inTherapy

Nell’era digitale odierna, siamo ancora in grado di leggere le emozioni?

La ridotta interazione faccia-faccia, conseguente all'uso intenso di smartphone e dispositivi elettronici, può causare una diminuzione delle abilità sociali

ID Articolo: 102285 - Pubblicato il: 03 settembre 2014
Nell’era digitale odierna, siamo ancora in grado di leggere le emozioni?
Messaggio pubblicitario SFU 2020
Condividi

FLASH NEWS

 

 

Un gruppo di ricercatori della UCLA ha dimostrato come la ridotta interazione faccia-faccia, conseguente all’uso intenso di smartphone e dispositivi elettronici in genere, possa causare una diminuzione delle abilità sociali.

Lo studio ha coinvolto due gruppi di studenti di 11-12 anni, 51 ragazzi hanno vissuto per 5 giorni in un campo-scuola in cui non era permesso usare alcun dispositivo. Altri 54 ragazzi della stessa scuola, invece, non avevano restrizioni di alcun tipo.

Prima e dopo l’esperimento sono state rilevate le abilità di riconoscere le emozioni altrui di ciascun partecipante attraverso la presentazione di 48 immagini di volti che esprimevano felicità, tristezza, rabbia e paura che veniva chiesto di identificare e dei video di cui dovevano descrivere le emozioni degli attori.

Messaggio pubblicitario I risultati mostrano che i bambini che avevano partecipato al campo avevano migliorato significativamente le loro abilità di lettura delle emozioni facciali e di altri indizi non-verbali, a differenza di quanto invece fatto dai bambini che avevano continuato a usare i suddetti dispositivi.

Senza l’interazione faccia-faccia si perdono, dunque, importanti abilità sociali che non si possono apprendere allo stesso modo attraverso uno schermo.

Dobbiamo, quindi, ricordare che in quanto creature sociali è per noi necessario interagire direttamente con l’altro e non smettere di comunicare senza la mediazione di strumenti elettronici.

 

ARTICOLO CONSIGLIATO:

Autismo e abilità sociali: deficit nel sistema emotivo-motivazionale

BIBLIOGRAFIA:

 

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 3, media: 4,67 su 5)
State of Mind © 2011-2021 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario