Gruppi, comunità ai tempi del Coronavirus: il punto di vista del Prof. Girolamo Lo Verso

Il Prof. Girolamo Lo Verso ci parla di gruppi e comunità ai tempi del Coronavirus, qual è la situazione attuale e quali sono i possibili risvolti futuri.

ID Articolo: 172966 - Pubblicato il: 20 marzo 2020
Gruppi, comunità ai tempi del Coronavirus: il punto di vista del Prof. Girolamo Lo Verso
Messaggio pubblicitario SFU 2020
Condividi

“Emergenza Coronavirus”, una situazione di forte impatto da un punto di vista psicologico, economico, politico, sanitario. Tutti siamo chiamati a dare un contributo. Tutti di fronte a limiti e divieti che stravolgono le nostre routine, abitudini, che ci invitano a mantenere le distanze per ragionevoli ed ovvi motivi.

 

Messaggio pubblicitario Girolamo Lo Verso è Professore Ordinario di Psicoterapia presso il Dipartimento di Psicologia dell’Università degli Studi di Palermo e docente di Psicoterapia relazionale e di Psicologia del fenomeno mafioso presso l’Università Kore di Enna. E’ fondatore del modello teorico-clinico della Gruppoanalisi soggettuale; si occupa del coordinamento scientifico dei gruppi di ricerca sulla valutazione della psicoterapia, lo psichismo mafioso, la clinica dei gruppi, identità e cultura. È probiviro del Collegio dei professori italiani di psicoterapia clinica. E’ membro di molte società scientifiche Italiane ed Internazionali e del comitato scientifico di numerose riviste.

Autore di diverse pubblicazioni di saggi, articoli di ricerca e testi.

Gruppi e comunita ai tempi del coronavirus le parole del Prof. G. Lo Verso

Imm. 1 – Prof. Girolamo Lo Verso

Il tema affrontato nell’intervista a Lo Verso è “Gruppi, comunità ai tempi del Coronavirus: situazione attuale e possibili risvolti futuri”.

Ecco di seguito il suo pensiero che per ricchezza e profondità di contenuti riporto integralmente:

La situazione precedente non era buona: ampia presenza di atteggiamenti razzisti, paura ed odio per il diverso, scarsa presenza di spirito comunitario, salvo volontariato e simili. Solo aggregazioni poco relazionali tipo manifestazioni sportive e musicali, movida, discoteche e soprattutto lo scontro forte tra “sovranisti” e “progressismo”, tra cui “sardine e chiesa”.

Messaggio pubblicitario Oggi sembra tutto molto cambiato, con una positiva valenza psichica: unità fra le persone, solidarietà, senso della comunità nazionale e cittadina, riconoscersi nelle istituzioni repubblicane a partire dalle presidenze, solidarietà, superamento di odio e paranoia e condivisione delle regole. Psichicamente è di grande rilevanza stare a casa, condividere vita familiare, avere più tempo per letture, scambi mediatici con amici e colleghi, seguire televisione e musiche dai balconi, dispiacersi per chi muore o è malato, condividere paure e speranze, trovare anche una mesta soddisfazione per il fatto che il modello italiano, nell’insieme ben pensato e gestito, venga esplicitamente copiato da altri paesi. Resta la preoccupazione per la vita degli uomini e dell’economia. Certo ci sono contraddizioni ed eccezioni: eccessi di psicosi o di “strafottenza”, mantenimento da parte di qualche leader politico di demagogia elettorale, vecchi schemi patogeni di odio per l’altro, il diverso che sia donna, meridionale, migrante, intellettuale, povero ecc. anche incentivato da politicanti vari.

Per quanto riguarda la psicoterapia vi è un significativo passaggio al lavoro ONLINE.

Seguo da anni l’esperienza di colleghi come la dottoressa Ustica ed altri segnalando i risultati interessanti che colleghi esperti possono ottenere a condizione che si inizi con colloqui vis à vis. Attualmente è difficile fare terapia di gruppo. Sarà da studiare l’effetto che tutto ciò ha sul lavoro di cura!”

E ancora: “il passaggio verso il benessere di una persona, come così di un gruppo, consiste nel percepirsi e riscoprirsi in una rete di relazioni con gli altri in un percorso di senso di sé integrato.”

 

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 7, media: 4,29 su 5)

Consigliato dalla redazione

Emozioni: difficoltà di espressione e riconoscimento ai tempi del Covid-19

Il coronavirus tra rabbia e paura

Le paure e le ansie legate alla diffusione del coronavirus potrebbero essere fondate o meno, pandemia o psicosi che sia lo scopriremo solo vivendo e ce lo racconteranno i fatti

Bibliografia

  • Franco Di Maria, Girolamo Lo Verso (1995). La psicodinamica dei gruppi. Raffaello Cortina Editore
  • Franco Di Maria, Girolamo Lo Verso (2002) Gruppi. Metodi e strumenti. Raffaelle Cortina Editore
  • Maria Di Blasi, Girolamo Lo Verso (2011) Gruppanalisi oggettuale. Raffaello Cortina Editore
  • Gianluca Lo Coco, Girolamo Lo Verso (2006) La cura relazionale. Disturbo psichico e guarigione nelle terapie di gruppo. Raffaella Cortina Editore
  • Giannone Francesca, Lo Verso Girolamo (2019) Il self e la polis. Il sociale e il mondo intero. Franco Angeli
  • Di Maria Franco, Lo Verso Girolamo, Lavanco Gioacchino (2020) Il visibile e l’invisibile. Conversazione sulla gruppo analisi. Guerini e Associati
  • Lo Verso Girolamo (2018) La mafia in psicoterapia. Franco Angeli
  • Lo Verso Girolamo (2018) La psicologia mafiosa. Un fondamentalismo nostrano. Di Girolamo
  • Craparo Giuseppe, Ferraro Anna Maria, Lo Verso Girolamo (2017) Mafia e psicopatologia. Crimini, vittime e storie di straordinaria follia. Franco Angeli
  • Lo Verso Girolamo (2017) Vivere. Storie di vita e lavoro di uno psicoterapeuta. Qanat
  • Giunta Serena, Mannino Giuseppe, Lo Verso Girolamo (2017) La dignità tradita. Uno studio psico-sociale sul crimine dei colletti bianchi. Franco Angeli
  • La Barbera Daniele, Lo Verso Girolamo (2017). Psicoterapia e medicina. Alpes Italia
  • Girolamo Lo Verso e Serena Giunta. (2019) Fare gruppi. Indicazioni per la clinica, la formazione e la ricerca. Edizione Il Mulino
State of Mind © 2011-2020 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Scritto da

Sono citati nel testo

Messaggio pubblicitario