Sei cappelli per pensare: ragionare con creatività ed efficacia (2)

Il metodo 'sei cappelli per pensare' consente di interpretare vari punti di vista, anche lontani da noi. Questo aiuta a liberarci da schemi disfunzionali.

ID Articolo: 113620 - Pubblicato il: 21 settembre 2015
Sei cappelli per pensare: ragionare con creatività ed efficacia
Messaggio pubblicitario SFU 2020
Condividi

Indossare questo cappello significa individuare tutte le informazioni e i dati oggettivi relativi ad una situazione. Riprendendo l’esempio del lavoro, alcuni dati potrebbero essere lo stipendio, gli orari, la distanza da casa, i costi per lo spostamento, ecc. L’autore suggerisce di prestare attenzione alla differenza tra fatti soggettivi e oggettivi: ‘il capo non capisce niente’ è una tua interpretazione della realtà.

  • Il cappello rosso: emozioni e sentimenti

Il cappello rosso riguarda la emozioni, i sentimenti e ogni aspetto non razionale del pensiero. Secondo l’autore, se si impedisce l’ingresso delle emozioni e dei sentimenti nel pensiero, essi rimarranno nascosti nello sfondo , esercitando un’influenza occulta. Non occorre mai giustificare o spiegare una sensazione. Ad esempio ‘Non chiedermi perché. questa faccenda non mi convince affatto. Puzza’.

  • Il cappello nero: le cose che non vanno

Il cappello nero riguarda ciò che è falso, scorretto o sbagliato. Mette in luce ciò che è in disaccordo con l’esperienza e il sapere comuni. Spiega perché una cosa non potrà funzionare, individua i rischi e i pericoli. È un tentativo di inserire con obiettività gli elementi negativi nella mappa. Il pensiero con il cappello nero non deve essere un modo per indulgere al pessimismo o a sensazioni negative per le quali andrebbe utilizzato il cappello rosso. Ad esempio ‘Se metto il cappello nero devo far notare che in questa villa manca l’impianto elettrico’.

  • Il cappello giallo: gradi di ottimismo

Messaggio pubblicitario Il cappello giallo riguarda la positività e la costruttività. Il giallo rappresenta la solarità e l’ottimismo. Il pensiero con il cappello giallo concerne le valutazioni positive ed è quindi l’opposto del cappello nero. Copre aspetti che vanno dalla logicità e praticità fino ai sogni, alle fantasie e alle speranze. Cerca e valuta guadagni e benefici e poi una base logica su cui fondarli. Offre suggerimenti e proposte concrete, è connesso alla fattibilità e alla realizzabilità con l’obiettivo di efficienza. Non ha a che vedere con un atteggiamento marcatamente ottimistico che sarebbe da cappello rosso. Ad esempio ‘Se metto il cappello nero devo far notare che in questa villa manca l’impianto elettrico. Se metto il cappello giallo prendo atto del fatto che non ci saranno le bollette da pagare’.

  • Il cappello verde: il pensiero creativo e laterale

Il verde è simbolo di fertilità, crescita e sviluppi futuri contenuti nei semi. Questo cappello ha la funzione specifica di produrre nuove idee e nuovi modi di vedere le cose. Significa abbandonare le vecchie idee per trovare idee migliori. L’obiettivo è il cambiamento. È necessario andare oltre a ciò che è noto, ovvio e sembra soddisfacente. È una ricerca di alternative. Il pensiero laterale è un insieme di atteggiamenti, espressioni e tecniche che consente di tagliare trasversalmente gli schemi di un sistema auto-organizzato, per generare concezioni e percezioni nuove. Ad esempio: ‘la mia idea da cappello verde è di proporre che ai detenuti per lunghi periodi sia pagata una pensione al momento della scarcerazione. Li aiuteremmo a reinserirsi nella società e, con qualcosa da perdere, è più difficile che tornino alla criminalità. Potete anche prenderla come una provocazione’.

  • Il cappello blu: la messa a fuoco

Il cappello blu è adibito al controllo. Il pensatore con il cappello blu organizza il pensiero stesso. Quando si indossa questo cappello si smette di pensare all’argomento di discussione e si pensa invece al pensiero necessario per esaminare l’argomento. È simile a un direttore d’orchestra, invita gli altri pensatori a usare i vari cappelli. Stabilisce gli argomenti a cui il pensiero deve rivolgersi. Ha l’incarico di provvedere a riassunti, quadri complessivi, conclusioni. Appiana le controversie ed esorta all’adozione del pensiero a mappatura. Ad esempio: ‘Finora non si è arrivati a nessuna conclusione. Metto il cappello blu e suggerisco di cambiare un po’ l’aria, passando per un momento al cappello rosso. Qual è la nostra effettiva reazione di fronte a questa proposta di ridurre gli straordinari?’

Inizialmente si può sperimentare un certo disagio nell’utilizzo dei cappelli, guadagnando però in convenienza rispetto alla possibilità di sviluppare una mappa chiara e ampia della situazione che, fornendoci tutti gli elementi necessari, ci consentirà con maggiore agio di prendere una direzione piuttosto che un’altra.

 

ARTICOLO CONSIGLIATO:

Creatività: Esiste un metodo o una ginnastica per allenarla?

BIBLIOGRAFIA:

  • De Bono, E. (1985). Sei cappelli per pensare. Trad. it. (1991). Milano: Rizzoli

L'articolo continua nelle pagine seguenti : 1 2

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 1, media: 5,00 su 5)
State of Mind © 2011-2021 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Sono citati nel testo

Messaggio pubblicitario