Le conseguenze psicologiche nel malato di Parkinson e nei suoi familiari (2)

Depressione e ansia sono disturbi che il paziente con Parkinson deve affrontare. Chi assiste il malato, invece, sperimenta facilmente un elevato stress.

ID Articolo: 116756 - Pubblicato il: 11 gennaio 2016
Le conseguenze psicologiche nel malato di Parkinson e nei suoi familiari
Messaggio pubblicitario SFU 2020

La malattia di Parkinson nella famiglia

La malattia di Parkinson, anche se ad insorgenza graduale, rappresenta per la famiglia un momento di crisi profonda. Essa infatti, poiché ha un andamento cronico e progressivo, richiede alla famiglia continui adattamenti necessari, quali: cambiamenti di ruolo, di funzioni dei diversi membri del nucleo familiare e di dinamiche ormai collaudate nel tempo, per consentire di adattarsi ad essa, cercando di mantenere il più possibile l’autonomia dei diversi membri. Tutto ciò comporta ovviamente un cambiamento dell’identità della famiglia che diventa un’altra, conservando il ricordo di com’era prima dell’insorgenza della patologia.

Poiché è una malattia cronica e progressiva, occorre che il paziente e i familiari conoscano le numerose caratteristiche della patologia per imparare a gestirla, per non subirla passivamente, ma combatterla, ossia accettarla e imparare a farci i conti giorno dopo giorno senza lasciarsi sopraffare dallo sconforto (Carretti, 2004).

Infatti questa malattia richiede cure per tutto l’arco della vita, richiede attenzione ai diversi cambiamenti fisici, cognitivi e aggiustamenti continui della terapia. Una delle maggiori difficoltà riscontrabili nel paziente e nei suoi familiari è l’accettazione della diagnosi di Parkinson. La diagnosi e la consapevolezza di tutto ciò che comporterà questa patologia può gettare il paziente, ma anche l’intero nucleo familiare in uno stato di profonda depressione, disperazione e senso di impotenza. Negare la malattia è un atteggiamento che se da una parte può, almeno in un primo momento, preservare il paziente e la sua famiglia da un dolore insostenibile, dall’altro è un atteggiamento contro-produttivo dal momento che può ostacolare la capacità di prendere atto della patologia e ritardare così l’inizio della cura.

La malattia di Parkinson infatti, va curata subito e il prima possibile, in quanto una corretta e tempestiva terapia rende possibile anche ritardarne il progresso (Carretti, 2004).

L’accettazione è un processo che non ha mai fine per questi pazienti, infatti il Parkinson provoca molti cambiamenti e ad ogni cambiamento segue un’inevitabile adeguamento e accettazione del nuovo stato di cose. Gli equilibri che il paziente si crea faticosamente, facendo i conti con i sintomi fisici devono essere modificati alla comparsa di altri sintomi, così come gli equilibri familiari, che mutano per sopperire alle richieste e ai problemi del malato (Carretti, 2004).

Messaggio pubblicitario Normalmente il parkinsoniano ci mette degli anni prima di accettare completamente la malattia e tutti i sintomi che comporta; la stessa cosa vale per i familiari, i quali, specie se il morbo di Parkinson è a lenta insorgenza, si illudono all’inizio di poter controllare la patologia. Nel corso degli anni, acuendosi i sintomi causati dalla patologia e aumentando i sintomi conseguenti agli effetti disinibitori dei dopamino-agonisti, gli ingravescenti compiti assistenziali sostenuti dai familiari aumentano sempre di più richiedendo tempo, attenzione, energia. Generalmente vi è una sola persona che si occupa dell’assistenza al malato, nella maggior parte dei casi (72%) sono donne, tra gli uomini più frequentemente troviamo mariti e figli. I coniugi sono per lo più coloro che si prendono cura dei loro partner.

Qualora non siano in grado di farlo subentrano al loro posto figli o nuore. Tra i coniugi più anziani che svolgono questa attività, almeno la metà ha, a sua volta, problemi di salute. Almeno un terzo dei familiari sono lavoratori e sommano l’attività assistenziale a quella lavorativa. Il ruolo dei familiari è senza dubbio importantissimo, sia per il benessere dei membri della loro famiglia che per la società, perché grazie a loro, chi ha gravi problemi di salute riceve dignitosamente il conforto e l’assistenza di cui necessita.

