Fonagy Peter

Peter Fonagy: Psicoanalista e Psicologo Clinico. Direttore del Dipartimento di Psicologia Clinica, della Salute e dell'Educazione presso l'University College di Londra. Direttore del Anna Freud National Centre for Children and Families di Londra.

Leggi tutti gli articoli nei quali è citato Fonagy Peter
Condividi

Prof. Peter Fonagy, Psicologo Clinico – Psicoanalista

Prof. Peter Fonagy - Psicoanalista e Psicologo Clinico

Chi è Peter Fonagy?

Peter Fonagy è nato a Budapest il 14 agosto del 1952 ed è uno psicologo clinico e psicoanalista. Ha studiato psicologia clinica presso l’University College di Londra, dove attualmente, è titolare della cattedra di psicoanalisi contemporanea, scienza dello sviluppo e direttore del dipartimento di psicologia clinica, dell’educazione e della salute. Inoltre, è direttore esecutivo dell’Anna Freud Center, formatore e supervisore alla British Psycho-Analytical Society, membro della British Academy, e dell’Academy of Social Sciences.
Fonagy ha ricevuto l’ Otto Weininger Memorial Award  per il suo contributo allo sviluppo della psicoanalisi contemporanea e per aver contribuito a migliorare il dialogo tra analisti e terapeuti cognitivisti.
Fonagy è autore di numerosi articoli e di oltre 16 libri.

La Teoria di Peter Fonagy

Messaggio pubblicitario Fonagy ha fornito diversi contributi scientifici in vari campi, tra cui l’attaccamento. Egli ha approfondito, in particolare, il concetto di metacognizione o reflective self function, cioè funzione del Sé riflessivo o funzione riflessiva.
Con il termine mentalizzazione si fa riferimento ad una competenza metacognitiva dalla quale dipendono la capacità di comprendere le manifestazioni affettive altrui, la capacità di regolazione affettiva, di controllo degli impulsi e di automonitoraggio. Quindi, si tratta di processi psicologici che consentono di comprendere il proprio funzionamento e l’altrui in termini di stati mentali, cioè sentimenti, convinzioni, intenzioni e desideri.

La mentalizzazione

L’acquisizione di una buona mentalizzazione è strettamente legata allo sviluppo della teoria della mente che consente all’individuo di differenziare ciò che è da ciò si vorrebbe essere.
Un soggetto che non possiede un modello di teoria della mente, non sarà in grado di dare un senso ai comportamenti altrui, avvertendo una mancanza di controllo sulla propria vita e sull’ambiente circostante che si traduce in difficoltà a relazionarsi con gli altri in maniera adeguata.

Per comprendere la mentalizzazione non può essere trascurata la teoria dell’attaccamento; la funzione riflessiva è infatti mediata dalle relazioni di attaccamento con i caregiver, i quali devono essere, a loro volta, in grado di mentalizzare ed essere amorevoli e riflessivi, ponendo, in questo modo, le basi per un attaccamento sicuro.

Il bambino, inizialmente, non ha la capacità di discernere i contenuti mentali dalla realtà, ma li considera coincidenti. Tale capacità cognitiva è definita equivalenza psichica e consiste nell’effettuare un parallelismo tra tutto quello che è presente nella mente e il mondo esterno e viceversa.

La capacità di attribuire stati mentali intenzionali a se stessi e gli altri, però, non si sviluppa prima dei 4 anni di età.
Tuttavia, esistono dei segnali che fungono da precursori di tale attività, quali: indicare o guardare, controllare le reazioni della madre.
Tra i 6 e i 18 mesi, infatti, il bambino comincia a essere in grado di interagire mentalmente con il caregiver. Quindi, se la madre è in grado di rispecchiare lo stato emotivo presentato dal bambino, offre al figlio la possibilità di riconoscere ciò che egli stesso prova. Di conseguenza, la rappresentazione che la madre elabora dello stato affettivo del bambino, è interiorizzata dallo stesso tra le rappresentazioni del proprio Sé.
Se, al contrario, il rispecchiamento esercitato della madre è equivalente allo stato emotivo del bambino, la percezione che egli ha del proprio disagio può tramutarsi in una fonte di paura, amplificando l’emozione e perdendo così il suo potenziale simbolico.
Inoltre, se il rispecchiamento non si verificasse, o fosse contaminato dalla preoccupazione della madre, il processo di sviluppo del Sé sarà negativamente influenzato.

