (ad es. comprare un gratta e vinci fortunato e continuare a recarsi sempre nello stesso bar per acquistarne altri). E’ anche alla base dei comportamenti ritualistici e scaramantici.

Avaliablity of other wins (Vincite altrui): un errore logico che distorce in maniera piuttosto diretta la stima delle probabilità si presenta quando venire a conoscenza delle vincite realizzate dagli altri (tramite mass media o esperienze più o meno dirette) fornisce la convinzione (credenza) che “vincere” sia un evento che capita regolarmente e che “per vincere basta continuare a giocare”.

Inherent memory bias ( Pregiudizi inerenti la memoria): questo pregiudizio interpretativo permette ai giocatori di far riferimento (inconsapevolmente) più spesso alle proprie esperienze positive di gioco piuttosto che a quelle negative (dimenticate), facilitando la decisione di mantenere il proprio comportamento.

(Liberamente tratto da Kahneman & Tversky, 1974)

L’importanza della correzione di tali distorsioni cognitive quale componente essenziale per il trattamento del Gioco d’Azzardo Patologico è stata dimostrata (Fortune & Goodie, 2011). In uno studio in particolare, dopo 6-8 settimane di trattamento venne rilevato che circa l’80% dei partecipanti alle sedute che comprendevano la ristrutturazione cognitiva non presentava più il disturbo secondo i criteri del DSM-IV. Gli effetti positivi vennero mantenuti anche nei 12 mesi successivi (Calbring, Smith, 2008).

Infine, da tenere ben presente, coloro che soffrono per il gioco spesso soffrono anche a causa di comorbidità rilevanti: depressione, ansia, forti sentimenti di impotenza, abuso di sostanze. A prescindere dall’approccio terapeutico scelto (oltre alla TCC si sono dimostrati efficaci gli approcci che potenziano la rete di sostegno attorno al paziente, come i gruppi di auto-aiuto -Giocatori Anonimi- e le terapie sistemico relazionali), questi aspetti non devono passare in secondo piano.

 

ARGOMENTI CORRELATI:

GIOCO D’AZZARDO PATOLOGICO – PGD – GAMBLING – DIPENDENZE

CREDENZE – BELIEFSPSICOTERAPIA COGNITIVA

ARTICOLO CONSIGLIATO:

GAME OVER: LA DIPENDENZA DA GIOCO NON E’ UN GIOCO

 

 

BIBLIOGRAFIA: 

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 14, media: 4,93 su 5)
State of Mind © 2011-2019 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario