La mindfulness può influenzare il rendimento degli studenti?

Lo studio ha indagato l’effetto della mindfulness sull’ansia degli studenti, esaminando sia le caratteristiche dell’intervento che quelle dei partecipanti

ID Articolo: 177539 - Pubblicato il: 04 settembre 2020
La mindfulness può influenzare il rendimento degli studenti?
Messaggio pubblicitario SFU 2020
Condividi

Il presente studio (Bamber & Morpeth, 2018) si propone di indagare l’effetto della mindfulness sull’ansia degli studenti ed esplora la moderazione rappresentata da fattori relativi alle caratteristiche dell’intervento e dagli aspetti concernenti il partecipante

 

Messaggio pubblicitario I disturbi d’ansia sono molto comuni all’interno della popolazione studentesca, ed infatti negli ultimi 15 anni la loro diffusione è raddoppiata e circa il 21,9% degli universitari ritiene che l’ansia abbia un impatto negativo sul proprio rendimento (American College of HealthAssociation, 2015a), come confermato dai dati secondo cui alti livelli di ansia possono compromettere la memoria, le abilità di studio, la salute fisica e mentale (Beddoe, & Murphy, 2004).

Gli interventi mindfuness-based (MBIs) sono caratterizzati da controllo dell’attenzione, consapevolezza, accettazione e presenza di pensieri non giudicanti (Kabat-Zinn, 2003), ed i più conosciuti sono la mindfulness-based stress reduction (MBSR) di Vipassana e la mindfulness-based cognitive therapy (MBCT) della tradizione dello Zen buddista, i quali utilizzano degli esercizi corporei in grado di aumentare la focalizzazione sul momento presente.

Recentemente è stata esaminata l’associazione tra la mindfulness e l’ansia, in particolare il modo in cui la pratica delle tecniche di mindfulness è in grado di ridurre i livelli di ansia del soggetto. Per questo motivo, il presente studio (Bamber, &Morpeth, 2018) si propone di indagare l’effetto della mindfulness sull’ansia degli studenti ed esplora la moderazione rappresentata da fattori relativi alle caratteristiche dell’intervento (numero di sessioni, lunghezza del tempo di ogni sessione, l’inclusione dello yoga, sessioni di pratica svolte a casa) e dagli aspetti concernenti il partecipante (livello di studio, genere, età).

1492 individui sono stati suddivisi in due gruppi (gruppo sottoposto a MBI vs di controllo) e,dopo aver condotto le analisi sulle variabili coinvolte, si è rilevato che coloro che praticano mindfulness riportano bassi livelli di ansia rispetto al gruppo di controllo, e che ciò accade sia nella popolazione clinica che in quella non clinica. Si è rilevato inoltre che gli studenti universitari beneficiano maggiormente dei laureati di queste tecniche, probabilmente perché maggiormente coinvolti in imminenti problemi di stress e ansia dovuti alla preparazione e al superamento degli esami del proprio corso di studi (American College of HealthAssociation, 2015a), oltre che per il fatto di avere maggior possibilità rispetto agli adulti di trovare del tempo da dedicare a queste attività. Non sono state d’altro canto evidenziate differenze riguardanti il genere, sebbene le donne in media riportino maggiori livelli di ansia degli uomini (Head and Lindsey, 1983) ed altri studi abbiano rilevato in loro una riduzione considerevole di stress e ansia in seguito a MBIs (De Vibe et al. 2013).

Messaggio pubblicitario Relativamente alle caratteristiche dell’intervento, si è visto che non ci sono differenze in termini di efficacia in base al tipo di intervento usato, né effetti significativi legati alla lunghezza della singola sessione, ma differenze significative collegate al numero di sessioni svolte. Infatti sembrerebbe che tutti gli interventi di mindfulness siano ugualmente in grado di ridurre l’ansia e che tale effetto sarebbe aumentato dalla quantità di volte che gli esercizi vengono praticati (Khoury et al. 2013). Inaspettatamente però si è trovato che la pratica a casa di tali interventi non ha l’effetto desiderato, in quanto il dover svolgere da soli gli esercizi aumenta l’ansia degli studenti, che sono in difficoltà nel trovare dell’ulteriore tempo da dedicare ad essi e dubbiosi sulla loro capacità di svolgere gli esercizi autonomamente (Birnbaum, 2008).

In conclusione, possiamo dire che gli effetti benefici della mindfulness sulla riduzione dell’ansia, debbano portare gli studenti a prendere in considerazione l’idea di usufruire della tecnica, in quanto potrebbe risultare utile per il loro benessere fisico e mentale, oltre che per il raggiungimento degli obiettivi scolastici e lavorativi.

 

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 1, media: 5,00 su 5)

Consigliato dalla redazione

Mindfulness e benessere degli studenti: la MBCT per gestire stress e ansia

Gli studenti affrontano meglio le situazioni stressanti grazie alla Mindfulness Based Cognitive Therapy

La Mindfulness Based Cognitive Therapy (MBCT), secondo il recente studio, aiuterebbe gli studenti ad affrontare i momenti peggiori del percorso formativo

Bibliografia

  • American College Health Association. (2015). American College Health Association-National College Health Assessment II: Reference Group Executive Summary Spring 2015. Hanover, MD: American College Health Association.
  • Bamber, M. D., &Morpeth, E. (2018). Effects of Mindfulness Meditation on college student anxiety: a meta-analysis. Mindfulness, 10, 203-214.
  • Beddoe, A. E., & Murphy, S. O. (2004). Does mindfulness decrease stress and foster empathy among nursing students? The journal of Nursing Education, 43(7), 305-312.
  • Birnbaum, L. (2008). The use of mindfulness training to create an “accompanying place” for social work students. Social Work Education, 27(8), 837-852.
  • De Vibe, M., Solhaug, I., Tyssen, R., Friborg, O., Rosenvinge, J. H., Sørlie, T., et al. (2013). Mindfulness training for stress management: a randomized controlled study of medical and psychology students. BMC Medical Education, 13(1), 107.
  • Head, L. Q., & Lindsey, J. D. (1983). Anxiety and the university student: a brief review of the professional literature. College Student Journal, 17, 176-182.
  • Kabat-Zinn, J. (2003). Mindfulness-based interventions in context: past, present and future. Clinical Psychology: Science and Practice, 10(2), 144-156.
  • Khoury, B., Lecomte, T., Fortin, G., Masse, M., Therien, P., Boucahrd, V., et al. (2013). Mindfulness-based therapy: a comprehensive meta-analysis. Clinical Psychology Review, 33(6), 763-771-
State of Mind © 2011-2021 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Si parla di

Messaggio pubblicitario

ECDP 2021

Argomenti

Scritto da

Categorie

Messaggio pubblicitario