Psicoterapia Cognitivo-Comportamentale: Intervista a Giovanni Ruggiero

Giovanni Maria Ruggiero racconta la Psicoterapia Cognitiva-Comportmantale dalle origini ad oggi, da Ellis e Beck alla "Terza Ondata".

ID Articolo: 33666 - Pubblicato il: 02 agosto 2013
Messaggio pubblicitario SFU 2022

 

Psicoterapia Cognitivo-Comportamentale:

Intervista a Giovanni Maria Ruggiero

 GUARDA TUTTE LE INTERVISTE DI STATE OF MIND

Giovanni Maria Ruggiero racconta, in un’intervista di Luca Mazzucchelli (psicologo, psicoterapeuta sistemico-relazionale) , la Psicoterapia Cognitiva-Comportamentale dalle origini ad oggi, da Ellis e Beck alla “Terza Ondata”, illustrandone il passaggio di prospettiva: dall’idea di poter cambiare le proprie emozioni negative grazie all’elaborazione di pensieri più funzionali, a quella di accettare quelle emozioni.

Ci spiega in cosa consiste la Psicoterapia Cognitiva-Comportamentale, quali sono i principi cardine e le tecniche che un terapeuta cognitivo-comportamentale deve conoscere, con particolare riferimento al disputing (diverso a seconda che si segua l’approccio di Ellis o Beck) e al laddering.

Chiarisce le carratterische della relazione terapeutica secondo la Psicoterapia Congitivo-Comportamentale, quindi una relazione collaborativa in cui il paziente partecipa attivamente anche lavorando a casa con i compiti che il terapeuta assegna.

Non solo, consiglia testi per approfondire l’argomento e delinea le caratteristiche di un terapeuta che sceglie questo orientamento.

LEGGI ANCHE ARTICOLI SU: 

PSICOTERAPIA COGNITIVADISPUTING E RISTRUTTURAZIONE COGNITIVACREDENZE – BELIEFS – ACCETTAZIONE – 

 GUARDA TUTTE LE INTERVISTE DI STATE OF MIND

State of Mind © 2011-2022 Riproduzione riservata.

Messaggio pubblicitario

Scritto da

Sono citati nel testo

Categorie

Messaggio pubblicitario