Secondo Fonagy l’armonia nella relazione di attaccamento madre-bambino favorisce lo sviluppo del pensiero simbolico e la presenza di una base sicura contribuisce al processo di mentalizzazione precoce.

L’equivalenza psichica

Oltre al concetto di equivalenza psichica, l’esistenza di una realtà psichica si realizza anche attraverso il  “far finta”, ovvero idee esperite come rappresentazioni senza essere sottoposte a un esame di realtà.
Questa modalità è espressa attraverso il gioco, in cui il bambino attribuisce significati agli oggetti.
Intorno al quarto, quinto anno di vita le modalità dell’equivalenza psichica e del far finta vengono sempre più integrate tra loro, e il bambino riesce a rappresentare gli stati mentali in quanto tali e riconosce che questi stessi stati costituiscono delle rappresentazioni che possono essere fallibili o modificabili, perché potrebbero essere diverse da quanto accade nella realtà.
Ovviamente in questo processo apparentemente semplice, il bambino necessita invece della presenza costante di un adulto che lo aiuti a sperimentare ripetutamente i suoi pensieri e i suoi sentimenti che devono, a loro volta, essere rappresentati nella mente del genitore, orientandoli nella realtà.

Durante il gioco, il caregiver sostanzia le idee e le emozioni del bambino creando un legame con l’ambiente esterno. Per questo, è necessario creare un legame con la realtà, individuando una prospettiva alternativa, che non è presente ancora nella mente del bambino.
Questo processo è determinante per favorire nel bambino la comprensione e l’accettazione delle due realtà, interna ed esterna, senza dover scindere il funzionamento dell’Io per mantenere una duplice modalità di pensiero. Lo scopo, dunque, è creare un continuum tra ciò che è presente in se stessi e la realtà circostante.
Quindi, la funzione riflessiva espressa dal genitore svolge un ruolo fondamentale nel processo di adattamento alla realtà, agevolando non solo lo sviluppo della capacità di gestire le proprie idee e i propri affetti, ma anche di riflettere prima di agire.
Insomma, lo sviluppo della capacità riflessiva infantile risulta essere direttamente influenzata dalle modalità relazionali espresse dal caregiver, come sensibilità, responsività e disponibilità, grazie alle quali il bambino impara e elaborare il mondo percettivo ed emotivo.

La presenza di un attaccamento sicuro, dunque, aiuta i bambini a usufruire di tutti quei processi interattivi sociali che agevolano la comprensione delle dinamiche interpersonali e di usare lo sviluppo di tutti quei processi metacognitivi, fondamentali per l’organizzazione del Sé.
Nelle famiglie in cui la capacità riflessiva del genitore è compromessa o nei casi di abuso infantile o trauma, viene meno la possibilità per il bambino di sperimentare i propri stati mentali attraverso l’identificazione con lo stato mentale dell’oggetto.

Messaggio pubblicitario Secondo Fonagy per favorire la mentalizzazione è necessario focalizzarsi sull’importanza di condizionare i processi mentali allo scopo di modificare le rappresentazioni di sé e degli altri. Tutto questo serve per sviluppare rappresentazioni interne degli affetti volte ad aiutare il bambino a padroneggiare i propri sentimenti, distinguere l’interno dall’esterno, il reale dall’irreale, stabilire una reciprocità nel dare e avere, sviluppare la capacità di tollerare la frustrazione e posporre la gratificazione.

Lo scopo finale, secondo Fonagy, è sviluppare un processo in cui la mente è in grado di acquisire una maggiore conoscenza sul mondo, di pensare a se stesso e agli altri, e di mantenere questi processi stabili attribuendo significati a emozioni e situazioni incomprensibili.

