Perdite di memoria: normale invecchiamento o Alzheimer?

Con l'avanzare dell'età capita più facilmente di scordare nomi o oggetti. Queste dimenticanze sono semplicemente una parte normale dell'invecchiamento o segnalano le prime fasi di un disturbo più grave quale il morbo di Alzheimer?

ID Articolo: 153015 - Pubblicato il: 20 marzo 2018
Perdite di memoria: normale invecchiamento o Alzheimer?
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

Invecchiando, non è raro sperimentare “momenti di vecchiaia“, in cui dimentichiamo dove abbiamo parcheggiato la macchina o chiamiamo i nostri bambini con nomi sbagliati. E potremmo chiederci: questi ricordi sono una parte normale dell’ invecchiamento o segnalano le prime fasi di un disturbo grave come il morbo di Alzheimer?

 

Messaggio pubblicitario I ricercatori di Irvine, dell’Università della California, hanno tuttavia scoperto che la risonanza magnetica funzionale ad alta risoluzione del cervello può essere utilizzata per mostrare alcune delle cause alla base delle differenze inerenti le competenze mnemoniche tra adulti anziani e adulti più giovani. Lo studio, pubblicato sulla rivista Neuron, ha coinvolto 20 giovani adulti (dai 18 ai 31 anni) e 20 adulti anziani cognitivamente sani (dai 64 agli 89 anni). Ai partecipanti veniva chiesto di eseguire due tipi di attività durante la scansione fMRI, un’attività di memoria di oggetti e un’attività di memoria di posizione. Poiché l’fMRI esamina le dinamiche del flusso sanguigno nel cervello, i ricercatori sono stati in grado di determinare quali parti del cervello i soggetti stavano usando per ciascuna attività.

Nel primo compito, venivano fatte vedere ai partecipanti delle immagini di oggetti di uso quotidiano e, successivamente, veniva chiesto di distinguerle dalle nuove immagini.

Alcune immagini erano identiche a quelle viste prima, alcune erano nuove e altre erano simili alle precedenti – potremmo aver cambiato il colore o le dimensioni – ha detto Michael Yassa, direttore del Centro per la Neurobiologia dell’apprendimento e della memoria e autore senior dello studio – Chiamiamo questi oggetti delicati le “esche”. E abbiamo scoperto che il conflitto mnemonico avveniva maggiormente negli anziani: sono molto più propensi dei giovani a pensare di aver già visto quelle “esche”.

Il secondo compito era quasi lo stesso ma veniva richiesto ai soggetti di determinare se la posizione degli oggetti fosse stata alterata. Qui, gli adulti più anziani sono andati molto meglio rispetto al compito precedente.

Questo suggerisce che non tutta la memoria cambia allo stesso modo dell’invecchiamento – sostiene l’autore principale Zachariah Reagh, che ha partecipato allo studio come studente laureato presso l’UCI ed ora è un borsista postdottorato alla UC Davis – La memoria degli oggetti è molto più vulnerabile di quella spaziale, o posizione, memoria – almeno nelle prime fasi.

Altre ricerche hanno dimostrato che i problemi con la memoria spaziale e la navigazione si manifestano in maniera individuale verso la malattia di Alzheimer.

Messaggio pubblicitario È importante sottolineare che, esaminando il cervello dei soggetti sottoposti a questi test, gli scienziati sono stati in grado di stabilire un meccanismo cerebrale per tale deficit nella memoria degli oggetti. Hanno scoperto che era collegato a una perdita di segnalazione in una parte del cervello chiamata corteccia entorinale anterolaterale. Questa area è già nota per mediare la comunicazione tra l’ippocampo, in cui le informazioni vengono prima codificate e il resto della neocorteccia, che svolge un ruolo nell’archiviazione a lungo termine. È anche un’area gravemente colpita nelle persone con malattia di Alzheimer.

La perdita del segnale fMRI significa che c’è meno flusso di sangue nella regione, ma crediamo che la base di questa perdita dipenda dal fatto che l’integrità strutturale di quella parte del cervello sta cambiando – ha detto Yassa – Una delle cose che sappiamo della malattia di Alzheimer è che questa regione del cervello è una delle prime ad esibire un segno chiave della malattia, la deposizione di grovigli neurofibrillari.

Al contrario, i ricercatori non hanno rilevato differenze legate all’età in un’altra area del cervello collegata alla memoria: la corteccia entorinale posteromiale. Hanno dimostrato che questa regione ha un ruolo nella memoria spaziale, che non era significativamente compromessa nei soggetti più anziani.

Questo suggerisce che il processo di invecchiamento del cervello è selettivo – dice Yassa – I nostri risultati non sono un riflesso dell’invecchiamento cerebrale generale, ma piuttosto di specifici cambiamenti neurali che sono collegati a problemi specifici nella memoria dell’oggetto e non nello spazio.

Per determinare se questo tipo di scansione fMRI potrebbe alla fine essere utilizzato come strumento per la diagnosi precoce, i ricercatori prevedono di espandere il loro lavoro a un campione di 150 adulti più anziani che saranno seguiti nel tempo. Condurranno anche tomografia a emissione di positroni, o PET, scansioni per cercare la patologia provocate della placche amiloidi e della proteina tau.

Ci auguriamo che questi esaurienti test di imaging e cognitivi ci consentiranno di capire se i deficit che abbiamo visto nel presente studio sono indicativi di ciò che verrà in seguito in alcuni di questi individui – ha detto Yassa

I nostri risultati, così come risultati simili da altri laboratori, indicano la necessità di compiti e paradigmi progettati con cura che possano rivelare diverse funzioni in aree chiave del cervello e diverse vulnerabilità al processo di invecchiamento – ha aggiunto Reagh.

 

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 2, media: 5,00 su 5)

Consigliato dalla redazione

I test neuropsicologici che consentono l'individuazione precoce dell'Alzheimer

I test neuropsicologici per l’individuazione precoce dell’ Alzheimer

Uno studio ha dimostrato come alcuni test neuropsicologici consentano di individuare i primi segni dell'Alzheimer in persone asintomatiche.

Bibliografia

State of Mind © 2011-2019 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Sono citati nel testo

Università e centri di ricerca

Riviste scientifiche

Categorie

Messaggio pubblicitario