Quale legame tra ossitocina, Maternity Blues, anestesia epidurale e affaticamento dopo il parto

Per le numerose funzioni che svolge, l’ossitocina è spesso associata ad aspetti della salute mentale come la depressione post-partum e il maternity blues

ID Articolo: 194393 - Pubblicato il: 30 agosto 2022
Quale legame tra ossitocina, Maternity Blues, anestesia epidurale e affaticamento dopo il parto
Messaggio pubblicitario SFU 2022

Sebbene non siano state mai condotte analisi sull’associazione tra esiti del parto e ossitocina, le esperienze delle donne con o senza anestesia epidurale possono variare notevolmente a livello fisico (e.g. dolore da travaglio, dolore perineale) e nell’affaticamento dopo il parto. 

 

I cambiamenti indotti dall’ossitocina

Messaggio pubblicitario  L’ossitocina  (OT) è l’ormone coinvolto nel travaglio e ha molteplici funzioni tra cui l’induzione delle contrazioni uterine e della fuoriuscita di latte materno; influenza anche la fisiologia materna e il comportamento durante il parto (Uvnäs Moberg et al., 2019). Può essere endogena ed essere quindi prodotta nel cervello, oppure somministrata esternamente per via intravascolare (OT sintetica). Solitamente, durante la gravidanza, i livelli plasmatici di ossitocina variano dalla fase iniziale a quella finale, sebbene alcuni studi dimostrino che i livelli rimangono stabili nel corso della gravidanza (Prevost et al., 2014). Inoltre esercita effetti antidolorifici, antinfiammatori e riparatori, eleva la soglia del dolore, riduce lo stress attivando il sistema nervoso parasimpatico e riducendo l’attività del sistema nervoso simpatico. Infine, può stimolare anche comportamenti prosociali, migliorare le relazioni interpersonali (Kosaka et al., 2016). Per le numerose funzioni che svolge, l’ossitocina è spesso associata a vari aspetti della salute mentale, come la depressione post-partum e il Maternity Blues (MB). Alcuni studi hanno infatti dimostrato come il livello plasmatico di ossitocina e la depressione post partum, misurata tramite la la Edinburgh Postnatal Depression Scale (EPDS; Cox et al., 1987), fossero associati: più alto era il punteggio dell’EPDS, più basso era il livello di ossitocina (Stuebe et al., 2013). L’EPDS non include però il Maternity Blues il quale è definito come uno stato di ansia transitoria e/o di lieve umore deflesso che si manifestano dai 3 ai 10 giorni dopo il parto. I sintomi del Maternity Blues comprendono tra gli altri tendenza al pianto, ansia, agitazione, nervosismo, disforia, insonnia, senso di inadeguatezza, umore lievemente deflesso e distraibilità. Inoltre può causare anche alcuni sintomi fisici tra cui affaticamento, perdita di appetito e mal di testa (O’Hara & McCabe, 2013). L’incidenza è tra il 50 e l’80% delle donne e nella maggior parte dei casi non richiede un trattamento ma scompare spontaneamente di solito in una decina di giorni, sebbene in alcuni casi possa trasformarsi in depressione post partum (Okano et al., 1991). Uno studio di Jomeen (2004), ha mostrato infatti come l’ansia da gravidanza, lo stress legato alla genitorialità, il temperamento del bambino, la relazione con il partner, il maternity blues e la mancanza di sostengo sociale, siano tutti fattori di rischio per la depressione post-partum.

Maternity blues e ossitocina

Uno studio pilota di su 15 donne primipare (Shishido et al., 2019) che ha valutato i punteggi di maternity blues e i livelli salivari di ossitocina, ha mostrato l’esistenza di una correlazione negativa significativa tra i punteggi di stanchezza e i livelli salivari di ossitocina a 1-2 giorni e 4-5 giorni dopo il parto. Questi risultati evidenziano quindi la necessità di chiarire in modo specifico l’associazione dei cambiamenti del livello di ossitocina con l’affaticamento post-partum e il maternity blues a seconda della diversa modalità di parto. Sebbene non siano state mai condotte analisi sull’associazione tra esiti del parto e ossitocina, le esperienze delle donne con o senza anestesia epidurale possono variare notevolmente a livello fisico (e.g. dolore da travaglio, dolore perineale) e nell’affaticamento dopo il parto.

