Dohotaru Alina

Leggi tutti gli articoli di Dohotaru Alina
Condividi
Alina Dohotaru

Psicologa
Psicoterapeuta in formazione presso la Scuola Superiore di Specializzazione in Psicologia Clinica, all’Università Pontificia Salesiana di Roma, indirizzo Analisi Transazionale Socio-Cognitiva.

Iscritta all’Albo degli Psicologi del Lazio dal 2013, tessera n° 19885.

Web: http://alinadohotaru.it/
Email: dohotaru.alina@gmail.com
Tel: 3294499585
Linkedin: https://it.linkedin.com/in/alina-dohotaru-3b40988

Sono nata e cresciuta in Romania, per poi stabilizzarmi e studiare a Roma, dove vivo dal 2001.
Ho conseguito la Laurea Triennale e Specialistica presso l’Università Pontificia Salesiana a Roma.
Di cosa mi occupo:
- consulenza psicologica individuale a Roma (in italiano, romeno, inglese)
- valutazione dello stress lavoro-correlato
- corsi di formazione
- scrivo articoli di psicologia per riviste e blog.

Nel tempo libero mi piace meditare, scrivere poesie, leggere, viaggiare.



Contatti

Articoli di Dohotaru Alina

Si può incrementare la felicità con dei semplici esercizi?
Psicologia

Si può incrementare la felicità con dei semplici esercizi?

Lo psicologo Seligman ha condotto una ricerca in cui ha studiato l’efficacia di alcuni semplici esercizi per aumentare la felicità e ridurre la depressione.

La creatività secondo la teoria sistemica di Csikszentmihalyi: il ruolo della persona
Psicologia

La creatività secondo la teoria sistemica di Csikszentmihalyi: il ruolo della persona

Csikszentmihalyi vede la creatività come evento psicologico connesso al dominio e alla specialità. Un individuo è creativo quando ha accesso questi ultimi.

La creatività secondo la teoria sistemica di Csikszentmihalyi: il ruolo del dominio e dell’area di specialità
Cultura Psicologia

La creatività secondo la teoria sistemica di Csikszentmihalyi: il ruolo del dominio e dell’area di specialità

Csikszentmihalyi vede la creatività non solo come evento psicologico. Tra le variabili esterne ad essa connesse vi sono il dominio e l’area di specialità.

Cancellare i pensieri non voluti può essere controproducente
Psicologia

Cancellare i pensieri non voluti può essere controproducente

La ricerca dice che generalmente l’annullamento dei pensieri non funziona, ma comporta un aumento dell’intensità o della ripetitività del pensiero

Messaggio pubblicitario