Il Giro del Mondo tra Loc (Locus of Control) e Psicopatologia

Associazione tra LOC e sintomi depressivi e ansiosi è risultata più debole nelle culture collettiviste rispetto alle culture individualiste.

ID Articolo: 25993 - Pubblicato il: 11 febbraio 2013
Messaggio pubblicitario SFU 2020
Condividi

FLASH NEWS

Rassegna Stampa - State of Mind - Il Giornale delle Scienze Psicologiche

Dalle analisi emerge una forte associazione tra LOC e sintomi depressivi e ansiosi; l’associazione positiva tra LOC esterno e sintomi ansiosi è risultata più debole nelle culture collettiviste rispetto alle culture individualiste.

LEGGI ANCHE ARTICOLI SU: PSICOLOGIA CROSSCULTURALE

Il costrutto di Locus of Control – LOC (Rotter, 1966) si riferisce alla valutazione soggettiva dei fattori cui si attribuisce la causa di eventi, fatti ed esiti.

Le persone caratterizzate da LOC interno considerano esiti ed eventi conseguenti alle proprie azioni, mentre gli individui con prevalenza di LOC esterno ritengono che gli eventi, esiti e risultati siano principalmente influenzati da forze esterne, meno o per nulla controllabili.

Storie di Terapie #3 - Andrea lo Sfortunato. - Immagine: © Giordano Aita - Fotolia.com

Articolo consigliato: Storie di Terapie #3 – Andrea lo Sfortunato.

Secondo le teorie dell’apprendimento sociale (Bandura, 1977; Rotter, 1966), tali processi di appraisal non sono innati ma vengono appresi nella relazione con l’altro in specifici contesti. Il mondo psicologico si interroga da molto tempo sulla relazione tra LOC e psicopatologia: per esempio, la teoria dell’impotenza appresa (Seligman, 1975) evidenzia la disfunzionalità di un LOC esterno in relazione a sintomi depressivi nel ridurre la propensione dell’individuo ad impegnarsi nel problem-solving.

LEGGI ANCHE ARTICOLI SU: DEPRESSIONE

La meta-analisi pubblicata sul numero di gennaio 2013 del Psychological Bulletin prende in considerazione più di 40 anni di studi sul Locus of Control (LOC) con la finalità di verificare se l’associazione tra LOC e sintomi psicopatologici (ad esempio sintomi ansiosi e depressivi) si mantiene uguale o se presenta differenze tra culture individualiste (occidentali) e collettiviste (orientali).

LEGGI ANCHE ARTICOLI SU: ANSIA

Analizzando 152 campioni indipendenti (in totale più di 30.000 adulti) in circa 18 culture differenti, gli esiti dello studio sembrano confermare differenze cross-culturali nella magnitudine della relazione tra LOC e sintomatologia psicopatologica. In generale, dalle analisi emerge una forte associazione tra LOC e sintomi depressivi e ansiosi; l’associazione positiva tra LOC esterno e sintomi ansiosi è risultata più debole nelle culture collettiviste rispetto alle culture individualiste.

Quindi il LOC esterno non è vissuto con connotati egualmente negativi in tutte le culture. Nelle culture individualiste il focus è sulla tendenza a credere nelle proprie capacità di influenzare le situazioni e gli eventi della propria vita, in qualche modo sentendosi in potere di modificare l’ambiente.

Messaggio pubblicitario Diversamente, nelle culture collettiviste i valori dell’interdipendenza e dell’armonia con l’ambiente sono centrali: adeguarsi all’ambiente più che cercare di modificarlo è alla base delle strategie di coping di tali culture. Tutto questo senza che gli individui percepiscano di non avere controllo sulle proprie vite, viceversa la sensazione di controllo sembra derivare dalla percezione di sapersi adattare e adeguare al contesto.

Tanto più che nelle culture collettiviste il LOC esterno non si lega così strettamente agli aspetti ansioso-depressivi cosi come accade in modo più rilevante nei paesi occidentali.

LEGGI ARTICOLI SU: 

DEPRESSIONE – ANSIA – PSICOLOGIA CROSSCULTURALE

 

 

BIBLIOGRAFIA:

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 4, media: 4,25 su 5)
State of Mind © 2011-2021 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Sono citati nel testo

Riviste scientifiche

Categorie

Messaggio pubblicitario