inTherapy

Pensieri quasi quotidiani di una psicologa sulla famiglia (2021) di Barbara Calcinai e Linda Savelli – Recensione del libro

In situazioni critiche, come l'avvento del Covid-19, la famiglia si ritrova a dovere evolvere la propria struttura per superare l’ostacolo

ID Articolo: 186395 - Pubblicato il: 29 giugno 2021
Pensieri quasi quotidiani di una psicologa sulla famiglia (2021) di Barbara Calcinai e Linda Savelli – Recensione del libro
Messaggio pubblicitario SFU 2020
Condividi

Scritto in un linguaggio semplice e chiaro, privo di inutili tecnicismi, ma sempre basato su una letteratura scientifica solida, Pensieri quasi quotidiani di una psicologa sulla famiglia fa riferimento all’intero ciclo vitale della famiglia, intesa in termini transgenerazionali.

 

Messaggio pubblicitario  Siamo stati letteralmente sommersi da una Pandemia che ha completamente stravolto le vite di ognuno di noi. L’uomo, essere sociale, nato e predisposto alle relazioni ed ai i contatti, si è ritrovato improvvisamente rinchiuso in quattro mura, con la sensazione, a volte, di non respirare. Ecco, però, che in un momento così difficoltoso, sono arrivati paradossalmente in soccorso i social, piattaforme di legami virtuali. E sono stati proprio quest’ultimi ad aiutare persone veramente in difficoltà, con milioni di dubbi, paure e angosce, incapaci di dare una risposta ad un evento così straordinario e così potente da essere in grado di sconvolgere e di mettere a repentaglio la stabilità di intere famiglie.

La pagina Facebook della Dr.ssa Barbara Calcinai, psicologa, psicoterapeuta, iscritta all’albo degli Psicologi della Toscana, è diventato un importante mezzo di comunicazione, attraverso il quale trattare tematiche psicologiche legate alla famiglia. Il successo riscontrato ha permesso a Barbara, insieme alla sua collega, Dr.ssa Linda Savelli, di raccogliere materiale e di sistematizzarlo, per dare la possibilità a tutte le persone interessate, di comprendere tematiche rilevanti della vita e di suggerire consigli per affrontare difficoltà, a volte ritenute insormontabili, a volte addirittura negate.

Messaggio pubblicitario  Fulcro di tutto il testo è l’autostima e la capacità di credere fermamente in sé stessi, che vengono citate dalle autrici come motore propulsore, fondamentale per affrontare ogni difficoltà, ancora prima del supporto psicoterapeutico. Scritto in un linguaggio semplice e chiaro, privo di inutili tecnicismi, ma sempre basato su una letteratura scientifica solida, il testo fa riferimento all’intero ciclo vitale della famiglia, intesa in termini transgenerazionali, ciclo che si ritrova in situazioni definite critiche a dovere evolvere la propria struttura per superare l’ostacolo. Crisi non significa necessariamente qualcosa di negativo, ma induce ad una trasformazione interna dell’assetto per acquisire un nuovo equilibrio più funzionale. Si approccia ad un intervento psicoterapeutico definito sistemico famigliare, in cui il sintomo è l’espressione primaria di una richiesta di aiuto, manifestazione di un disagio che coinvolge l’intero ordine del sistema. È il corpo che parla e cerca supporto. È necessario solo cercare di imparare a leggere il suo modo di comunicare, perché in questa forma di intervento, come ben spiegano le autrici,

la soluzione deve essere co-costruita insieme agli attori coinvolti.

Una visione sicuramente molto ottimista che coinvolge anche la volontà e la motivazione dei componenti al cambiamento; una terapia sicuramente attiva. Da questo importante punto di partenza si snoda l’intero contenuto del testo, a partire dai primi pensieri dell’infanzia, fino a giungere alle emozioni della terza età, mettendo in risalto tutti gli aspetti vantaggiosi ed utili di un buon percorso psicologico o psicoterapeutico. Il pubblico è vasto, in quanto l’intento è proprio quello divulgativo: aiutare persone in difficoltà a comprendere il giusto modo di vedere le cose, ma aiutare anche quelle già in grado di farlo, per un’ulteriore acquisizione di informazioni, utili per il presente e per il futuro. Un intento nobile e autentico, conditio sine qua non una professione come quella di uno psicologo non potrebbe sussistere. E le autrici lo dimostrano pienamente.

 

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 8, media: 4,25 su 5)

Consigliato dalla redazione

La Scienza della terapia di coppia e della famiglia (2021) di John e Julie Gottman - Recensione del libro

La prima parte di 'La scienza della terapia di coppia e della famiglia' illustra la teoria dei sistemi. Viene, poi, approfondito il trattamento dei Gottman

Bibliografia

  • Calcinai B., Savelli, L. (2021). Pensieri quasi quotidiani di una psicologa sulla famiglia. Wondermark Books
State of Mind © 2011-2021 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Si parla di

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Messaggio pubblicitario