L’umore della madre durante la gravidanza influenza il sistema immunitario della prole?

La salute mentale della madre durante la gravidanza, e in particolare l'umore depresso, sembrano avere effetti sul bambino e sul suo sistema immunitario

ID Articolo: 172791 - Pubblicato il: 18 marzo 2020
L’umore della madre durante la gravidanza influenza il sistema immunitario della prole?
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

Una ricerca pediatrica condotta dall’università di Alberta, ha riscontrato che la salute mentale della donna durante la gravidanza influisce sullo sviluppo del sistema immunitario del bambino (Kang, 2020).

 

Messaggio pubblicitario Prima di questo studio, era già noto in letteratura che ci fosse un collegamento tra lo stato mentale della madre in gravidanza e lo sviluppo di asma e allergie nel bambino, tuttavia non era noto il meccanismo d’azione sottostante a questo processo.

Lo studio in questione è stato condotto su 1043 coppie madri-bambino; le madri hanno compilato dei questionari riguardanti il loro umore durante e dopo la gravidanza (Kang, 2020).

Successivamente sono stati misurati i livelli di immunoglobina nell’intestino dei figli, componente estremamente importante per l’immunità dell’individuo; infatti, l’immunoglobina conosciuta anche come ‘anticorpi’, è una sostanza costituita da proteine globulari che sono coinvolte nella risposta immunitaria, cioè nella lotta contro i microrganismi estranei, chiamati in campo medico ‘antigeni’. L’anticorpo non serve a distruggere l’ospite estraneo, ma a legarsi ad esso per renderlo maggiormente visibile e suscettibile all’azione degli altri attori del sistema immunitario (Cerf-Bensussan & Gaboriau-Routhiau, 2010).

L’immunoglobina si suddivide in quattro classi: A, D, E G. Lo studio riportato (Kang, 2020) ha preso in esame quella di tipo A, principalmente presente nelle secrezioni esterne (lacrime, saliva, muco intestinale, latte materno) e rappresenta un importante mezzo di difesa contro le infezioni locali (Cerf-Bensussan & Gaboriau-Routhiau, 2010).

Le madri che riportavano sintomi di depressione durante il loro terzo trimestre, avevano doppia probabilità di avere figli con bassi livelli di immunoglobina nel loro intestino, tuttavia i sintomi delle madri non erano così severi da far porre una diagnosi di depressione; inoltre non è stato trovato nessun collegamento tra bassi livelli di immunoglobina nella prole e depressione post-partum della madre.

Messaggio pubblicitario I risultati sono stati presi in considerazione tenendo conto di quei fattori/variabili che andrebbero ad incidere sul sistema immunitario del bambino, quali, allattamento al seno e uso di antibiotici da parte delle madri (Kang, 2020).

Livelli bassi di immunoglobina negli infanti, si denotano principalmente tra il quarto e l’ottavo mese di vita, periodo che coincide con l’inizio della produzione della propria immunoglobina.

I ricercatori sottolineano l’importanza di questi risultati, dato che, bassi livelli di immunità nel bambino, lo predispongono a malattie respiratorie o infezioni gastrointestinali, così come ad asma e allergie; inoltre porta anche a elevati livelli di depressione, obesità e disturbi del sistema immunitario (Kang, 2020).

L’ipotesi sollevata dai ricercatori per spiegare l’incidenza negativa dell’umore della madre sul sistema immunitario del nascituro, si basa sull’idea che l’umore depresso porti alla produzione di cortisolo (comunemente conosciuto come l’ormone dello stress), che a sua volta si trasferisce nel feto e interferisce con la produzione di cellule che andranno a costituire l’immunoglobina dopo la nascita.

Quindi, stando a questi risultati, si delinea la necessità di fornire più supporto psicologico alle donne in gravidanza (Kang, 2020).

 

 

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 2, media: 4,00 su 5)

Consigliato dalla redazione

Epigenetica: come lo stress in gravidanza può trasmettersi al bambino

Stress materno in gravidanza: l'epigenetica ne rileva la trasmissione al bambino

Stress materno in gravidanza: uno studio ha indagato se e come si trasmetta da madre a figlio, osservando anche i livelli di cortisolo..

Bibliografia

State of Mind © 2011-2020 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Scritto da

Categorie

Messaggio pubblicitario