Parto e ossitocina

Messaggio pubblicitario  Uno studio di Shishido e colleghi del 2021 aveva come obiettivi quelli di approfondire l’associazione tra la modalità di parto (con anestesia epidurale o senza anestesia epidurale) e le variazioni del livello di ossitocina salivare longitudinale nelle donne primipare dalla trentaseiesima settimana gestazionale a 4-5 giorni dopo il parto e l’associazione di queste variazioni con il maternity blues e l’affaticamento post partum. Le partecipanti selezionate erano donne in gravidanza primipare con presentazione cefalica, che avevano in programma un parto vaginale, di età compresa tra i 20 e i 40 anni, 29 delle quali hanno partorito con anestesia epidurale e 29 senza. Gli autori hanno quindi eseguito misurazioni di campioni di saliva in quattro differenti momenti: 36-37 settimana gestazionale, 38-39 settimana gestazionale, 1-2 giorni dopo il parto e 4-5 giorni dopo il parto. Hanno valutato i dati basali utilizzando diversi strumenti tra cui lo State-Trait Anxiety Inventory (STAI; Spielberger, 1970) per valutare l’ansia di stato e di tratto; la scala di Stein (1980) per valutare il maternity blues; e una scala analogica visiva (VAS) per valutare la stanchezza dopo il parto. I risultati mostrano che i livelli medi di ossitocina salivari sono aumentati significativamente da 36-37 settimane gestazionali fino a 1-2 giorni dopo la nascita, per poi diminuire dopo il 3-4 giorno. Inoltre i cambiamenti nei livelli di ossitocina salivari dalla tarda gravidanza al primo post partum sono risultati diversi tra le donne con e senza anestesia epidurale: le prime avevano un livello medio di ossitocina significativamente più alto a 1-2 giorni dal parto rispetto a 36-37 settimane gestazionali; tale livello a 4-5 giorni dal parto era significativamente più basso. Le donne con anestesia epidurale avevano inoltre più maternity blues rispetto alle donne senza e i loro livelli di ossitocina hanno mostrato una debole associazione con il maternity blues a 4-5 giorni dal parto. Infine il livello di ossitocina subito dopo la gravidanza sembra essere diminuito nel gruppo con l’anestesia epidurale ed essere correlato negativamente con il maternity blues e l’affaticamento post partum. I risultati suggeriscono quindi che le donne sottoposte ad anestesia epidurale necessitano attenzioni ulteriori specifiche di supporto per il riposo e la cura del bambino nel post-parto.

 

Consigliato dalla redazione

Ossitocina: quali sono gli effetti sul cervello materno? - Neuroscienze

Quali sono gli effetti dell’ossitocina sul cervello materno?

Uno studio dell'Università di Tampere ha esplorato gli effetti della somministrazione di ossitocina sulle risposte neurali delle neomamme con l'obiettivo di capire se gli effetti dell’ormone fossero maggiori in risposta

Bibliografia

  • Cox, J., Holden, J., & Sagovsky, R. (1987). Detection of Postnatal Depression: Development of the 10-item Edinburgh Postnatal Depression Scale. British Journal of Psychiatry, 150(6), 782-786.
  • Jomeen, J. (2004). The importance of assessing psychological status during pregnancy, childbirth and the postnatal period as a mul- tidimensional construct: A literature review. Clinical Effective- ness in Nursing, 8, 143–155.
  • Kosaka, H., Okamoto, Y., Munesue, T., Yamasue, H., Inohara, K., Fujioka, T., & Wada, Y. (2016). Oxytocin efficacy is modulated by dosage and oxytocin receptor genotype in young adults with high-functioning autism: A 24-week randomized clinical trial. Translational Psychiatry, 6(8), e872.
  • Ogawa, M. (1991). Reliability and validity of the Japanese version of PBI. Japanese Journal of Psychiatric Treatment, 6, 1193-1201.
  • O’Hara, M. W., & McCabe, J. E. (2013). Postpartum depression: Current status and future directions. Annual Review of Clinical Psychology, 9, 379–407.
  • Okano, S., Nomura, J., & Koshikawa, N. (1991). Maternity blues and postpartum depression-cross-cultural psychiatry. Clinical Psychiatry, 33, 1051–1058 (in Japanese).
  • Prevost, M., Zelkowitz, P., Tulandi, T., Hayton, B., Feeley, N., Carter, C. S., & Gold, I. (2014). Oxytocin in pregnancy and the postpartum: Relations to labor and its management. Frontiers in Public Health, 2, 1.
  • Shishido, E., Shuo, T., Takahata, K., & Horiuchi, S. (2019). Changes in salivary oxytocin levels and bonding disorder in women from late pregnancy to early postpartum: A pilot study. PLoS One, 14 (9), e0221821.
  • Shishido, E., Shuo, T., Shinohara, K., & Horiuchi, S. (2021). Effects of epidural anesthesia on postpartum maternity blues and fatigue and its relation to changes in oxytocin. Japan Journal of Nursing Science, 18(3), e12406.
  • Spielberger, C., Gorsuch, L., & Lushene, R. E. (1970). . Manual for the state trait anxiety inventory (self-evaluation questionnaire), (pp. 2–24). Palo Alto, CA: Consulting Psychologists Press.
  • Stein, G. S. (1980). The pattern of mental change and body weight change in the first post-partum week. Journal of Psychosomatic Research, 24(3–4), 165–171.
  • Stuebe, A., Grewen, K., & Meltzer-Brody, S. (2013). Association between maternal mood and oxytocin response to breastfeeding. Journal of Women’s Health, 22(4), 352–361.
  • Uvnäs-Moberg, K., Ekström-Bergström, A., Berg, M., Buckley, S., Pajalic, Z., Hadjigeorgiou, E., … & Dencker, A. (2019). Maternal plasma levels of oxytocin during physiological childbirth–a systematic review with implications for uterine contractions and central actions of oxytocin. BMC pregnancy and childbirth, 19(1), 1-17.
State of Mind © 2011-2022 Riproduzione riservata.

Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario