expand_lessAPRI WIDGET

Il dolore negato. Affrontare il lutto per la morte di un animale domestico (2018) di Pier Luigi Gallucci – Recensione del libro

Il dolore negato di Pier Luigi Gallucci è un libro che affronta il lutto per la perdita dei nostri animali domestici. Dall'esperienza di uno psicoterapeuta, l'invito a non negare il dolore per delle perdite così dolorose.

Di Stefania Esposito

Pubblicato il 21 Set. 2018

Il dolore negato è un piccolo contributo – come lo definisce l’autore – per affrontare un tema tanto diffuso quanto poco trattato. Il tema in questione è il lutto, quel lacerante percorso che tutti conosciamo, stavolta però relativo ad un ambito davvero poco trattato e forse ancora poco compreso: la perdita di un compagno speciale, il proprio animale.

 

Un lutto che non trova spazi di condivisione

Nato dall’esperienza clinica di uno psicologo, Il dolore negato, vincitore del premio Bastet 2018, scende dolcemente nei vissuti di quanti hanno subito la perdita del proprio amico animale.

Un lutto specifico, perché sebbene la sofferenza sia grande, e secondo alcuni studi simile alla perdita di una persona cara, il dolore per la perdita di un animale amato appare socialmente ignorato o poco compreso.

Chi vive il dolore per la perdita, quindi, sperimenta anche un senso di solitudine, di esclusione, di vergogna: in letteratura, un lutto delegittimato, minimizzato, banalizzato. Nessuna ritualità del distacco, nessun sostegno sociale.

Il messaggio che passa tra le righe è che si debba riuscire, in tempi brevi, a dimenticarsi del proprio animale e continuare a guardare avanti e vivere felici.

Il dolore negato: sentimenti e processi

L’autore descrive il profondo legame di attaccamento tra uomo ed animale, spesso membro a tutti gli effetti della famiglia, della quale condivide storie e situazioni. Un amore incondizionato e capace di costituire un’importante base di sostegno in molti casi (ad esempio per le persone anziane, o per chi fisicamente o psicologicamente è impossibilitato al movimento o alle relazioni).

Inevitabilmente, la perdita di un legame così importante necessita di un processo di elaborazione ampiamente sovrapponibile a quello conseguente alla morte di una persona. Stordimento, shock, sintomi fisici e psicologici (senso di colpa, tristezza, rabbia, nostalgia) sono passaggi inevitabili del percorso che conduce all’accettazione e alla riorganizzazione della propria vita senza l’animale.

Il dolore negato: validare le proprie emozioni

Tempo, spazio, condivisione. L’autore tratteggia piccoli e fondamentali suggerimenti per fronteggiare il dolore, che invertono la rotta socialmente consona: non negazione ma legittimazione, non solitudine ma condivisione. Spazio, dunque, alle emozioni. Spazio al pianto e alla tristezza, alla rabbia o alla colpa – reprimerli acuisce la sofferenza e rallenta il processo di elaborazione.

Ma anche condivisione e tempo: tempo per esprimere ciò che si prova, per chiedere comprensione, per parlarne con le persone care, per commemorare il proprio amato animale, per chiedere aiuto – se se ne avverte il bisogno.

Il dolore negato: il Ponte dell’Arcobaleno

Il libro si conclude con un racconto, che arriva tra le pagine come un dono che delicatamente l’autore porge al lettore. Non un oggetto ma un luogo: il Ponte dell’Arcobaleno, quel posto speciale dove – narra la leggenda dei nativi americani – ciascuno di noi rivedrà il proprio amico animale corrergli felice incontro.

Nel leggerlo, la sensazione provata è quella del ristoro, della speranza, di un delicato abbraccio finale a quanti sperimentano il dolore negato.

Si parla di:
Categorie
SCRITTO DA
Stefania Esposito
Stefania Esposito

Psicologa e Psicoterapeuta

Tutti gli articoli
RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI
  • Gallucci, P.L., (2018), Il dolore negato. Perugia, Graphe Edizioni
CONSIGLIATO DALLA REDAZIONE
Il dolore negato (2018) di Pier Luigi Gallucci - Recensione
Il dolore negato (2018) di Pier Luigi Gallucci – Recensione del libro

Il dolore negato è quello per la perdita di un animale domestico. Molti di noi non lo riconoscono come un lutto e non si concedono di viverlo come una perdita, quale invece è. Gallucci ci da anche alcuni semplici consigli per affrontare il momento, aiutando gli eventuali bambini coinvolti.

ARTICOLI CORRELATI
Quando la perdita di una persona cara è troppo dolorosa: il Disturbo da Lutto Prolungato

Il Disturbo da Lutto Prolungato è un insieme di reazioni persistenti e debilitanti in seguito alla perdita di una persona cara

Interruzione Terapeutica di Gravidanza (ITG) e conseguenze psicologiche nella donna, nell’uomo, nella coppia e nella famiglia

Un’interruzione terapeutica di gravidanza può avere conseguenze psicologiche non solo sulla donna e sull’uomo, ma anche sulla coppia e sulla famiglia

cancel