L’effetto paradossale del mettersi nei panni dell’altro

Quando si decide di promuovere nel paziente la capacità di capire la mente degli altri non conviene farlo tramite il canale immaginativo.

ID Articolo: 26070 - Pubblicato il: 07 febbraio 2013
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

 

 

 

L’effetto paradossale del mettersi nei panni dell’altro. - Immagine: © Pona - Fotolia.com

Quando si decide di promuovere nel paziente la capacità di capire la mente degli altri non conviene farlo tramite il canale immaginativo.

ARTICOLI SU: METACOGNIZIONE

Promuovere la comprensione della mente degli altri in psicoterapia è un’operazione complessa e spesso controproducente, che la terapia metacognitiva interpersonale suggerisce di non compiere prematuramente. Di solito quando si cerca di mostrare ai pazienti come il punto di vista degli altri possa differire da quello che automaticamente hanno attribuito (sulla base dei propri schemi), i pazienti non riescono a cambiare la propria prospettiva.

Dare Significato alle Esperienze. Come si Sviluppa la Capacità Metacognitiva. - Immagine: © chocolates4me - Fotolia.com

Articolo consigliato: Dare Significato alle Esperienze. Come si Sviluppa la Capacità Metacognitiva.

Al contrario, spesso si attaccano con più forza alle loro attribuzioni iniziali e la relazione terapeutica si deteriora transitoriamente. Un recente studio sperimentale (Vorauer e colleghi, 2013) porta conferma a questa idea e apre altre strade di riflessione su come comprendere il punto di vista dell’altro in modo efficace e benefico per la relazione.

ARTICOLI SU: MENTALIZZAZIONE

All’interno di scambi in relazioni di coppia, veniva prima chiesto ai partecipanti all’esperimento di assumere il punto di vista dell’altro nella propria immaginazione. La conseguenza di questa istruzione era sorprendente: aumentava la loro illusione di essere trasparenti all’altro, ovvero che l’altro conoscesse i propri valori, preferenze e sentimenti.

Messaggio pubblicitario Al contrario se veniva chiesto di inibire l’assunzione immaginaria di prospettiva e di prestare invece attenzione a dettagli oggettivi, la tendenza a pensare che l’altro li capisse come se fossero trasparenti diminuiva. Il risultato importante è che l’aumento dell’illusione di trasparenza è legato a maggiore insoddisfazione nella relazione, mentre al contrario l’attenzione ai dettagli, produce maggiore soddisfazione.

 ARTICOLI SU: RAPPORTI INTERPERSONALIEMPATIA

 

EABCT 2012 – State of Mind

Articolo Consigliato: EABCT 2012 – Il ruolo delle Tecniche Immaginative in Terapia Cognitiva

Un’implicazione per la psicoterapia è che quando si decide di promuovere nel paziente la capacità di capire la mente degli altri non conviene farlo tramite il canale immaginativo. Questo porterebbe a sovrastimare il grado in cui l’altro è simile a sé. E’ preferibile invece invitare il paziente a rievocare in dettaglio degli episodi autobiografici e soffermandosi sul comportamento manifesto. In questo modo è più facile che le persone si rendano conto delle differenze che esistono tra sé e gli altri e di come il processo di comprensione reciproca sia un lavoro che necessita di attenzione e impegno. In questo modo si può ridurre l’aspettativa automatica di essere capiti dall’altro: “Se siamo diversi devo spiegarmi per essere capito e non aspettarmi che l’altro lo faccia spontaneamente”.

 

BIBLIOGRAFIA:

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 10, media: 4,60 su 5)
State of Mind © 2011-2019 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario