expand_lessAPRI WIDGET

Manuale delle tecniche psicologiche (2022) di Bernardo Paoli ed Enrico Parpaglione – Recensione

"Manuale delle tecniche psicologiche" raccoglie numerose tecniche tra le più utilizzate, descritte, schedate ed approfondite in modo preciso e chiaro

Di Valentina Nocito

Pubblicato il 12 Dic. 2022

Il volume “Manuale delle tecniche psicologiche” di Paoli e Parpaglione ha l’intento di andare oltre un unico paradigma di riferimento, presentando svariate tecniche utilizzabili dal professionista.

 

“Manuale delle tecniche psicologiche”, un eccellente testo nato ad opera di Bernardo Paoli, psicologo e psicoterapeuta, ideatore del modello di Terapia Breve delle Esperienze di Equilibrio, co-fondatore dell’Accademia delle Tecniche Psicologiche, docente di Terapia Breve presso scuole di specializzazione in psicoterapia, consulente e formatore, autore di diversi saggi, ed Enrico Parpaglione, psicologo e psicoterapeuta, trainer e supervisore in Schema Therapy, co-fondatore dell’Accademia delle Tecniche Psicologiche, Direttore di Training Internazionale Certificato in Schema Therapy. Un validissimo testo all’interno del quale hanno collaborato diversi professionisti di differenti formazioni, orientamenti e specializzazioni.

Un testo che raccoglie numerose tecniche psicologiche tra le più utilizzate, descritte, schedate ed approfondite in modo preciso e chiaro.

Le tecniche psicologiche contenute in questo manuale possono essere definite con nomi alternativi come: esercizi, homework, indicazioni, suggerimenti, suggestioni, prescrizioni, feedback, rimandi, compiti. Ma credo che la parola che si addice resti “esperienze” (Paoli e Parpaglione, p. X).

Tantissime le tecniche raccolte e descritte, distribuite in ordine alfabetico all’interno del suddetto manuale come ABC, Aforismi, Autoipnosi, Body scan, Come peggiorare, Come se, Congiura del silenzio, Controrituale, Defusione, Desensibilizzazione, Dialogo socratico, Dilazione della risposta, Esposizione, Fototerapia, Genogramma, Grounding, Lettere, Mindfulness informale, Prescrizione del sintomo, Pulpito delle lamentele, Respirazione diaframmatica aiutata, Rilassamento Muscolare Progressivo, Sedia vuota, Stop del pensiero, Token Economy, Vantaggi e svantaggi, Zaino.

Il lettore esperto, potrà già notare come l’intento degli autori del manuale è stato quello di andare oltre un unico paradigma di riferimento, offrendo al professionista una raccolta di strumenti validi che possano divenire significativi all’interno e fuori dal proprio studio e facilitare la comunicazione tra i professionisti.

Ogni tecnica viene schedata e descritta in modo preciso, mettendo in risalto le situazioni per le quali è più indicata, obiettivi ed effetti attesi, cosa viene detto e viene fatto, presupposti teorici all’utilizzo della tecnica, testi che ne fanno menzione e tabelle/schemi/allegati.

Ritengo che il Manuale delle tecniche psicologiche” sia veramente uno risorsa preziosa da inserire nella propria libreria, dal forte valore formativo, utile sia al professionista che allo/a psicologa/o in formazione.

 

Si parla di:
Categorie
SCRITTO DA
Valentina Nocito
Valentina Nocito

Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

Tutti gli articoli
RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI
  • Paoli, B., Parpaglione, E. (2022) Manuale delle tecniche psicologiche. Edizioni Giunti.
CONSIGLIATO DALLA REDAZIONE
Extended evolotionary meta-model: una diagnosi basata sui processi
Terapia cognitivo-comportamentale di terza onda: l’extended evolutionary meta-model

È importante che i processi vengano organizzati con modelli coerenti e funzionali e l’approccio più adatto per questo è l'Extended Evolutionary Meta-Model

ARTICOLI CORRELATI
cancel