expand_lessAPRI WIDGET

Ricordo di Gianni Liotti

Dopo la collaborazione iniziale con Vittorio Guidano che fruttò l’importante libro del 1983, Gianni Liotti sviluppò il suo modello di psicoterapia cognitiva evoluzionista, dapprima delineandone le basi teoriche e poi elaborando gli aspetti clinici con i suoi collaboratori.

Di Sandra Sassaroli, Gabriele Caselli, Giovanni Maria Ruggiero

Pubblicato il 10 Apr. 2018

È mancato Gianni Liotti, un amico e un importante esponente nell’ambiente scientifico della terapia cognitivo comportamentale italiana e internazionale.

Sandra Sassaroli, Gabriele Caselli e Giovanni M. Ruggiero

 

Gianni Liotti fu socio fondatore della SITCC, la Società Italiana di Terapia Cognitiva e Comportamentale, e portò in Italia un modo innovativo e curioso di tentare di mettere in relazione ciò che veniva dalla ricerca evolutiva, dalle neuroscienze, dagli studi sul funzionamento dell’affettività con il mestiere di psicoterapista in un periodo in cui l’unico paradigma psicoterapeutico accettato era quello della psicoanalisi. Questo tentativo d’integrazione è stato il suo codice più costante e innovativo. Leggere e studiare scienza a tutto tondo e integrare ciò che appariva nuovo e interessante con la clinica e con la costruzione del progetto psicoterapeutico.

Dopo la collaborazione iniziale con Vittorio Guidano che fruttò l’importante libro del 1983, Gianni Liotti sviluppò il suo modello di psicoterapia cognitiva evoluzionista, dapprima delineandone le basi teoriche (1994, 2001) e poi elaborando gli aspetti clinici con i suoi collaboratori (Liotti e Farina, 2011; Liotti e Monticelli, 2014). Le idee di Liotti si basavano sugli studi neuroscientifici di Michael Gazzaniga, Michael Tomasello, Daniel J. Siegel e molti altri. Si tratta del modello della mente relazionale, ovvero della mente come entità che prende vita nell’interazione sociale e interpersonale. Questo modello è anche evoluzionista perché teorizza che è nel passato evolutivo che possiamo trovare alcune delle prove che la cognizione nasca e si sviluppi solo nella dimensione interpersonale della coscienza.

Tra gli esempi di nascita della mente relazionale che Gianni Liotti amava ricordare, c’era frequentemente quello dell’atto primordiale di indicare la preda. Nella notte dei tempi un Homo Sapiens indicò una preda da cacciare a un suo compagno. Quel complesso atto cognitivo che fu riconoscere un animale, indicarlo al compagno e significare, per mezzo di quell’atto, una complessa azione di caccia, cattura e uccisione di una preda -legata a sua volta a sofisticate intenzioni pratiche, sociali e cognitive, come cucinarla, procurare da mangiare al proprio gruppo, ottenere rispetto e onore nella tribù e così via- avvenne soprattutto attraverso un episodio interpersonale: io che indico a te –amico mio- e ti propongo una cosa da fare assieme. Al di fuori di quella interazione non sarebbe possibile alcuna cognizione e non era e non è possibile l’esistenza di una mente. Come è noto, non sempre eravamo d’accordo con le sue idee cliniche ma ci piace ricordarlo così, mentre ci raccontava questa storia antichissima e piena di poesia.

Banksy - Trolley Hunters - 2006
Banksy – Trolley Hunters – 2006

 


Giovanni Maria Ruggiero intervista Gianni Liotti per State of Mind nel 2014:


 

 

Gianni Liotti - SITCC 2012
Gianni Liotti, Sandra Sassaroli e Giovanni Maria Ruggiero durante il congresso SITCC 2012 a Ginevra
Si parla di:
Categorie
SCRITTO DA
Sandra Sassaroli
Sandra Sassaroli

Presidente Gruppo Studi Cognitivi, Direttore del Dipartimento di Psicologia e Professore Onorario presso la Sigmund Freud University di Milano e Vienna

Tutti gli articoli
Gabriele Caselli
Gabriele Caselli

Direttore scientifico Gruppo Studi Cognitivi, Professore di Psicologia Clinica presso la Sigmund Freud University di Milano e Vienna

Tutti gli articoli
Giovanni Maria Ruggiero
Giovanni Maria Ruggiero

Direttore responsabile di State of Mind, Professore di Psicologia Culturale e Psicoterapia presso la Sigmund Freud University di Milano e Vienna, Direttore Ricerca Gruppo Studi Cognitivi

Tutti gli articoli
RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI
  • Guidano, V. F., & Liotti, G. (1983). Cognitive Processes and Emotional Disorders: A Structural Approach to Psychotherapy. New York, NY: Guilford Press.
  • Liotti, G. (1994). La dimensione interpersonale della coscienza. Roma: Nis.
  • Liotti, G. (2001). Le opere della coscienza. Milano: Raffaello Cortina editore.
  • Liotti, G., & Farina, B. (2011). Sviluppi traumatici. Milano: Raffaello Cortina editore.
  • Liotti, G., & Monticelli, F. (2014). Teoria e clinica dell’alleanza terapeutica. Una prospettiva cognitivo-evoluzionista. Milano: Raffaello Cortina editore.
CONSIGLIATO DALLA REDAZIONE
Sviluppi Traumatici, Eziopatogenesi, clinica e terapia della dimensione dissociativa. Liotti G. Farina B. (2011). Cortina Editore. - Immagine: Copertina, Raffaello Cortina Editore
Recensione di Sviluppi traumatici (2011) di Liotti e Farina.

Sviluppi traumatici di Giovanni Liotti e Benedetto Farina è la più recente esposizione del modello di terapia cognitiva-evoluzionista.

ARTICOLI CORRELATI
cancel