Messaggio pubblicitario

Nuove prove di efficacia per la Terapia Metacognitiva Interpersonale in gruppo (MIT-G)

Terapia metacognitiva intepersonale di gruppo (MIT-G): nuove prove di efficacia su disturbi di personalità specie per regolazione emotiva e metacognizione

ID Articolo: 161568 - Pubblicato il: 21 gennaio 2019
Nuove prove di efficacia per la Terapia Metacognitiva Interpersonale in gruppo (MIT-G)
Messaggio pubblicitario SFU Presentazioni Settembre 2019
Condividi

Da anni con i colleghi i colleghi del Centro di Terapia Metacognitiva Interpersonale e una rete di collaboratori all’estero siamo al lavoro per dimostrare l’efficacia della Terapia Metacognitiva Interpersonale (Dimaggio, Semerari et al., 2007), in particolare della forma manualizzata in Dimaggio et al. (2013) e in Dimaggio et al. (2019).

 

Messaggio pubblicitario San Giorgio fino al 15 Luglio Il lavoro continua a dare frutti. Ci riferiamo qui alla Terapia Metacognitiva Interpersonale in Gruppo (TMI-G), un protocollo psicoeducazionale-esperienziale di 16 sedute di gruppo di 2 ore l’una accompagnato da 3 sedute individuali ideato da Raffaele Popolo e Giancarlo Dimaggio. La TMI-G si basa sulla teoria delle motivazioni interpersonali (si veda Liotti, Fassone e Monticelli, 2017 per una bella descrizione) e sull’assunto che si possa aiutare i pazienti con disturbi di personalità

1) fornendo informazione su quali sono le motivazioni che guidano gli umani ad agire nel contesto sociale

2) portandoli a rievocare episodi specifici che illustrano come guidati da una certa motivazione abbiamo generato un senso di frustrazione e fallimento a causa di come leggevano le risposte degli altri. Per esempio: “Desidero essere valorizzato, l’altro mi disprezza”

3) sperimentare attraverso il role-play interazioni problematiche e trovare nuove soluzioni sulla base di

4) migliori capacità metacognitive.

Dopo la pubblicazione del primo trial clinico randomizzato, che aveva mostrato come la TMI-G fosse fattibile ed efficace (Popolo et al., 2018a) – abbiamo valutato se la TMI-G potesse essere applicata in condizioni di routine in un servizio ambulatoriale pubblico. Anche questa volta i risultati sono stati confortanti.

Messaggio pubblicitario NETWORK CLINICA Popolo e colleghi (2018b) hanno infatti somministrato il protocollo TMI-G a 17 pazienti con disturbi di personalità dalle prevalenti caratteristiche di inibizione sociale e non con gravi tendenze alle disregolazione comportamentale (e.g. il disturbo borderline era escluso). Di questi 15 hanno completato il trattamento e solo 2 hanno droppato. Gli outcome primari erano sintomi e funzionamento sociale e sono migliorati in modo clinicamente significativo con effect size da medio a ampio. Consapevolezza e regolazione emotiva sono anche migliorate, in particolare l’alessitimia è ritornata ai valori non-clinici. È aumentata in modo significativo, come atteso, anche la capacità metacognitiva.

Sempre più la TMI, in questo caso specifico la TMI-G, si presta ad essere considerata un trattamento ben accettato dai pazienti con disturbi di personalità, capace di generare risultati significativi in vari domini. Attualmente uno studio pilota esteso ai disturbi del cluster B è stato completato in Spagna e sottoposto per la pubblicazione e uno studio su pazienti affetti da Disturbi Evitante è stato completato in Norvegia e attualmente sono in corso i calcoli. Altri studi sull’efficacia della TMI individuale e su altre forme di trattamento basate sulla TMI sono attualmente sottoposti alla pubblicazione o in corso. A presto forniremo aggiornamenti.

 

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 10, media: 5,00 su 5)

Consigliato dalla redazione

La terapia metacognitiva interpersonale dei disturbi di personalità - Recensione

Curare i casi complessi. La terapia metacognitiva interpersonale dei disturbi di personalità – Recensione

Il libro propone un modello di terapia dei disturbi di personalità che integra la prospettiva cognitivista con lo sviluppo della metacognizione.

Bibliografia

  • Dimaggio. G., Ottavi, P., Popolo, R. & Salvatore, G. (2019). Corpo, immaginazione e cambiamento. Terapia metacognitiva interpersonale. Milano: Raffaello Cortina
  • Dimaggio, G., Montano, A., Popolo, R. & Salvatore, G. (2013). Terapia Metacognitiva Interpersonale per i disturbi di personalità. Milano: Raffaello Cortina, 2013
  • Dimaggio, G., Semerari, A., Carcione, A., Nicolò, G. & Procacci, M. (2007). Psychotherapy of Personality Disorders: Metacognition, States of Mind and Interpersonal Cycles. London: Routledge.
  • Liotti, G., Fassone, G., Monticelli, F. (a cura di) (2017). L’evoluzione delle emozioni e dei sistemi motivazionali. Milano: Raffaello Cortina
  • Popolo, R., MacBeth, A., Canfora, F., Rebecchi, D., Toselli, C., Salvatore, G. & Dimaggio, G. (2018a). Metacognitive Interpersonal Therapy in group (MIT-G) for young adults personality disorders. A pilot randomized controlled trial. Psychology and Psychotherapy: Theory, Research & Practice DOI:10.1111/papt.12182
  • Popolo, R., MacBeth, A., Brunello, S., Canfora, F., Ozdemir, E., Rebecchi, D., Toselli, C., Venturelle, G., Salvatore, G. & Dimaggio, G. (2018b). Metacognitive Interpersonal Therapy in Group (MIT-G): A pilot noncontrolled effectiveness study. Research in Psychotherapy: Psychopathology, Process and Outcome, 21, 155-163. doi:10.4081/ripppo.2018.338
State of Mind © 2011-2019 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario DEFAULT SU NETWORK FORMAZIONE
Messaggio pubblicitario DEFAULT SU NETWORK FORMAZIONE

Messaggio pubblicitario

Argomenti