inTherapy

Narcisismo patologico: le conseguenze avverse sulle figure significative

È clinicamente importante non soltanto la fenomenologia del narcisismo patologico in sé, ma anche le relative conseguenze subite dagli altri significativi

ID Articolo: 186601 - Pubblicato il: 08 luglio 2021
Narcisismo patologico: le conseguenze avverse sulle figure significative
Messaggio pubblicitario SFU 2020
Condividi

Il narcisismo patologico (NP) è una condizione caratterizzata da un funzionamento interpersonale alterato, frequentemente studiato in letteratura, mentre pochi studi hanno esaminato gli effetti avversi del disturbo sulle figure significative che circondano l’individuo in questione.

 

Messaggio pubblicitario  A tal proposito, il seguente estratto focalizza l’attenzione proprio sulle conseguenze esercitate sugli altri significativi (Day, Bourke, Townsend & Grenyer, 2020). Il disturbo narcisistico di personalità (DNP), come definito dalla quinta edizione del Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM-5), comporta un modello pervasivo di grandiosità (nella fantasia o nel comportamento), bisogno di ammirazione e carenza di empatia (APA, 2013). Questa definizione di DNP è stata pesantemente criticata per il suo focus attentivo incentrato unicamente sugli aspetti grandiosi del disturbo, ad esclusione delle caratteristiche vulnerabili (Skodol, Bender e Morey, 2014), che possono notevolmente impattare sul relativo trattamento (Pincus et al., 2014). Lo psichiatra e psicanalista Otto Kernberg, fautore di teorie rivoluzionarie sul tema, ritiene che il narcisista, al fine di difendersi da una mancata integrazione delle rappresentazioni positive e negative di sé e degli altri, sviluppa un sé grandioso fondato su rappresentazioni idealizzate; quelle negative vengono, invece, proiettate all’esterno. Tale quadro personologico impatta e limita inevitabilmente l’instaurarsi di relazioni interpersonali equilibrate e appaganti (Kernberg, 1978), in quanto l’altro significativo viene continuamente svalutato (Kernberg, Furlan, & Stefani, 2011); a seguito di una credenza di onnipotenza intrinseca al narcisista, da cui trae una percezione fallace di autosufficienza. Tali meccanismi difensivi sono spiegati da una costante e invalidante percezione di minaccia; in quanto l’illusoria immagine di sé, fondata su grandiosità e onnipotenza, potrebbe essere inficiata da fattori esterni o addirittura essere distrutta da un momento all’altro. Le conseguenze di tale assetto personologico si traducono in sentimenti di autosvalutazione, bassa autostima e sensi di colpa negli altri significativi che circondano l’individuo. Il senso di colpa deriva in particolar modo da una tendenza pervasiva del narcisista ad affermare e infondere nell’altro un dogmatismo comportamentale secondo cui il partner e/o familiare dovrebbe comportarsi come il NP ritiene più opportuno, negando completamente l’attenzione verso le opinioni e le sensazioni dell’altro. Questa modalità tende a rendere le figure significative vittime di un circolo vizioso di autocritica, che in maniera subdola e silente va a impattare sull’autostima; rendendole estremamente focalizzate sulle loro mancanze e sulle possibili soluzioni correttive, necessarie al fine di raggiungere lo standard ideale inculcato dal partner/familiare narcisista. (Day, Bourke, Townsend & Grenyer, 2020). Risulta, inoltre, necessario definire un criterio di demarcazione tra le seguenti concettualizzazioni del costrutto: narcisismo ‘sano’ e narcisismo ‘patologico’ (Day, Bourke, Townsend & Grenyer, 2020). Il narcisismo ‘sano’ contempla la capacità di regolare l’autostima utilizzando metodi di gratificazione appropriati all’età e al contesto (Kernberg, 2008; Pincus & Lukowitsky, 2010).

Messaggio pubblicitario  Il narcisismo ‘patologico’ concerne, invece, un’autostima estremamente labile, compensata con metodi di gratificazione disadattativi come l’aggressività, la manipolazione e le difese narcisistiche (Kernberg, 2008); causando disagio significativo intra e interpersonale (Miller, Lynam, et al., 2017). Tuttavia, non risulta ancora chiara l’utilità clinica e teorica di tale concettualizzazione categoriale, che potrebbe essere sostituita da una dimensionale, che porrebbe tali sotto-categorie lungo un continuum di gravità e pervasività (Pincus & Lukowitsky, 2010). Dalle stime di prevalenza del DNP emerge un’elevata eterogeneità del dato, che oscilla dallo 0% al 6,2% (Lenzenweger, Lane, Loranger, & Kessler, 2007; Stinson et al., 2008); probabilmente riflettendo la confusione concettuale del costrutto (Cain et al., 2008). La ricerca suggerisce che, all’interno di una relazione romantica/familiare, le persone con tratti narcisistici tendono ad attuare comportamenti egocentrici, materialistici, ingannevoli e di controllo (Campbell, Foster e Finkel, 2002); al fine di mantenere un ‘bilancio emotivo’ nei confronti degli altri significativi (Brunell & Campbell, 2011). La letteratura sul tema suggerisce quali potrebbero essere questi tratti: invadenza, dominio, vendetta, freddezza, evitamento e sfruttamento (Kealy & Ogrodniczuk, 2011; Ogrodniczuk & Kealy, 2013).