La terapia basata sulla mentalizzazione

Fonagy e Bateman nel 2004 misero a punto la terapia basata sulla mentalizzazione (MBT) ovvero la capacità di possedere pensieri riguardanti gli stati mentali come condizioni distinte, ma derivanti dal comportamento (Bateman & Fonagy, 2004).

La mentalizzazione, dunque, origina dal sentirsi compresi dalla figura di attaccamento attraverso l’ascolto e la comunicazione, presupposti su cui fondare la fiducia in se stessi e nelle proprie capacità.

Il disturbo di personalità, quindi, rappresenta il fallimento della comunicazione e della relazione di apprendimento, da cui si genera sfiducia nell’esperienza, non modificazione delle credenze sul mondo (di sé in relazione agli altri), e senso di isolamento.
Quando il paziente affetto da disturbi di personalità giunge in terapia, mostra questa sfiducia nei confronti del terapeuta e un grande senso di frustrazione. Per questo, il terapeuta proverà la stessa emozione che si tradurrà in sensazione di non essere ascoltato.
La terapia, quindi, ha lo scopo di creare le condizioni, aumentando la metacognizione, in cui la conoscenza possa essere implementata e generalizzata al mondo esterno, ponendo fine all’isolamento del paziente.





Fonagy Peter è citato nei seguenti articoli:

Freud è morto, la psicoanalisi vive
Cultura Psicoterapia

Freud è morto, la psicoanalisi vive

Scrittore, catalizzatore e creatore di miti: fu sicuramente un profeta che fece la storia, ma non un legislatore della scienza come Newton

La teoria della mente – Introduzione alla Psicologia nr. 35
Psicologia

La teoria della mente – Introduzione alla Psicologia nr. 35

Avere una teoria della mente significa saper attribuire a sè e agli altri stati mentali, agire sulla base di questi e prevedere il comportamento altrui.

Non è più il tempo dell’inconscio e dell’underground nella psicoterapia moderna
Psicoterapia

Non è più il tempo dell’inconscio e dell’underground nella psicoterapia moderna

La psicoterapia si è evoluta da Freud ad oggi e si assiste ad un sempre minore interesse per l’inconscio e per il passato mentre ci si sofferma sul presente

Attaccamento e Trauma 2015 – La cronaca del Convegno
Psicologia Psicoterapia

Attaccamento e Trauma 2015 – La cronaca del Convegno

Nel corso del convegno Attaccamento e Trauma innumerevoli esperti si sono alternati sul palco: il loro contributo è stato di ispirazione per il pubblico.

Fiducia epistemica, resilienza e resistenza al cambiamento – Report dal Congresso Attaccamento e Trauma 2015
Psicologia Psicoterapia

Fiducia epistemica, resilienza e resistenza al cambiamento – Report dal Congresso Attaccamento e Trauma 2015

Report dal Congresso Attaccamento e Trauma: nella seconda giornata Fonagy, Steele, Arntz, Dimaggio e Liotti si confrontano sulla relazione terapeutica

Mentalizzazione e disturbi di personalità – Bateman & Fonagy a Pavia
Psicoterapia

Mentalizzazione e disturbi di personalità – Bateman & Fonagy a Pavia

Il modello presenta molti aspetti caratteristici degli approcci cognitivi ma trae la sua origine dalla tradizione psicoanalitica, in particolare bowlbyana.

L’alessitimia come disturbo della regolazione affettiva e sua origine
Psicologia

L’alessitimia come disturbo della regolazione affettiva e sua origine

Esistono persone con una profonda difficoltà nel contattare le proprie emozioni, nel riconoscerele e metterle in parole; esse soffrono di Alessitimia.

Alessitimia: i progressi negli ambiti della teoria, della ricerca e degli strumenti di valutazione
Psicologia

Alessitimia: i progressi negli ambiti della teoria, della ricerca e degli strumenti di valutazione

L’alessitimia consiste in una difficoltà nell’identificare e descrivere i sentimenti, scarse capacità immaginative e stile cognitivo orientato all’esterno.

