“I nonni sono fatti per amare e aggiustare le cose”

Un contatto stretto con i nonni comporta benefici legati ad esempio ad una maggiore stabilità e ad una continuità nelle relazioni di attaccamento

ID Articolo: 189721 - Pubblicato il: 13 dicembre 2021
“I nonni sono fatti per amare e aggiustare le cose”
Messaggio pubblicitario SFU 2020

Un numero crescente di bambini vive con i nonni, figure che spesso contribuiscono a tempo pieno alla loro educazione (Dare et al., 2019).

 

Messaggio pubblicitario ISFAR EFT L’assistenza da parte dei nonni rappresenta una delle forme di cura e di crescita più rapida (Horner et al., 2007; McHugh e Valentine, 2011) e l’aumento di tale supporto dipende da differenti variabili che, nei casi più gravi, riguardano abusi o abbandono dei minori, utilizzo di sostanze, patologie mentali o incarcerazione dei genitori (Backhouse e Graham, 2013; Baldock, 2007; Dunne e Kettler, 2007; Hay et al., 2007). Un contatto stretto con i nonni comporta benefici legati ad una maggiore stabilità, ad una connessione con i membri della famiglia e ad una conseguente continuità nelle relazioni di attaccamento (Cuddeback, 2004; Dare et al., 2019). A lungo termine, si osserva una propensione maggiore alla partecipazione di attività istruttive e lavorative (Dare et al., 2019).

Punti di forza dei nonni

Gli unici a pubblicare una revisione completa sulla letteratura dei nonni furono Hayslip e Kaminski (2005), autori che analizzarono i costi e i benefici della crescita di un nipote, insieme all’eterogeneità dei nonni e al loro bisogno di sostegno sociale. Dopo aver rivisto la letteratura gerontologica dal 2004, Hayslip e colleghi (2019) indagarono nuove aree per dare un contributo al ruolo di queste persone che tutt’oggi crescono i nipoti. Nello specifico, vengono enfatizzati i punti di forza dei nonni, le diversità di questi ultimi, i contesti sociali-interpersonali e culturali, le abilità genitoriali, le relazioni familiari, il disagio psicologico provato in alcuni casi e gli interventi validati per fronteggiarlo. Hayslip e colleghi (2019) sottolinearono la natura e l’influenza positiva dell’educazione di queste figure che sono viste come modelli, supporti, insegnanti comunicativi e protettivi (Dolbin-MacNab e Keiley, 2009; Dolbin-MacNab et al., 2009). Un’altra caratteristica evidenziata dagli autori è la forza manifestata dalla resilienza (Hayslip e Smith, 2013; Zauszniewski, Musil e Au, 2013) e dall’insegnamento della ricerca di benefici (Castillo et al., 2013). Nello specifico, si è visto come la resilienza sia mediatrice della relazione tra stress e funzionamento psicosociale dei nonni, nonché fonte di riduzione dei fattori di rischio come l’isolamento sociale (Hayslip et al., 2013).

Le differenze tra i nonni

Messaggio pubblicitario Una questione continua sulla comprensione del ruolo dei nonni riguarda la diversità tra di loro, sia in termini culturali che individuali (Hays, 2008; Hayslip e Patrick, 2006). A loro volta, le differenze possono essere correlate a fattori contestuali come la possibilità di avere una sicurezza economica: rispetto ad altri gruppi etnici, gli afroamericani hanno maggiori probabilità di mantenere i nipoti più a lungo, con un conseguente aumento del rischio di povertà (Baker e Silverstein, 2008). Essere nonni non sempre è un compito facile, in quanto risulta difficile per le persone che non hanno allevato figli per anni oppure che hanno riscontrato difficoltà nel farlo (Hayslip et al., 2019). Altre esperienze stressanti possono essere provate dai nonni in caso di povertà, minoranza etnica, problemi psicologici come ansia e depressione (Collins, 2011). Lo stress psicologico solitamente è associato alla necessità di ricoprire ruoli multipli simultaneamente (ad esempio, lavoratore, volontario, nonno), all’assistenza attuale necessaria e ricevuta (Baker e Silverstein, 2008), alla natura del rapporto tra nonno e nipote che muta e alla perdita delle relazioni sociali (Gerald, Landry-Meyer e Roe, 2006). Sono stati riconosciuti molti studi legati all’efficacia di gruppi di sostegno, corsi di potenziamento, programmi educativi e interventi di promozione della salute per poter aiutare queste figure preziose nella crescita dei loro nipoti e per migliorare il loro benessere psicologico e sociale (Collins, 2011; Brintnall-Peterson et al., 2009; Kelley, Whitley e Sipe, 2007; Kelley et al., 2013; Kicklighter et al., 2007). Ad esempio, KinNet è un progetto finanziato nel 2000 da parte dell’Adoption and Safe Families Act che istituisce una rete nazionale di gruppi di sostegno per i nonni, mentre l’Associazione Americana di Pensionati (Association of Retired Persons; AARP, 2003) ha un database composto da informazioni online su gruppi di sostegno utili per indirizzare le proprie esigenze emotive, legali e finanziarie (Hayslip et al., 2019). Data l’importanza di queste figure e il notevole per il contributo che viene dato, cercare di integrare le conoscenze sui nonni e sull’educazione dei nipoti è utile per aggiornare gli operatori e per cercare di dare un aiuto consistente.

Consigliato dalla redazione

Dinamiche interpersonali tra nonni, genitori e figli: risorse e limiti - Moms

Nonni e fili invisibili - Moms, una rubrica su maternità e genitorialità

I nonni possono assolvere alla loro funzione reale solo nel momento in cui i loro figli mettono loro un limite, senza rimanere legati al debito originario