In conclusione, il punto focale di tale estratto riguarda la necessità di riportare all’attenzione clinica non soltanto la fenomenologia del disturbo narcisistico in sé, ma anche le relative conseguenze avverse subite dagli altri significativi.

 

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 5, media: 5,00 su 5)

Consigliato dalla redazione

Covert o overt? Le due tipologie di narcisismo a confronto

Covert o Overt? le due tipologie di narcisismo a confronto

Alcuni autori hanno distinto tra due tipi di narcisismo: overt, caratterizzato da un Sé grandioso, e covert, caratterizzato da sentimenti di vulnerabilità.

Bibliografia

  • American Psychiatric Association. (2013). Diagnostic and statistical manual of mental disorders (DSM- 5) American Psychiatric Association.
  • Brunell, A. B., & Campbell, W. K. (2011). Narcissism and romantic relationships. In W. K. Campbell & J. D. Miller (Eds.), The hand- book of narcissism and narcissistic personality disorders: Theoretical approaches, empirical findings and treatments (pp. 344– 350). Hoboken, NJ: John Wiley & Sons.
  • Cain, N. M., Pincus, A. L., & Ansell, E. B. (2008). Narcissism at the crossroads: Phenotypic description of pathological narcissism across clinical theory, social/personality psychology, and psychiatric diagnosis. Clinical Psychology Review, 28, 638–656.
  • Campbell, W. K., Foster, C. A., & Finkel, E. J. (2002). Does self-love lead to love for others? A story of narcissistic game playing. Journal of Personality and Social Psychology, 83, 340–354.
  • Day, N. J., Bourke, M. E., Townsend, M. L., & Grenyer, B. F. (2020). Pathological narcissism: A study of burden on partners and family. Journal of personality disorders, 34(6), 799-813.
  • Kealy, D., & Ogrodniczuk, J. S. (2011). Narcissistic interpersonal problems in clinical practice. Harvard Review of Psychiatry, 19, 290–301.
  • Kernberg, O. F. (1978). Il trattamento della personalità narcisistica. Tr. It. In Sindromi marginali e narcisismo patologico. Boringhieri, Torino.
  • Kernberg, O.F. (2008). Aggressivity, narcissism, and self-destructiveness in the psychotherapeutic relationship: New developments in the psychopathology and psychotherapy of severe personality disorders. New Haven, CT: Yale University Press.
  • Kernberg, O. F., Furlan, P. M., & Stefani, S. (2011). Sindromi marginali e narcisismo patologico. Bollati Boringhieri.
  • Lenzenweger, M. F., Lane, M. C., Loranger, A. W., & Kessler, R. C. (2007). DSM-IV personality disorders in the National Comorbidity Survey Replication. Biological Psychiatry, 62, 553–564.
  • Miller, J. D., Lynam, D. R., Hyatt, C. S., & Campbell, W. K. (2017). Controversies in narcissism. Annual Review of Clinical Psychology, 13, 291–315.
  • Ogrodniczuk, J. S., & Kealy, D. (2013). Interpersonal problems of narcissistic patients. In J. S. Ogrodniczuk (Ed.), Understanding and treating pathological narcissism (pp. 113– 127). Washington, DC: American Psychological Association.
  • Pincus, A. L., Ansell, E. B., Pimentel, C. A., Cain, N. M., Wright, A. G., & Levy, K. N. (2009). Initial construction and validation of the Pathological Narcissism Inventory. Psychological Assessment, 21, 365–379.
  • Pincus, A. L., & Lukowitsky, M. R. (2010). Pathological narcissism and narcissistic personality disorder. Annual Review of Clinical Psy- chology, 6, 421–446.
  • Skodol, A., Bender, D. S., & Morey, L. C. (2014). Narcissistic personality disorder in DSM- 5. Personality Disorders, 5, 422–427.
  • Stinson, F., S., Dawson, D., A., Goldstein, R., B., Chou, S., P., Huang, B., Smith, S., M., . . . Grant, B., F. (2008). Prevalence, correlates, disability, and comorbidity of DSM-IV narcissistic personality disorder: Results from the Wave 2 National Epidemiologic Survey on Alcohol and Related Conditions. Journal of Clinical Psychiatry, 69, 1033–1045.
State of Mind © 2011-2021 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario