Messaggio pubblicitario

Cosa succede mentre dormiamo? Ce lo raccontano le neuroscienze!

Un recente studio ha utilizzato un nuovo metodo per l'elaborazione e lo studio dell’attività cerebrale durante lo stato di sonno.

ID Articolo: 167012 - Pubblicato il: 11 luglio 2019
Cosa succede mentre dormiamo? Ce lo raccontano le neuroscienze!
Messaggio pubblicitario SFU Presentazioni Settembre 2019
Condividi

Il sonno ha sempre affascinato scienziati e filosofi, portando alle più disparate teorie. 

 

Messaggio pubblicitario DEFAULT SU NETWORK FORMAZIONE Oggi lo strumento più usato per misurare i parametri fisiologici durante lo stato di sonno è la polisonnografia, basata principalmente sull’elettroencefalogramma, ma anche sull’elettromiografia, sull’elettrooculografia, sull’elettrocardiogramma e su misure della respirazione.

Generalmente, le ricerche moderne vengono svolte considerando la fase di veglia, la fase REM (rapid eye movement) e tre fasi non-REM, rispettivamente: N1, che riflette la fase di addormentamento; N2, in cui vi è un rallentamento dell’attività fisiologica; N3, che corrisponde al sonno profondo.

Un recente studio (Stevner, et al., 2019) ha utilizzato un nuovo metodo di elaborazione dei dati dell’attività cerebrale durante il sonno, estraendo gli stadi della polisonnografia tramite risonanza magnetica funzionale ed applicando poi un modello stocastico bayesiano dinamico in modo da ottenere una mappa di probabilità delle transizioni rilevanti fra i vari passaggi di stato sull’intera struttura della rete di attività cerebrale.

Lo studio

In questo modo sono stati stimati 19 stadi, raggruppati temporalmente in modo significativo nelle fasi della polisonnografia. È così stato identificato per la prima volta un ricco repertorio di dinamiche ad ampio raggio del cervello durante il sonno.

Messaggio pubblicitario NETWORK CLINICA In particolare, la veglia, la fase REM, N2 e N3 sono rappresentate in modo chiaro da uno o più pattern di attività, mentre N1 non ha trovato corrispondenze in nessuno stadio del sonno definito. Questi risultati mettono in dubbio l’accuratezza di questa fase teorica, che potrebbe essere un artefatto costituito da un misto di veglia e sonno, piuttosto che corrispondere al processo di addormentamento. Inoltre, i risultati suggeriscono che il default mode network abbia una funzione “porta” nel passaggio allo stadio non-REM.

Lo studio ha inoltre dimostrato l’applicabilità di una tecnica innovativa per l’esplorazione dei cambiamenti fondamentali nel cervello, creando nuovi possibili sviluppi nella ricerca sui disturbi del sonno e, più in generale, sul funzionamento del sistema nervoso.

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 5, media: 3,60 su 5)

Consigliato dalla redazione

Sonno inadeguato: le conseguenze per la salute e i costi economici

Sonno inadeguato: conseguenze per la salute e costo per la collettività

Sonno inadeguato: milioni di persone nel mondo dormono poco o male. Le conseguenze sulla salute sono note. Molto meno i costi sulla collettività: li ha indagati uno studio pubblicato sulla

Bibliografia

State of Mind © 2011-2019 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario DEFAULT SU NETWORK FORMAZIONE
Messaggio pubblicitario DEFAULT SU NETWORK FORMAZIONE

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Categorie