Martina Bandera

Leggi tutti gli articoli di Martina Bandera
Martina Bandera

Psicologia Clinica
Esperta in disturbi dell’apprendimento e difficoltà scolastiche
Esperta in mutismo selettivo

Iscritta all’ordine degli psicologi della Lombardia: n° 21369

 

CONTATTI:

 

  • Mail: martina.bandera@live.it

 

BIOGRAFIA:

Ho conseguito la Laurea Triennale in Scienze e Tecniche Psicologiche all’Università Milano Bicocca e successivamente la Laurea Magistrale in Psicologia Clinica all’Università degli Studi di Padova con votazione 110 e lode con una tesi sperimentale dal titolo “Mutismo Selettivo in età adulta: un contributo di ricerca” relatore Prof. Ezio Sanavio. 
Ho svolto il tirocinio professionalizzante presso Studi Cognitivi Milano per cui scrivo come blogger sulla rivista on-line State of Mind.
Ho conseguito un Master di II lIvello in Disturbi dell’apprendimento e difficoltà scolastiche presso l’Università degli Studi di Pavia, implementando un training cognitivo specifico per le funzioni esecutive in bambini con ADHD in collaborazione con il prof. Gian Marco Marzocchi. 
Collaboro da anni con l’Associazione Italiana Mutismo Selettivo (AIMUSE) di cui sono socio e membro della rete di specialisti.



Contatti

Articoli di Martina Bandera

Stimolazione cerebrale (dTMS) e obesità: una nuova strada per il trattamento
Neuroscienze Psicologia

Stimolazione cerebrale (dTMS) e obesità: una nuova strada per il trattamento

dTMS ed obesità: Uno studio italiano rileva gli effetti della stimolazione cerebrale nel trattamento per l’obesità. Come per alcune dipendenze, si agirebbe su alterazioni del sistema di ricompensa cerebrale.

L’importanza dell’adulto nello sviluppo delle abilità sociali dei bambini
Psicologia

L’importanza dell’adulto nello sviluppo delle abilità sociali dei bambini

Lo sviluppo delle abilità sociali nei bambini potrebbe avvenire anche prima dei 4 anni, secondo uno studio svedese. Lo sviluppo di tali competenze sarebbe favorito dall’interazione con l’adulto.

Rendimento scolastico: il modo in cui i genitori aiutano i figli può portare non solo ad aspetti positivi ma anche negativi
Psicologia

Rendimento scolastico: il modo in cui i genitori aiutano i figli può portare non solo ad aspetti positivi ma anche negativi

Sono diversi i modi in cui un genitore può aiutare il figlio a svolgere i compiti. I maggiori vantaggi derivano dalla capacità di lasciare liberi i bambini di mettere alla prova le proprie conoscenze e abilità, generando così un rinforzo dell’apprendimento e ottenendo in generale risultati scolastici migliori.

Come può la musica aiutare i pazienti affetti da Alzheimer o da altre forme di demenza?
Neuroscienze

Come può la musica aiutare i pazienti affetti da Alzheimer o da altre forme di demenza?

Le persone affette da malattia di Alzheimer, o da altre forme di demenza, si trovano di fronte a un mondo sconosciuto che causa disorientamento e ansia. Nuove evidenze scientifiche suggeriscono che la musica potrebbe rendere questi sintomi più gestibili e migliorare la qualità di vita di questi pazienti.

Apprendimento di una nuova lingua: è più importante la produzione o la comprensione?
Psicologia

Apprendimento di una nuova lingua: è più importante la produzione o la comprensione?

Alcuni dati indicano che la produzione del linguaggio fornisce una forte esperienza di apprendimento nell’imparare una lingua straniera. Ciò sembra dipendere dal fatto che la produzione orale richiede l’integrazione contemporanea di più funzioni cognitive, tra cui la memoria di lavoro.

Realtà virtuale: nuovo alleato del terapeuta CBT nel trattamento delle paranoie in pazienti con disturbi psicotici?
Psichiatria Psicoterapia

Realtà virtuale: nuovo alleato del terapeuta CBT nel trattamento delle paranoie in pazienti con disturbi psicotici?

Recenti studi evidenziano l’efficacia dell’impiego della realtà virtuale nel trattamento della paranoia in pazienti con disturbi psicotici. E’ la nuova frontiera dell’esposizione per la terapia cognitivo-comportamentale?