Bibliografia

  • American Association of Retired Persons. (2003). Financial assistance for grandparent caregivers: TANF. AARP Webplace.
  • Backhouse, J., & Graham, A. (2013). Grandparents raising their grandchildren: Acknowledging the experience of grief. Australian Social Work, 66(3), 440-454.
  • Baker, L. A., & Silverstein, M. (2008). Preventive health behaviors among grandmothers raising grandchildren. The Journals of Gerontology, Series B: Psychological Sciences and Social Sciences, 63, S304–S311. doi:10.1093/geronb.63.5.S304.
  • Baker, L. A., & Silverstein, M. (2008). Depressive symptoms among grandparents raising grandchildren: The impact of participation in multiple roles. Journal of Intergenerational Relationships, 6, 285–304. doi:10.1080/15350770802157802.
  • Baldock, E. (2007). Grandparents raising grandchildren because of alcohol and other drug issues. Family Matters, 79, 70-75.
  • Brintnall-Peterson, M., Poehlmann, J., Morgan, K., & Shlafer, R. (2009). A web-based fact sheet series for grandparents raising grandchildren and the professionals who serve them. The Gerontologist, 49, 276–282. doi:10.1093/geront/gnp028.
  • Castillo, K., Henderson, C., & North, L. (2013). The relation between caregiving style, coping, benefit finding, grandchild symptoms, and caregiver adjustment among custodial grandparents. In B. Hayslip Jr. & G. Smith (Eds.), Resilient grandparent caregivers: A strengths-based perspective (pp. 25–37). New York, NY: Routledge.
  • Collins, W. L. (2011). A strengths-based support group to empower African American grandmothers raising grandchildren. Social Work and Christianity, 38, 453–466.
  • Cuddeback, G. (2004). Kinship family foster care: A methodological and substantive synthesis of research. Children and Youth Services Review, 26(7), 623-639. doi:10.1016/j.childyouth.2004.01.014
  • Dare, J., Marquis, R., Wenden, E:, Gopi, S., & Coall, D.A. (2019). The impact of a residential camp on grandchildren raised by grandparents: Grandparent’s perspectives. Children and Youth Services Review, 104535.
  • Dolbin-MacNab, M. L., & Keiley, M. K. (2009). Navigating interdependence: How adolescents raised solely by their grandparents experience their family relationships. Family Relations, 58, 162–175. doi:10.1111/j.1741-3729.2008.00544.x
  • Dolbin-MacNab, M. L., Rodgers, B. E., & Traylor, R. M. (2009). Bridging the generations: A  retrospective examination of adults’ relationships with their kinship caregivers. Journal of Intergenerational Relationships, 7, 159–176. doi:10.1080/15350770902851197
  • Dunne, E. G., & Kettler, L. J. (2007). Grandparents raising grandchildren in Australia: Exploring psychological health and grandparents’ experience of providing kinship care. International Journal of Social Welfare, 16, 1-13. doi:10.1111/j.1468-2397.2007.00476.x
  • Gerard, J. M., Landry-Meyer, L., & Roe, J. G. (2006). Grandparents raising grandchildren: The role of social support in coping with caregiving challenges. International Journal of Aging & Human Development, 62, 359–383. doi:10.2190/3796-DMB2-546Q-Y4AQ.
  • Hay, D., Horner, B., Downie, J., & Wichman, H. (2007). Grandparent kinship care in Australia. Geriaction, 25(1), 5-14.
  • Hayslip, B. Jr, & Kaminski, P. L. (2005). Grandparents raising their grandchildren: A review of the literature and suggestions for practice. The Gerontologist, 45, 262–269. doi:10.1093/ geront/45.2.262.
  • Hays, P. (2008). Addressing cultural complexities in practice: Assessment, diagnosis, and therapy (2nd ed.). Washington, DC: American Psychological Association.
  • Hayslip, B., Jr, & Smith, G. (2013). Resilient grandparent caregivers: A strengths-based perspective. New York, NY: Routledge.
  • Hayslip, B., Jr, Davis, S., Goodman, C., Smith, G. C., Neumann, C., Maiden, R., & Carr, G. (2013). The role of resilience in understanding grandparents raising their grandchildren. In B. Hayslip Jr & G. Smith (Eds.), Resilient grandparent caregivers: A strengths based perspective (pp. 48–67). New York, NY: Routledge.
  • Hayslip, B., Fruhauf, C.A., & Dolbin-MacNab, M.L. (2017). Grandparents raising grandchildren: what have we learned over the past decade?. The Gerontologist, 1-12. doi:10.1093/geront/gnx106
  • Hayslip, B., & Kaminski, P.L. (2019). Grandparents raising their grandchildren: A review of the literature and suggestions for practice. The Gerontologist, 45, 262-269.
  • Hayslip, B., Jr, & Patrick, J. H. (2006). Custodial grandparents: Individual, cultural, and ethnic diversity. New York, NY: Springer.
  • Horner, B., Downie, J., Hay, D., & Wichmann, H. (2007). Grandparent-headed families in Australia. Family Matters, 76, 76-84.
  • Kelley, S. J., Whitley, D., & Sipe, T. (2007). Results of an interdisciplinary intervention to improve the psychosocial well-being and physical functioning of African American grandmothers raising grandchildren. Journal of Intergenerational Relationships, 5, 45–64. doi:10.1300/J194v05n03_04.
  • Kelley, S. J., Whitley, D. M., & Campos, P. E. (2013). Psychological distress in African American grandmothers raising grandchildren: The contribution of child behavior problems, physical health, and family resources. Research in Nursing & Health, 36, 373–385. doi:10.1002/nur.21542.
  • Kicklighter, J. R., Whitley, D. M., Kelley, S. J., Shipskie, S. M., Taube, J. L., & Berry, R. C. (2007). Grandparents raising grandchildren: A  response to a nutrition and physical activity intervention. Journal of the American Dietetic Association, 107, 1210–1213. doi:10.1016/j.jada.2007.04.006.
  • McHugh, M. H., & Valentine, K. (2011). Financial and non-financial support to formal and informal out of home carers. Sydney, Australia: Social Policy Research Centre. Available here.
  • Zauszniewski, J. A., Musil, C. M., & Au, T. Y. (2013). Resourcefulness training for grandmothers: Feasibility and acceptability of two methods. Issues in Mental Health Nursing, 34, 435–441. doi:10 .3109/01612840.2012.758208
State of Mind © 2011-2022 Riproduzione riservata.

Messaggio pubblicitario

Si parla di

Argomenti

Scritto da

Messaggio pubblicitario