Antonio Cafaro

Leggi tutti gli articoli di Antonio Cafaro
Antonio Cafaro

Psicologo

Iscritto all’ordine degli psicologi del Friuli Venezia Giualia n°2227 dal 29/03/2021.

 

Contatti:

 

Biografia

Sono laureato in psicologia clinica e al momento sto continuando la mia formazione frequentando la scuola di psicoterapia cognitivo comportamentale "Studi Cognitivi".

Svolgo l'attività di psicologo e psicoterapeuta (in supervisione) in libera professione, presso il mio studio, situato a Casarsa della Delizia, via Pasolini 21 (PN).

Mi occupo di interventi sulla sofferenza psicologica che riguarda le persone adulte. Il mio lavoro si concentra principalmente sul sostegno psicologico per superare momenti di crisi o malessere soggettivo e sul trattamento di ansia, panico, depressione e disturbo ossessivo compulsivo.

Passione, professionalità e competenza sono i valori in cui credo e che accompagnano il mio lavoro.

 



Contatti

Articoli di Antonio Cafaro

Rimuginio e timidezza nell’ansia sociale: fattori di rischio o di mantenimento?
Psicoterapia

Rimuginio e timidezza nell’ansia sociale: fattori di rischio o di mantenimento?

Il rimuginio è un aspetto caratteristico nelle persone con ansia sociale ed è presente in generalmente in due momenti: prima e dopo l’evento ansioso

Psicoterapia e neuroscienze: uno spazio di integrazione. Il successo della psicoterapia mostrato da specifici cambiamenti a livello cerebrale
Neuroscienze Psicoterapia

Psicoterapia e neuroscienze: uno spazio di integrazione. Il successo della psicoterapia mostrato da specifici cambiamenti a livello cerebrale

Possiamo vedere l’efficacia di una psicoterapia anche grazie a tecniche neurofisiologiche che consentono di osservare i cambiamenti neurobiologici.

Obesità: quando l’assunzione di cibo da attività ludica diventa patologica. Verso nuove prospettive diagnostiche e di intervento
Psicologia Psicoterapia

Obesità: quando l’assunzione di cibo da attività ludica diventa patologica. Verso nuove prospettive diagnostiche e di intervento

Attraverso l’intervento cognitivo comportamentale CBT-O si incoraggia il paziente obeso a diventare attore attivo del proprio processo di cura e oltre.

Messaggio pubblicitario