Lo yoga e la mindfulness per migliorare la salute emotiva nei bambini
Psicologia

Lo yoga e la mindfulness per migliorare la salute emotiva nei bambini

Secondo un recente studio, gli interventi rivolti a bambini in età scolare che vengono svolti all’interno di un contesto educativo e che si basano sui principi dello yoga e della mindfulness possono essere un utile strumento nel raggiungere un significativo miglioramento nella loro sensazione di benessere.

Le anomalie cerebrali correlate all’ADHD sarebbero osservabili già in età prescolare
Neuroscienze Psicologia

Le anomalie cerebrali correlate all’ADHD sarebbero osservabili già in età prescolare

Numerose ricerche hanno indagato l’impatto del Disturbo da Deficit di Attenzione/ Iperattività (ADHD) sullo sviluppo cerebrale dei bambini. Un recente studio ha dimostrato la presenza di anomalie nella struttura cerebrale già in età prescolare, coerentemente con le prime manifestazioni sintomatiche del disturbo.

Anziani e memoria: il problema dei falsi ricordi
Neuroscienze

Anziani e memoria: il problema dei falsi ricordi

Nella vecchiaia, oltre al problema della perdita della memoria, si assiste alla formazione di falsi ricordi nel cervello.

Aggressività in età infantile: il ruolo delle funzioni esecutive 
Neuroscienze

Aggressività in età infantile: il ruolo delle funzioni esecutive 

Una ricerca ha dimostrato che bambini delle scuole primarie con ridotte funzioni esecutive, quali pianificazione e autocontrollo, mostrano maggiore aggressività nel corso dell’infanzia.

Il trattamento della fobia specifica attraverso lo studio dell’attività cerebrale altrui 
Neuroscienze

Il trattamento della fobia specifica attraverso lo studio dell’attività cerebrale altrui 

Un nuovo studio intende rendere meno paurosi gli oggetti fobici manipolando direttamente l’attività cerebrale dei soggetti con fobie specifiche.

Quali sono gli effetti dell’ossitocina sul cervello materno?
Neuroscienze

Quali sono gli effetti dell’ossitocina sul cervello materno?

Uno studio dell’Università di Tampere ha esplorato gli effetti della somministrazione di ossitocina sulle risposte neurali delle neomamme con l’obiettivo di capire se gli effetti dell’ormone fossero maggiori in risposta all’elaborazione di volti infantili.

Cosa succede nel cervello di un bambino a seguito di un ictus perinatale?
Neuroscienze

Cosa succede nel cervello di un bambino a seguito di un ictus perinatale?

Uno studio della Georgetown University ha trovato che soggetti adulti colpiti in passato da un ictus perinatale, utilizzano il lato destro del cervello per elaborare il linguaggio e svolgere altre funzioni ad esso connesse a seguito del danneggiamento dell’emisfero sinistro

Movimenti oculari e ricordi: quale possibile legame?
Neuroscienze

Movimenti oculari e ricordi: quale possibile legame?

Una ricerca ha dimostrato che per riattivare le immagini visive di ricordi passati il cervello utilizza i movimenti oculari.

Manipolare le emozioni negative attraverso la stimolazione cerebrale
Neuroscienze

Manipolare le emozioni negative attraverso la stimolazione cerebrale

E’ stato dimostrato che la stimolazione magnetica transcranica ripetitiva (rTMS) può rafforzare o indebolire le emozioni negative.

Le nuove frontiere della ricerca sulla Malattia di Huntington
Neuroscienze

Le nuove frontiere della ricerca sulla Malattia di Huntington

E’ stato dimostrato che la malattia di Huntington potrebbe avere delle origini precoci e questo porterebbe a modifiche nei trattamenti proposti.

Amare la matematica rende i bambini più bravi?
Neuroscienze Psicologia

Amare la matematica rende i bambini più bravi?

Uno studio ha dimostrato che i bambini che amano la matematica hanno una migliore funzionalità dell’ippocampo e migliori performance.

L’elaborazione del tatto nel cervello infantile: quando un tocco si trasforma in empatia
Neuroscienze

L’elaborazione del tatto nel cervello infantile: quando un tocco si trasforma in empatia

Nuovi studi dimostrano che la corteccia somatosensoriale è responsabile dello sviluppo del tatto nei bambini sia quando il tocco è percepito che osservato

Messaggio pubblicitario