Messaggio pubblicitario

La meditazione come elisir di giovinezza, almeno mentale

Lo studio evidenzia che praticare meditazione aiuta a preservare il tessuto cerebrale e quindi migliorare la salute mentale - Neuropsicologia

ID Articolo: 106775 - Pubblicato il: 24 febbraio 2015
La meditazione come elisir di giovinezza, almeno mentale
Messaggio pubblicitario SFU Presentazioni Settembre 2019
Condividi

FLASH NEWS

Praticare meditazione aiuta a preservare il tessuto cerebrale e quindi migliorare la salute mentale.

Dagli anni ’70 l’aspettativa di vita è cresciuta significativamente in tutto il mondo, oggi si vive anche 10 anni in più rispetto ad allora. Non male, se non fosse che più si invecchia e maggiore è il rischio di malattie mentali. E allora come fare? Un recente studio della UCLA (University of California – Los Angeles) sostiene che la meditazione possa minimizzare questo rischio.

Gli autori di questa ricerca si sono concentrati principalmente sull’associazione tra avanzamento dell’età e diminuzione della massa grigia. Hanno notato che praticare meditazione aiuta a preservare il tessuto cerebrale e quindi migliorare la salute mentale.

Lo studio ha messo a confronto 50 soggetti che hanno meditato regolarmente per anni e 50 che non l’hanno fatto e i risultati mostrano che la perdita di massa è inferiore nei meditatori abituali.

Messaggio pubblicitario San Giorgio fino al 15 Luglio Ovviamente non è possibile stabilire una causalità tra meditazione e conservazione del tessuto cerebrale, sono troppi i fattori che potrebbero influire: scelte di vita, tratti di personalità, genetica… tuttavia è sorprendente la misura della differenza individuata tra i due gruppi: la meditazione sembra avere un effetto diffuso e coinvolgere regioni in tutto il cervello.

Indagini di questo tipo offrono una prospettiva diversa, l’attenzione dei ricercatori infatti è più spesso rivolta a identificare gli elementi che aumentano il rischio di patologie mentali, guardare agli aspetti della vita, invece,  è tipico di un approccio che, oltre alla cura, promuove la salute e punta a migliorare la qualità della vita.

Come dice Luders, autrice della ricerca:

“I risultati sono promettenti. Sperando che questi stimolino ulteriori studi esplorativi permetterà un effettivo passaggio dalla teoria alla pratica”

non solo per vivere più a lungo ma anche meglio.

 

ARTICOLO CONSIGLIATO:

Pillole di… Meditazione

 

BIBLIOGRAFIA:

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 4, media: 5,00 su 5)
State of Mind © 2011-2019 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario DEFAULT SU NETWORK FORMAZIONE
Messaggio pubblicitario DEFAULT SU NETWORK FORMAZIONE

Messaggio pubblicitario

Sono citati nel testo

Università e centri di ricerca

Categorie