“Esserci – Come la presenza dei genitori influisce sullo sviluppo dei bambini” (2020) di Siegel e Bryson. Recensione del libro

Il libro "Esserci - Come la presenza dei genitori influisce sullo sviluppo dei bambini" racconta gli aspetti necessari per promuovere un attaccamento sicuro

ID Articolo: 176095 - Pubblicato il: 29 giugno 2020
“Esserci – Come la presenza dei genitori influisce sullo sviluppo dei bambini” (2020) di Siegel e Bryson. Recensione del libro
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

Il libro Esserci. Come la presenza dei genitori influisce sullo sviluppo dei bambini offre, a partire dalla teoria dell’attaccamento e dalla neurobiologia interpersonale, una guida su cosa possono fare i genitori per aiutare i bambini a crescere in modo ottimale, anche se non perfetto: esserci.

 

Messaggio pubblicitario “Esserci significa portare tutti noi stessi – la nostra attenzione e consapevolezza – nel momento in cui stiamo con nostro figlio. Esserci vuol dire essere presenti mentalmente ed emotivamente per il bambino quando siamo insieme a lui”. Si tratta di presenza fisica ma soprattutto della qualità della presenza.

Facile a dirsi, ma per colmare la parte pratica lì dove è assente, il libro ci serve sul piatto un “cocktail” di quattro elementi – chiamato il “poker dell’attaccamento”, in grado di creare un attaccamento sicuro – alla base di uno sviluppo ottimale: protezione, comprensione, conforto, sicurezza (Imm. 1)

Esserci. Come la presenza dei genitori influisce sullo sviluppo dei bambini Imm 1
Imm.1: i quattro elementi alla base di uno sviluppo ottimale.

Dopo una introduzione panoramica sulla teoria dell’attaccamento, ogni capitolo è dedicato ad una di queste parole chiave e viene dato spazio anche a strumenti per individuare il tipo di attaccamento che abbiamo avuto noi genitori, in modo da riflettere su di esso, dare un senso e creare una “narrazione coerente” – condizioni necessarie per poter offrire ai nostri figli una base amorevole, persino se noi non l’abbiamo avuta. Gli autori accennano infatti al concetto di attaccamento sicuro guadagnato – riferito alla possibilità di cambiare il proprio stile di attaccamento.

In ogni capitolo vengono dati suggerimenti su come sviluppare ognuna delle quattro capacità e alla fine di ogni capitolo, ci sono una serie di strumenti per comprendere la propria storia e per individuare il tipo di attaccamento che abbiamo anche noi genitori, in modo da proporci in maniera ottimale per i nostri figli. Vediamo in sintesi cosa significa ognuno degli ingredienti proposti dagli autori.

Messaggio pubblicitario Proteggere è l’opposto di minacciare, significa tenere il bambino a riparo da esperienze avverse di abuso e trascuratezza (fisici, emotivi e relazionali) o altri tipi di episodi in cui si incute paura e soprattutto riparare quando si sbaglia. Importante anche non diventare iperprotettivi, considerato che sostituirsi a loro non è protettivo, ma svalutante. L’idea quindi è non prevenire e risolvere per loro i problemi, ma stargli accanto in momenti difficili facendogli capire che hanno la forza di gestirli e uscirne bene, nei limiti del proprio livello di sviluppo, temperamento e situazione. È importante che i bambini si trovino ad affrontare i problemi e incontrino anche qualche insuccesso.

Comprendere significa vedere ciò che succede dietro i comportamenti (pensieri, emozioni, ricordi), sintonizzandosi con lo stato mentale del bambino e dando senso a ciò che capita, invece di etichettare un comportamento.

Confortare significa consolare, riuscire a calmare il bambino quando prova emozioni forti, stando accanto a lui, stimolando così lo sviluppo della capacità di calmarsi da solo e lo sviluppo della parte “superiore” del cervello.

La sicurezza è il risultato dei primi tre concetti: la base sicura viene creata se riusciamo a proteggere il bambino, a comprenderlo e confortarlo.

Il libro è scritto in maniera comprensibile anche per i non addetti ai lavori, con diversi esempi, e anche stimoli alla riflessione sul proprio stile di attaccamento. È un libro per genitori ma anche per chi sta in contatto con i bambini da un altro ruolo, nonché per coloro che vogliono approfondire il proprio stile di attaccamento.

 

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 5, media: 5,00 su 5)

Consigliato dalla redazione

Rapporti interpersonali: come si sviluppano le abilità sociali nei bambini

Relazioni sane e adattive: come i genitori possono favorire lo sviluppo delle abilità relazionali nei bambini

Buone abilità comunicative e relazionali rappresentano dei fattori di protezione fondamentali rispetto a varie forme di psicopatologia. E' importante pertanto che i genitori monitorino il modo in cui si relazionano

Bibliografia

  • Siegel D. J., Bryson T. P. (2020). Esserci – Come la presenza dei genitori influisce sullo sviluppo dei bambini, Raffaello Cortina Editore: Milano
State of Mind © 2011-2020 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Categorie

Messaggio pubblicitario