Dibattito cognitivo-comportamentale: ancora su processi, scopi e credenze
Psicoterapia

Dibattito cognitivo-comportamentale: ancora su processi, scopi e credenze

Psicoterapia Il dibattito cognitivista rispecchia le evoluzioni del paradigma cognitivo comportamentale e il passaggio dal modello standard ai successivi…

Scopi, motivazioni e metacognizione. Ovvero, il ritorno di Pippo e la strega Nocciola
Psicoterapia

Scopi, motivazioni e metacognizione.  Ovvero, il ritorno di Pippo e la strega Nocciola

Scopi, motivazioni e metacognizione. Ovvero, il ritorno di Pippo e la strega Nocciola Francesco Mancini sostiene che nel cognitivismo manchi l’attenzione al concetto di scopo. In particolare critica i modelli in cui si dà particolare centralità a processi di regolazione degli stati mentali. A suo dire tali modelli trascurano quali

Sviluppi della terapia cognitiva: tra processi e credenze
Psicoterapia

Sviluppi della terapia cognitiva: tra processi e credenze

Da anni la Psicoterapia Cognitiva sta ripensando le sue basi teoriche e cliniche. A cosa ci porterebbe una visione funzionalista della sofferenza emotiva?

La Terapia Metacognitiva Interpersonale e le domande stupide
Psicoterapia

La Terapia Metacognitiva Interpersonale e le domande stupide

La Psicoterapia Metacognitiva Interpersonale è uno dei modelli cosiddetti di terza ondata che negli ultimi anni stanno cambiando il modo di fare terapia…

Il modello dimensionale dei Disturbi di Personalità: nuovi sviluppi nel Terzo Centro di Psicoterapia Cognitiva
Psicoterapia

Il modello dimensionale dei Disturbi di Personalità: nuovi sviluppi nel Terzo Centro di Psicoterapia Cognitiva

Il Terzo Centro di Psicoterapia Cognitiva propone un modello dimensionale che supera le differenze categoriali nel trattamento dei disturbi di personalità

Attaccamento e Psicoanalisi di Morris N. Eagle (2013) – Recensione
Psicologia

Attaccamento e Psicoanalisi di Morris N. Eagle (2013) – Recensione

Nel libro l’autore riflette sulle differenze tra i modelli psicoanalitici e la teoria dell’attaccamento ed espone gli sviluppi successivi della teoria.

La trasmissione intergenerazionale del legame di attaccamento

La trasmissione intergenerazionale del legame di attaccamento

Pattern disorganizzati: La trasmissione intergenerazionale del legame di attaccamento e della psicopatologia borderline. Psicologia – Psicoterapia

La Funzione Riflessiva nel terapeuta per il trattamento di pazienti borderline

La Funzione Riflessiva nel terapeuta per il trattamento di pazienti borderline

Mentalizzazione: capacità di concepire gli stati mentali altrui come spiegazioni del comportamento. Nei Borderline è presente una difficoltà a mentalizzare

Terapia metacognitiva interpersonale di Dimaggio, Montano, Popolo e Salvatore

Terapia metacognitiva interpersonale di Dimaggio, Montano, Popolo e Salvatore

Psicoterapia: Il Manuale di Terapia Metacognitiva Interpersonale di Dimaggio, Montano, Popolo e Salvatore (2013), Edito da Raffaello Cortina Editore.

Disturbo Borderline di Personalità: la Dialectical Behaviour Therapy – Report dal Workshop di Reggio Calabria

Disturbo Borderline di Personalità: la Dialectical Behaviour Therapy – Report dal Workshop di Reggio Calabria

Workshop su Dialectical Behaviour Therapy (DBT) per Disturbo Borderline di Personalità (DBP), tenuto dal Prof. Cesare Maffei e dalla Dr.ssa Donatella Fiore.

Messaggio pubblicitario