Certamente una delle maggiori sfide che il familiare si ritrova ad affrontare quotidianamente è quella di riuscire a gestire i compiti di assistenza al familiare malato di Parkinson, contemporaneamente ad altre attività che richiedono tempo, attenzione ed energia. Infatti mediamente il familiare si occupa della cura della casa (fare la spesa, fare le pulizie, cucinare), pulizia del malato (lavarlo, vestirlo, aiutarlo nella deambulazione), si occupa delle cure mediche (assistenza per la terapia), spesso si occupa anche del coordinamento e dell’organizzazione di altre persone che forniscono assistenza e molte volte deve anche occuparsi di altri membri del nucleo familiare (nonni, suoceri, bambini) (Pezzoli e Tesei, 2001).

Assistere un malato di Parkinson se da una parte può essere molto soddisfacente, dal momento che è espressione di amore per una persona a noi cara, dall’altro può diventare fisicamente, ma soprattutto psicologicamente esasperante. Se l’impegno richiesto diventa eccessivo, chi assiste il malato potrebbe sperimentare un calo di energia, del tono dell’umore e di capacità di far fronte ai problemi e sperimentare sintomi che indicano la presenza di stress eccessivo.

Tra i principali sintomi indicatori di stress, i familiari dei pazienti con Parkinson potrebbero lamentare a livello fisico: mal di testa, dolori muscolari, problemi di appetito, insonnia, peggioramento di malattie croniche e ridotte difese dell’organismo. A livello emotivo: senso di colpa, di abbandono, rabbia, depressione, ansietà. A livello cognitivo: perdita di memoria, difficoltà a prendere decisioni, ridotta capacità di concentrazione. I familiari possono inoltre riscontrare difficoltà relazionali lamentando: atteggiamento rinunciatario, colpevolizzante, irritabilità, impazienza, sensibilità eccessiva alle critiche (Pezzoli e Tesei, 2001).

La malattia di Parkinson: conclusioni

La malattia di Parkinson come si è detto è una complessa malattia neurodegenerativa, che porta alla comparsa di molteplici sintomi. Dal punto di vista motorio i principali sintomi riscontrabili sono tremori, rigidità, lentezza dei movimenti e sono il risultato della morte delle cellule che sintetizzano e rilasciano la dopamina. Oltre ai sintomi motori vi sono inoltre numerose modificazioni a livello cognitivo, affettivo e comportamentale. Disturbi quali depressione e ansia sono considerati facenti parte della malattia di Parkinson; altri sintomi riportati con minor frequenza, quali allucinazioni, deliri e disturbi del controllo degli impulsi sono probabilmente causati dall’interazione tra le caratteristiche cliniche dei pazienti e la terapia con farmaci dopaminergici.

La presenza di disturbi psicopatologici nei pazienti con malattia di Parkinson varia dal 12 al 90%: questa elevata comorbilità riflette probabilmente le modificazioni che si verificano nel complesso circuito funzionale che comprende gangli della base, talamo, strutture limbiche e corteccia prefrontale (Poletti e Bonuccelli, 2011).

L'articolo continua nelle pagine seguenti : 1 2

Consigliato dalla redazione

Morbo di Parkinson: la stimolazione cerebrale profonda

La stimolazione cerebrale profonda potrebbe portare a un dispositivo autoregolante per trattare il morbo di Parkinson in maniera più efficace

Bibliografia

  • Pezzoli G.; Tesei S. Guida alla malattia di Parkinson. 2001; 1:17-79
  • Poletti M., Bonuccelli U. Disturbi psicopatologici nella malattia di Parkinson Psychopathological disorders in Parkinson’s disease. Giorn Ital Psicopat 2011;17:13-21 13 DOWNLOAD
  • Pruneti C. Psicologia clinica e malattia organica:i disturbi neurologici. 2012; 3:35-44
  • Il sostegno ai famigliari. Barbara Carretti, Psicoterapeuta, Reggio Emilia (IV Congresso Nazionale Parkinson Italia, Viareggio, 22-23 aprile 2004) www.parkinson-italia.info
State of Mind © 2011-2022 Riproduzione riservata.