I test neuropsicologici per l’individuazione precoce dell’ Alzheimer

Uno studio ha dimostrato come alcuni test neuropsicologici consentano di individuare i primi segni dell'Alzheimer in persone asintomatiche.

ID Articolo: 146855 - Pubblicato il: 20 giugno 2017
I test neuropsicologici per l’individuazione precoce dell’ Alzheimer
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

Recentemente un nuovo studio condotto dal neuropsicologo Duke Han, professore associato di medicina presso la Keck School of Medicine dell’Università della South California, suggerisce che i test cognitivi siano anche in grado di rilevare i primi segni di Alzheimer in persone ancora asintomatiche.

 

I cambiamenti biologici sottostanti la malattia di Alzheimer

Messaggio pubblicitario Molto prima che i sintomi della malattia di Alzheimer diventino evidenti ai pazienti e alle loro famiglie, i cambiamenti biologici legati a tale patologia si verificano all’interno del cervello.

Le placche di amiloidi, che sono raggruppamenti di frammenti di proteine, insieme alle proteine note come tau, si formano nel cervello e crescono, arrivando infine a influenzare e intaccare la funzionalità cerebrale.

La proteina chiamata tau presiede all’eliminazione delle sostanze potenzialmente tossiche all’interno dei neuroni. Se non funziona correttamente, alcune proteine dannose restano all’interno della cellula, facendola degenerare e poi morire.

Questi cambiamenti biologici possono essere rilevati all’inizio del corso della malattia di Alzheimer attraverso la tomografia a emissione di positroni (PET) o l’analisi del fluido cerebrospinale.

Recentemente un nuovo studio condotto dal neuropsicologo Duke Han, professore associato di medicina presso la Keck School of Medicine dell’Università della South California suggerisce che i test cognitivi siano anche in grado di rilevare i primi segni di Alzheimer in persone ancora asintomatiche.

I test neuropsicologici possono individuare precocemente l’Alzheimer

Messaggio pubblicitario Han e i suoi colleghi hanno condotto una meta-analisi di 61 studi per esplorare se i test neuropsicologici possano identificare la malattia di Alzheimer precoce negli adulti oltre i 50 anni con un funzionamento cognitivo normale.

Lo studio – pubblicato su Neuropsychology Review – ha rilevato che le persone con placche amiloidi presentavano prestazioni peggiori nelle prove neuropsicologiche (nello specifico nella funzione cognitiva globale, nella memoria, nella capacità visuospaziale, nella velocità di elaborazione e nelle funzioni esecutive) rispetto a persone che non presentavano placche amiloidi.

Le placche di amiloidi e la patologia tau sono state verificate da analisi PET o analisi del fluido cerebrospinale.
Lo studio ha anche scoperto che le persone con patologia tau o neurodegenerazione peggioravano nei test di memoria rispetto alle persone con placche amiloidi.

I risultati di questo studio sono rilevanti in quanto a livello applicativo aprono riflessioni in merito all’inclusione di test cognitivi e valutazioni di base neuropsicologiche per il monitoraggio e l’individuazione precoce della malattia di Alzheimer.

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 7, media: 4,14 su 5)

Consigliato dalla redazione

Gli effetti sul cervello della deprivazione di sonno e il rischio di Alzheimer

Dormire poco fa male al cervello e si rischia l’Alzheimer

Uno studio ha dimostrato che la deprivazione di sonno induce il cervello a ripulire una quantità significativa di neuroni e di connessioni sinaptiche.

Bibliografia

State of Mind © 2011-2019 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Sono citati nel testo

Riviste scientifiche

Categorie

Messaggio pubblicitario