Bipolarismo: la terapia della luce come trattamento degli episodi depressivi

Uno studio ha dimostrato come la terapia della luce possa essere efficace per ridurre gli episodi depressivi del disturbo bipolare.

ID Articolo: 149300 - Pubblicato il: 23 ottobre 2017
Bipolarismo: la terapia della luce come trattamento degli episodi depressivi
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

La terapia della luce induce una forte risposta antidepressiva nei pazienti con disturbo bipolare, consentendo una remissione tale da determinare un funzionamento normale e consono al reinserimento nei contesti lavorativi e sociali.

 

Il disturbo bipolare

Messaggio pubblicitario Il disturbo bipolare è una condizione contraddistinta da gravi alterazioni dell’umore, caratterizzate dall’alternarsi di episodi maniacali (o ipomaniacali) e depressivi. Per tale motivo si parla anche di sindrome maniaco-depressiva, che influisce notevolmente sulla vita lavorativa, sociale e affettiva dell’individuo. Per gli episodi di depressione, a differenza degli episodi maniacali, sono presenti ancora poche opzioni di trattamento; infatti, la cura degli episodi maniacali riduce i sintomi depressivi solo in un terzo dei pazienti bipolari (Sachs, et al., 2007).

Per ovviare a questa lacuna, alcuni ricercatori si sono soffermati sulla suscettibilità dei pazienti a fattori ambientali che alterano il loro ritmo circadiano. Per esempio, a causa delle anomalie del sonno, come ipersonnia e letargia, essi sono poco esposti alla luce bianca del sole di mezzogiorno.

Lo studio sulla terapia della luce per il trattamento degli episodi depressivi del disturbo bipolare

Partendo da queste premesse, è nato uno studio pilota pubblicato su American Journal of Psychiatry. L’obiettivo della ricerca consisteva nel determinare l’eventuale tasso di remissione degli episodi depressivi in pazienti bipolari a seguito dell’esposizione alla luce tra mezzogiorno e le 14,30.

Messaggio pubblicitario I 46 partecipanti alla ricerca erano assegnati in modo randomizzato a due gruppi: esposizione a luce bianca di 7000 lux (gruppo sperimentale) ed esposizione a luce di 50 lux (gruppo di controllo). Ognuno aveva il compito di esporre il proprio viso alla luce per 6 settimane, 15 minuti al giorno, incrementando ogni settimana il tempo di esposizione fino a raggiungere 60 minuti al giorno.

I risultati hanno evidenziato un tasso di remissione significativa nel 68% dei pazienti del gruppo sperimentale, a differenza del 22 % riscontrato nel gruppo di controllo. Ciò dimostra che la terapia della luce induce una forte risposta antidepressiva nei pazienti bipolari, consentendo una remissione tale da determinare un funzionamento normale e consono al reinserimento nei contesti lavorativi e sociali.

Nonostante ciò, studi futuri dovrebbero indagare come l’incremento dell’esposizione alla luce di mezzogiorno possa essere ulteriormente introdotta come terapia adiuvante ai sintomi depressivi nel bipolarismo, come influenzi il ritmo circadiano dei pazienti bipolari e quali siano le strategie efficaci per il mantenimento dei suoi effetti evitando ricadute.

 

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 5, media: 5,00 su 5)

Consigliato dalla redazione

Disturbo bipolare: effetti della qualità del sonno sull’umore - Immagine: 57790673

Disturbo bipolare: effetti della qualità del sonno sull’umore

Secondo un recente studio l'impatto che la qualità del sonno potrebbe avere sull'umore nel disturbo bipolare può essere diverso per gli uomini e le donne.

Bibliografia

State of Mind © 2011-2020 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Riviste scientifiche

Categorie

Messaggio pubblicitario