Prevenire il Declino Cognitivo: No Farmaci & No Esercizio Fisico!

Esercizi cognitivi aiutano a prevenire il declino cognitivo negli anziani sani, al contrario i benefici di farmaci e dell'esercizio fisico sarebbero scarsi.

ID Articolo: 29529 - Pubblicato il: 23 aprile 2013
Messaggio pubblicitario SFU 2020
Condividi

FLASH NEWS

Rassegna Stampa - State of Mind - Il Giornale delle Scienze Psicologiche

Esercizi cognitivi aiutano a prevenire il declino cognitivo negli anziani sani, al contrario i benefici di farmaci e dell’esercizio fisico sarebbero scarsi.

 LEGGI GLI ARTICOLI SU: ATTIVITA’ FISICA

Lo rivela una review apparsa sul Canadian Medical Association Journal, in cui gli autori hanno esaminato 32 studi randomizzati e controllati in cui sono state testate diverse forme di prevenzione del declino cognitivo.

Demenza, Alzheimer & Stimolazione Cognitiva: Use it or Lose it! - Immagine: © Yuri Arcurs - Fotolia.com

Articolo consigliato: Demenza, Alzheimer & Stimolazione Cognitiva: Use it or Lose it!

Il declino cognitivo lieve (più che normale per una persona di una certa età) colpisce il 10% -25% delle persone oltre i 70 anni. Il tasso annuale di declino in demenza (che è il declino cognitivo in diverse aree con una certa capacità funzionale) è di circa il 10%. Si stima che circa 18 milioni di persone nel mondo siano affette da demenza, di cui circa 1 milione in Italia.

L’analisi dei dati evidenzia che non ci sono prove forti per i trattamenti farmacologici come il ginkgo, il deidroepiandrosterone (DHEA), le vitamine e altre sostanze. Maggior parte degli studi di efficacia non mostrano alcun effetto mentre la terapia estrogenica ha mostrato un aumento del declino cognitivo e della demenza; anche i dati a favore dell’esercizio fisico sono deboli.

LEGGI GLI ARTICOLI SU: DEMENZA

Messaggio pubblicitario  L’esercizio mentale, tuttavia, ha mostrato benefici nei tre studi clinici inclusi nella review. Ciò ha comportato programmi di formazione computerizzati o una formazione cognitiva intensiva per la memoria, il ragionamento o la velocità di elaborazione. In uno studio, i partecipanti hanno migliorato significativamente la memoria che è rimasta stabile in un follow-up a 5 anni. Un altro studio ha dimostrato un miglioramento nella memoria uditiva e dell’attenzione in un gruppo di anziani che hanno partecipato a un programma di training cognitivo computerizzato.

LEGGI GLI ARTICOLI SU: TERZA ETA’

Questa revew fornisce alcune indicazioni che possono aiutare i medici ad indirizzare i pazienti verso le migliori strategie per prevenire il declino cognitivo. Studi futuri dovrebbero inoltre affrontare l’impatto della formazione cognitiva sulla prevenzione del declino cognitivo e incoraggiare i ricercatori a prendere in considerazione strumenti facilmente accessibili, come i cruciverba e il sudoku, ma che non sono ancora stati studiati in modo rigoroso.

 

LEGGI GLI ARTICOLI SU: 

ATTIVITA’ FISICA – DEMENZA – TERZA ETA’

BIBLIOGRAFIA:

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 3, media: 5,00 su 5)
State of Mind © 2011-2021 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Scritto da

Categorie

Messaggio pubblicitario