expand_lessAPRI WIDGET

Psicoterapia dell’insonnia: l’efficacia dei trattamenti cognitivo-comportamentali online

Insonnia: uno studio dell'Università di Oxford e della Notrhwestern Medicine rivela l'efficacia di un trattamento cognitivo comportamentale on line. I ricercatori hanno seguito i soggetti per 1 anno e ne hanno osservato il miglioramento dei sintomi e della salute generale

Di Gaspare Vezio

Pubblicato il 12 Ott. 2018

Aggiornato il 19 Dic. 2018 11:34

Uno studio dell’Università di Oxford e della Northwestern Medicine ha scoperto che grazie alle terapie cognitivo-comportamentali digitali, si può migliorare lo stato di salute in generale ed in particolare il sonno.

 

L’insonnia è uno dei fattori di rischio connessi allo sviluppo di disturbi mentali, malattie cardiovascolari e diabete di tipo 2. Il trattamento di questo disturbo con terapie cognitivo-comportamentali (CBT) è poco frequente data la mancanza di terapisti specializzati in questo settore e il numero sempre crescente di pazienti. L’American College of Physicians nel 2016 ha raccomandato, per curare l’insonnia, l’utilizzo della CBT come primo step anche prima di trattamenti farmacologici.

Insonnia: lo studio

Questo studio è durato all’incirca un anno, e ha coinvolto 1711 soggetti. Sono state utilizzate delle piattaforme online, rendendo il trattamento più accessibile e personalizzato alle esigenze delle persone coinvolte, quindi sono stati portati avanti dei trattamenti in linea alle tipologie di sonno degli utenti. Ognuno ha seguito il trattamento utilizzando un’app associata al programma digitale di miglioramento del sonno Sleepio che utilizza tecniche CBT, contenuti comportamentali, cognitivi ed educativi. Lo svolgimento del trattamento è avvenuto in sei sessioni dalla durata media di 20 minuti per un massimo di 12 settimane. I partecipanti sono stati valutati in quattro condizioni temporali: la baseline a zero settimane; il trattamento intermedio a quattro settimane; il post-trattamento ad otto settimane; infine il follow-up a ventiquattro settimane.

Insonnia: i risultati del trattamento online

Il trattamento è stato associato ad un miglioramento significativo della salute e del benessere. Inoltre il quest’ultimo ha avuto un ruolo di mediazione su: sintomi depressivi, ansia, sonnolenza, fallimenti cognitivi, produttività e soddisfazione lavorativa.

 

Si parla di:
Categorie
RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI
CONSIGLIATO DALLA REDAZIONE
Mindfulness per l'insonnia MBTI principi e tecniche per dormire meglio
La terapia di Mindfulness per l’insonnia (MBTI) di Jason C. Ong – Principi e tecniche per dormire meglio

La Mindfulness per l'insonnia unisce i principi e le pratiche della terapia di mindfulness con le strategie comportamentali della terapia cognitivo-comportamentale per l'insonnia. Lo scopo è una maggiore consapevolezza di sé per modificare i pensieri malsani che riguardano i disturbi del sonno.

ARTICOLI CORRELATI
Uso problematico dello smartphone in adolescenza: che ruolo possono avere i genitori nella gestione di questo fenomeno?

Cosa si intende con uso problematico dello smartphone negli adolescenti? Scopriamo come lo stile genitoriale può influenzarlo

Perché cercare informazioni online sul nostro terapeuta? E se fosse lui a cercare noi? – Psicologia digitale

Cosa succede quando i pazienti cercano informazioni online di carattere personale sul proprio terapeuta? E quando è il terapeuta a farlo?

cancel