Disturbo d’Ansia Generalizzato nell’Adolescente: un Aiuto ai Familiari

La ricerca porta nuovi strumenti per curare il Disturbo d'Ansia Generalizzato, un disturbo con esordio precoce e graduale che può diventare cronico.

ID Articolo: 30616 - Pubblicato il: 14 maggio 2013
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

 

 

Ridurre il Disturbo d'Ansia Generalizzato. - Immagine: ©-Catherine-Murray-Fotolia.comLa ricerca ci porta nuovi strumenti per curare il Disturbo d’Ansia Generalizzato (GAD), un disturbo d’ansia grave che può avere un esordio precoce e graduale e che, se non trattato, può diventare cronico.

LEGGI ANCHE ARTICOLI SU: ANSIA

La caratteristica principale del DAG è la preoccupazione eccessiva e persistente che negli adolescenti riguarda soprattutto le difficoltà interpersonali: gli adolescenti infatti temono nelle relazioni con gli altri soprattutto di poter essere rifiutati o di non poter scegliere liberamente.

Su questi timori sviluppano il rimuginio che caratterizza il Disturbo d’Ansia Generalizzato: un adolescente che ha l’acne può temere di essere rifiutato da una ragazza che gli piace. Inizierà a pensare a una serie di soluzioni per evitare il rifiuto ad esempio: “Potrei coprire la fronte con i capelli, però la frangia  mi ingrossa il viso…allora potrei utilizzare una pomata ma l’effetto non sarà immediato… sono proprio stupido a pensare a queste strategie… però se non faccio qualcosa verrò rifiutato…”

Bögels e Brechman-Toussaint (2006) hanno messo in evidenza che la sintomatologia del DAG può svilupparsi sin dall’età adolescenziale e spesso è associata a comportamenti interpersonali problematici, soprattutto familiari.

Gli stessi autori avevano individuato la tendenza dell’adolescente con DAG a valutare l’attaccamento ai propri genitori come insicuro e che tale percezione contribuiva ad alimentare i sintomi del DAG. Proprio per questo motivo è necessario conoscere meglio in che modo nella famiglia si creino problemi che rinforzano l’ansia in modo da aiutare i familiari a ridurre il disturbo del figlio.

LEGGI ANCHE ARTICOLI SU: FAMIGLIA

Trattare l’ansia infantile con il computer: Si può!. - Immagine: © sunabesyou - Fotolia.com

Articolo consigliato: Trattare l’Ansia Infantile con il Computer Si Può

Muris e Merckelbach (1998) attraverso uno studio trasversale avevano già precedentemente verificato la presenza di  una correlazione tra percepire il genitore come ipercontrollante e/o rifiutante e intensità dell’ansia. Ma, oltre che di correlazione, è possibile parlare dell’esistenza di un nesso di causa effetto tra stile genitoriale e ansia? 

Un recente studio longitudinale (Hale et al., 2013) fornisce un tentativo di risposta. Studiando 923 adolescenti per un lasso temporale di 5 anni è emerso che la presenza dei sintomi d’ansia porta l’adolescente a percepire i genitori come rifiutanti e ipercontrollanti, andando così ad innescare dei cicli interpersonali disfunzionali in famiglia: così un adolescente con DAG potrebbe vedere i genitori come estremamente preoccupati e controllanti se ad esempio passa ore in bagno cercando di trovare una soluzione all’acne. Allora l’adolescente a causa di questa percezione potrebbe sentirsi ancora più in ansia ed accusare i genitori di essere troppo invadenti. Le critiche rivolte ai genitori potrebbero così andare ad incidere direttamente sul comportamento genitoriale creando squilibri familiari.

I risultati di questo studio sono di notevole rilevanza teorica e clinica poiché grazie a queste riflessioni abbiamo la possibilità di supportare i familiari nella cura del disturbo dei figli: i genitori vanno aiutati a comprendere come le critiche che il figlio con DAG rivolge loro (ossia di essere troppo controllanti o rifiutanti) siano frutto dell’attivazione ansiosa e ad assumere quindi un atteggiamento non difensivo di fronte ad esse. Sottolineiamo che un limite dello studio è che è difficile escludere se le critiche dei genitori siano legati ad ansia e ipercontrollo o siano legate al naturale processo di svincolo e individuazione.

LEGGI ANCHE ARTICOLI SU: GRAVIDANZA E GENITORIALITA’

Messaggio pubblicitario  Nel complesso, a partire da questo studio, sembra che esplorare cautamente da parte del genitore i motivi che portano il figlio a sentirsi controllato e rifiutato può aiutare a creare  un clima familiare più aperto e collaborativo, condizione che favorisce la riduzione dell’ansia.

I risultati di questo studio mostrano nuovi orizzonti nella cura dell’adolescente con DAG poiché hanno messo in evidenza che i sintomi DAG nell’adolescente possono incidere sullo stile genitoriale:  sentirsi descritti come ipercontrollanti e rifiutanti può creare difficoltà nei genitori. Aiutare i genitori a non personalizzare queste critiche può ridurre il clima di allarme o tensione familiare.

Questa idea non sottrae niente all’altro possibile percorso, ovvero che uno stile genitoriale ansioso o allarmato possa favorire nell’adolescente l’idea di essere controllato o fragile.

LEGGI:

ANSIA –  FAMIGLIA – GRAVIDANZA E GENITORIALITA’

BIBLIOGRAFIA

 

Silvia Carlucci

Centro di Terapia Metacognitiva Interpersonale – Roma

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 11, media: 4,09 su 5)
State of Mind © 2011-2019 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario