La Ballata del Cognitivismo – La Psicantria al Congresso SITCC 2014

Congresso SITCC 2014 - Il gruppo PsicoRock Psicantria interpreta La Ballata del Cognitivismo al congresso di Genova. Psicoterapia & Musica

ID Articolo: 102983 - Pubblicato il: 27 settembre 2014
La Ballata del Cognitivismo – La Psicantria al Congresso SITCC 2014
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

SCARICA IL PROGRAMMA DEL CONGRESSO.

Psicantria - Ballata del Cognitivismo - Congresso SITCC 2014

Cos’ è psicantria?

E’ un neologismo coniato da Palmieri e Grassilli per cantare dello “psicomondo” perché nessuno mai ha raccontato sia a suon di musica che in modo sistematico la psicopatologia.

E’ così i colleghi ci raccontano di questo creativo progetto che ha le finalità di :

  • Divulgare e trattare il tema della malattia mentale e del disagio psichico attraverso l’uso dello strumento canzone, combattendo lo stigma della malattia mentale stessa
  • Promuovere l’uso della canzone come strumento educativo e di riflessione in diversi contesti
  • Valutare le potenzialità della canzone come strategia all’interno di una terapia

Dopo una breve introduzione su come è nato il progetto e i suoi obiettivi ecco che entriamo nel vivo di Psicantria

Messaggio pubblicitario Palmieri, Grassilli e Mantovani si alzano dal tavolo, imbracciano gli strumenti… e si parte.

Cantano i loro brani e i partecipanti al congresso vengono travolti dalle loro note, dalla loro simpatica e arguta creatività.

E’ un crescendo…e ecco il “colpo finale” di questi geniali colleghi che rapisce definitivamente i partecipanti al congresso… E’ “La ballata del cognitivismo” sulle note di una nota canzone… in fondo la SITCC quest’anno è pur sempre a Genova!

Ecco qui per voi il testo e il video della performance de “La ballata del cognitivismo

DALLA PSICOPATOLOGIA CANTATA ALLA PSICANTRIA DELLA VITA QUOTIDIANA
Palmieri, Grassilli, Mantovani.

 

La Ballata del Cognitivismo

E lo chiamavano cognitivista, costruttivista, razionalista

Lo chiamavano cognitivista costruttivista post razionalista

 

Fu all’inizio il comportamento

Ad attirare ogni attenzione

Bastava un suono di campanella

Ad aumentare la salivazione

Ma dopo Pavlov con il suo cane

Arrivò Skinner con i rinforsi

Ma c’è chi disse che l’uomo ha pensieri

E non aveva tutti i torti

Arrivò Beck dagli Stati Uniti

Con la sua triade cognitiva

La depressione, gli automatismi

Già brillavano per inventiva

 

Ma la pulsione spesso conduce

Ad origliare dietro le porte

Quella di Bolwby lo psicoanalista

Che all’etologia fece la corte

E fu così che da un giorno all’altro

L’attaccamento si tirò addosso

L’interesse dei cognitivisti

Che lo studiarono a più non posso

Anche in Italia Guidano e Liotti

Due pionieri coi loro approcci

Fecero scuola e istituzione

Meriterebbero una canzone

 

E per avere nuovi consigli

Sulla metacognizione

Venne fondato il Terzo Centro

Che la serviva anche a colazione

Con narrative e nuove moviole

 

Poi arrivarono Lenzi e Lambruschi

Adolescenti, adulti e bambini

Ce ne era per tutti i gusti

E per rileggerere i nostri sogni

Rezzonico Giorgio e Bara Bruno

Sono stati così generosi

Hanno scritto un libro per uno

La Sassaroli e il perfezionismo

E la passione del giornalismo

Con Davide Dettore gli ossessivi

Dei rituali diventan privi

 

Alla stazione successiva

Emdr Mindfulness Schema

Mancava solo l’accettazione

Adesso davvero ho la testa piena

Se di qualcuno ci siam scordati

Certi di essere perdonati

Ringraziando per l’attenzione

Arriviamo alla conclusione

 

E lo chiamavano cognitivista, costruttivista, razionalista

Lo chiamavano cognitivista costruttivista post razionalista.

 

LEGGI ANCHE:

Congresso SITCC 2014

SITCC 2012

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 8, media: 4,38 su 5)
State of Mind © 2011-2019 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario