Entero-Rappresentazione: confronto tra un campione di pazienti ricoverati e un gruppo di controllo

Nello studio è stata indagata la rappresentazione del proprio corpo interno in pazienti con varie patologie organiche e un gruppo di controllo. 

ID Articolo: 117981 - Pubblicato il: 16 febbraio 2016
Entero-Rappresentazione: confronto tra un campione di pazienti ricoverati e un gruppo di controllo
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

Questo articolo ha partecipato al Premio State of Mind 2014 – Sezione Junior

Entero-Rappresentazione: confronto tra un campione di pazienti ricoverati e un gruppo di controllo
Nista Erika e Lucci Giuliana*
*Fondazione Santa Lucia IRCCS, Roma, Italia

ABSTRACT

I concetti di “schema corporeo” (relativo alla localizzazione del corpo nello spazio) e di “immagine corporea” (che include le componenti soggettive cognitivo-affettive delle rappresentazioni corporee) non sono nuovi, da anni hanno fatto la loro comparsa sulla scena delle Neuroscienze. In breve, le ricerche neuroscientifiche hanno evidenziato la possibilità di rappresentare il nostro corpo sia in relazione al mondo nel quale ci muoviamo e agiamo, sia in riferimento al nostro mondo interiore, fatto di nozioni, credenze ed emozioni. Normalmente l’oggetto di questi studi di rappresentazione corporea è il corpo “esterno”. Ad oggi, però, nessuno si è occupato di indagare il versante interiore della rappresentazione corporea, di come, cioè, le persone si rappresentano il proprio corpo interiore, specie nel contesto di malattie organiche il cui bersaglio è, appunto, il corpo interno. In questo lavoro è stata indagata la rappresentazione del corpo interiore in pazienti affetti da varie patologie organiche e in un gruppo di soggetti di controllo. I dati raccolti lasciano ipotizzare che la rappresentazione corporea interna debba essere indagata come fenomeno di processi impliciti altrimenti difficili da valutare.

Messaggio pubblicitario The concepts of “body schema” (concerning the location of the body in space) and “body image” (which include the subjective and cognitive-affective components of the corporeal representations) are not new, these concepts for years have made their appearance in neuroscience. In a short time, the neuroscientific research have shown the ability to represent our body in relation to the world in which we move and act and referring to our inner world made of notions, beliefs and emotions. Usually the object of these corporeal representation studies is the “external” body. To date, however, no one has worked on investigating the inner side of the corporeal representation , that is how people represent their inner body especially in the context of organic disease whose target is, in fact, the inner body. In this work it was investigated the representation of the inner body in patients suffering from various organic diseases and in a control group. The collected data allow to assume that the internal representation of the body should be investigated as a phenomenon of implicit processes that are difficult to evaluate.

Parole chiave: Enterocezione; Rappresentazione corporea; Immagine corporea; Insula; Consapevolezza enterocettiva.

ALLEGATO 1

ALLEGATO 2

ALLEGATO 3

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 3, media: 3,67 su 5)

Consigliato dalla redazione

Fotolia_97725473_L'immagine corporea & il rapporto col proprio corpo - Introduzione alla Psicologia nr. 39

L'immagine corporea & il rapporto col proprio corpo - Introduzione alla Psicologia nr. 39

La maggior parte delle persone possiede delle rappresentazioni mentali e pensieri secondo i quali l'immagine corporea è associata alla magrezza - Psicologia
State of Mind © 2011-2019 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Scritto da

Messaggio pubblicitario