expand_lessAPRI WIDGET

Il trauma e il corpo. Manuale di psicoterapia sensomotoria – Recensione

Come si esprime il trauma tramite il corpo? E come è possibile guarire le ferite traumatiche? 'Il trauma e il corpo' affronta questi quesiti

Di Mariapia Ghedina

Pubblicato il 20 Set. 2023

Le risposte al trauma

Di fronte a un evento stressante, se le azioni difensive risultano efficaci, il pericolo viene evitato e si tende a sperimentare un senso di sollievo oltre che di autoefficacia. Tale senso di padronanza purtroppo è solitamente assente nelle persone traumatizzate. Queste ultime tendono infatti ad esprimere costantemente le medesime risposte difensive, che furono attuate al momento del vissuto traumatico, anche molto tempo dopo. 

I soggetti traumatizzati rimangono bloccati in specifiche e ripetitive tendenze all’azione difensiva, che erano state attivate al momento del trauma originale e sono nuovamente riattivate dagli stimoli ambientali che ricordano il trauma (Krystal, 1988).

É così che la tipica risposta psicofisiologica connessa alle memorie traumatiche può manifestarsi in un qualsiasi momento, anche apparentemente casuale. Può non essere possibile riuscire a trovare il collegamento da parte del paziente ed è questo uno dei tanti punti in cui interviene il terapeuta.

Presente e passato si intersecano palesandosi in un modo che appare automatico per chi ha vissuto un trauma.

Come si esprime il trauma tramite il corpo? E come, grazie a una migliore focalizzazione sul corpo, è possibile guarire le ferite traumatiche? 

Queste e altre domande trovano risposta nel testo “Il trauma e il corpo. Manuale di psicoterapia sensomotoria”. Un manuale dedicato agli psicoterapeuti utile per l’apprendimento della terapia sensomotoria e, più precisamente, per far superare ai pazienti gli esiti connessi agli eventi traumatici.

La terapia sensomotoria

Il terapeuta, attraverso questo approccio, insegna ai pazienti a distinguere tra le emozioni, le cognizioni correlate al trauma, le sensazioni fisiche e le azioni, migliorando così la consapevolezza, sia della propria mente, sia del proprio corpo.

Dal momento in cui la tipica reazione del trauma è un’attivazione psicofisiologica verso una minaccia attesa non immediata, uno degli aspetti principali della terapia sensomotoria riguarda il fatto di insegnare al paziente a effettuare il monitoraggio del proprio arousal. In tal modo è possibile migliorare l’autoconsapevolezza e procedere con le altre tecniche spiegate in questo manuale. Ai pazienti viene inoltre insegnato a non attuare evitamenti, né dal punto di vista cognitivo, né in termini di azioni. Se, ad esempio, a seguito della rievocazione di un evento traumatico, il paziente viene sorpreso a distogliere lo sguardo durante il colloquio, egli può essere invitato a mantenere il contatto visivo nonostante le sensazioni sgradevoli elicitate dal trauma. 

Il libro, che si divide tra la spiegazione psicofisiologica del trauma e il rispettivo trattamento, spiega come la psicoterapia sensomotoria parta quindi da una connessione tra mente e corpo. Anche quando il trauma riporterebbe a un passato lontano, aiuta a restare nel presente e a risolverlo, disimparando a reagire a una minaccia che di fatto non persiste nelle situazioni sicure.

Tra le varie tecniche di terapia sensomotoria descritte nel libro é previsto l’uso del tocco, anche se non é ritenuto indispensabile. Si tratterebbe appunto di toccare la parte del corpo in cui il paziente lamenta le sensazioni traumatiche al fine di aumentare la percezione e la consapevolezza delle sensazioni provate. Ciò dovrebbe tuttavia avvenire in modo prudente e previo permesso del paziente stesso. In merito, è anche consigliata l’adeguata integrazione nel modulo privacy.

Il tocco può anche rivelarsi utile al fine di sviluppare delle nuove risorse somatiche oppure per aumentare la consapevolezza delle risorse già esistenti. 

Nel complesso, si può affermare che si tratta di un manuale che segna una svolta nel campo delle terapie per il trattamento del trauma.

Si parla di:
Categorie
RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI
  • Ogden, P., Minton, K., & Pain, C. (2023). Il trauma e il corpo: manuale di psicoterapia sensomotoria. Raffaello Cortina Editore.
CONSIGLIATO DALLA REDAZIONE
Disturbo Traumatico dello Sviluppo la necessità di una nuova diagnosi
Il disturbo traumatico dello sviluppo: la necessità di una nuova diagnosi

Nel Disturbo Traumatico dello Sviluppo il bambino o l'adolescente vive o assiste a una vittimizzazione interpersonale e a un'interruzione dell’attaccamento

ARTICOLI CORRELATI
Baby Reindeer (2024) – Recensione della serie

Baby Reindeer: una lettura psicologica di alcuni complessi fenomeni trattati nella miniserie

Conferme dalle neuroscienze: i ricordi traumatici vengono processati come esperienza presente

Uno studio rivela che i ricordi traumatici sono elaborati come esperienza presente e non come ricordi, offrendo nuove informazioni per il trattamento del PTSD

cancel