Brutti pensieri? Basta andare a dormire presto!

Sonno: chi va a dormire molto tardi la sera è sopraffatto in misura maggiore da pensieri negativi e ricorrenti rispetto a chi rispetta orari più standard...

ID Articolo: 105096 - Pubblicato il: 11 dicembre 2014
Brutti pensieri? Basta andare a dormire presto!
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

FLASH NEWS

I risultati hanno evidenziato che chi dormiva per periodi più brevi e andava a letto più tardi riportava una maggiore presenza di pensieri negativi rispetto agli altri.

Secondo Jacob Nota e Meredith Coles, ricercatori alla Binghamton University, il giusto riposo non è solo una questione di quanto si dorme ma, anche e soprattutto, di quando tempo si dedica al farlo.

Da un loro recente studio risulta che chi va a dormire molto tardi la sera è sopraffatto più spesso e in misura maggiore da pensieri negativi e ricorrenti rispetto a chi rispetta gli orari più “standard” del ritmo sonno-veglia.

Messaggio pubblicitario Che ci sia un legame tra i disturbi del sonno e pensieri negativi è noto: pensieri pessimistici che sembrano ripetersi nella mente, la sensazione di aver poco controllo sul rimuginio, la tendenza a preoccuparsi troppo per il futuro così come la tendenza a ripensare eccessivamente al passato e la presenza di fastidiosi pensieri intrusivi, oltre a essere spesso tipici di altri disturbi, si ritrovano infatti anche molto di più in chi ha problemi del sonno rispetto a chi dorme sufficientemente bene.

In questo studio i ricercatori hanno chiesto a 100 giovani adulti di compilare una batteria di test e di eseguire due compiti al computer atti a misurare quanto si preoccupassero, rimuginassero o avessero pensieri ossessivi. Oltre a questo è stato chiesto loro quali fossero le loro abitudini relative al sonno.

I risultati hanno evidenziato che, effettivamente, chi dormiva per periodi più brevi e andava a letto più tardi riportava una maggiore presenza di pensieri negativi rispetto agli altri.

Questo studio fa parte di una linea di ricerca che esamina la relazione tra i comportamenti di sonno-veglia e la salute mentale, riuscire ad approfondire la conoscenza di questo legame potrebbe portare interessanti spunti a livello clinico e aiutare i trattamenti dei disturbi d’ansia o altre psicopatologie.

 

ARTICOLO CONSIGLIATO:

24 ore senza dormire: attento ai sintomi!

 

BIBLIOGRAFIA:

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 2, media: 5,00 su 5)
State of Mind © 2011-2019 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Sono citati nel testo

Università e centri di ricerca

Categorie

Messaggio pubblicitario